Ecco l'agenda digitale per l'Italia

Il Decreto Semplificazioni affronta finalmente il nodo del digital divide e dell'accesso trasparente ai dati.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-01-2012]

XL decreto semplificazioni agenda digitale

Il cosiddetto Decreto Semplificazioni, da poco varato dal Consiglio dei Ministri, contiene alcune indicazioni che fanno sperare nell'inizio dell'attuazione di una vera Agenda Digitale per l'Italia, come richiesto da più parti.

Sono quattro i punti fondamentali intorno ai quali verte questa parte del decreto, e tutti fanno riferimento a un coordinamento tra il Ministero dell'Istruzione, quello dello Sviluppo Economico e quello della Funzione Pubblica e a una "cabina di regia" che coinvolga Regioni, Province, Comuni e Autorità.

Il primo punto è l'atteso sviluppo della banda larga e ultralarga: i dati parlano di 5,6 milioni di italiani tuttora vittime del digital divide e di 3.000 centri abitati che mostrano una carenza di infrastrutture.

L'obiettivo primario della "cabina di regia" sarà dunque l'eliminazione di queste pesanti difficoltà, la cui presenza mina alla base la possibilità stessa di fornire servizi avanzati.

Il secondo punto è quello indicato come open data: in pratica, si tratta di realizzare la più ampia condivisione possibile dei dati in possesso delle istituzioni pubbliche, così da garantire una trasparenza assoluta verso i cittadini.

Sondaggio
Da casa, come ti colleghi a Internet e a quale velocità?
Confronta i risultati con quelli del 2014
Modem 56K - 2.1%
Adsl a bassa velocità (fino a 2 Mega) - 11.8%
Adsl da 4 a 7 Mega - 49.2%
Adsl da 8 a 20+ Mega - 21.6%
Fibra ottica - 5.0%
Telefonino o chiavetta Gprs - 0.5%
Telefonino o chiavetta Umts - 2.0%
Telefonino o chiavetta Hspa - 5.2%
Telefonino o chiavetta Lte - 0.4%
Tramite Wi-Fi su una rete aperta - 2.1%
  Voti totali: 12540
 
Leggi i commenti (7)

Lo sviluppo del cloud è al terzo posto: con la dematerializzazione dei dati delle pubbliche amministrazione e il loro spostamento verso i servizi remoti si mira a facilitare la condivisione delle informazioni e, di conseguenza, a semplificare la vita di amministratori, funzionari e utenti.

Il quarto e ultimo punto avvistato all'interno del decreto è il riferimento alle smart communities, luoghi virtuali d'incontro tra cittadini, in cui discutere dei problemi e proporre soluzioni direttamente alle pubbliche amministrazioni.

Le proposte del governo hanno subito ricevuto l'accoglienza positiva di Confindustria Digitale (tramite il presidente Stefano Parisi) ma anche suscitato anche qualche voce dubbiosa circa la reale concretezza e utilità di una "cabina di regia".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

Evviva! \:D/ Qualcosa funziona, allora! :D
31-1-2012 16:08

@Zievatron Le sanzioni da te sollecitate sono già state comminate ... leggi il link link :old:
31-1-2012 15:21

La pubblicità non è un elemento contrattuale, daccordo. Ma se ti accalappia raccontandoti delle frottole non è neanche una cosa onesta.
31-1-2012 14:27

Quando si firmano i contratti bisogna leggere il contenuto, la pubblicità non è un elemento contrattuale. :old: Leggi tutto
31-1-2012 10:43

Ho visto. Troppa confusione. :? Leggi tutto
31-1-2012 00:31

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (2107 voti)
Maggio 2022
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Localizzazione al chiuso grazie al 5G
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Apple, Google e Microsoft svelano il sistema che eliminerà le password
Una storia di phishing bancario diversa dal solito: il ladro beffato
Aprile 2022
Una dura lezione dall'Internet delle Cose
Bug nell'app Messaggi, e la batteria si scarica in fretta
Gli USA ottengono l'estradizione di Assange
L'utility che ripulisce Windows 11 è in realtà un trojan
Hacker cinesi sfruttano VLC per diffondere malware
Quando l'intelligenza artificiale bara: l'aneddoto degli husky scambiati per lupi
Che si fa con Telegram? È russo
Lapsus$, arrestati due hacker: sono adolescenti
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 21 maggio


web metrics