Ecco l'agenda digitale per l'Italia

Il Decreto Semplificazioni affronta finalmente il nodo del digital divide e dell'accesso trasparente ai dati.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-01-2012]

XL decreto semplificazioni agenda digitale

Il cosiddetto Decreto Semplificazioni, da poco varato dal Consiglio dei Ministri, contiene alcune indicazioni che fanno sperare nell'inizio dell'attuazione di una vera Agenda Digitale per l'Italia, come richiesto da più parti.

Sono quattro i punti fondamentali intorno ai quali verte questa parte del decreto, e tutti fanno riferimento a un coordinamento tra il Ministero dell'Istruzione, quello dello Sviluppo Economico e quello della Funzione Pubblica e a una "cabina di regia" che coinvolga Regioni, Province, Comuni e Autorità.

Il primo punto è l'atteso sviluppo della banda larga e ultralarga: i dati parlano di 5,6 milioni di italiani tuttora vittime del digital divide e di 3.000 centri abitati che mostrano una carenza di infrastrutture.

L'obiettivo primario della "cabina di regia" sarà dunque l'eliminazione di queste pesanti difficoltà, la cui presenza mina alla base la possibilità stessa di fornire servizi avanzati.

Il secondo punto è quello indicato come open data: in pratica, si tratta di realizzare la più ampia condivisione possibile dei dati in possesso delle istituzioni pubbliche, così da garantire una trasparenza assoluta verso i cittadini.

Sondaggio
Da casa, come ti colleghi a Internet e a quale velocità?
Confronta i risultati con quelli del 2014
Modem 56K - 2.1%
Adsl a bassa velocità (fino a 2 Mega) - 11.8%
Adsl da 4 a 7 Mega - 49.2%
Adsl da 8 a 20+ Mega - 21.6%
Fibra ottica - 5.0%
Telefonino o chiavetta Gprs - 0.5%
Telefonino o chiavetta Umts - 2.0%
Telefonino o chiavetta Hspa - 5.2%
Telefonino o chiavetta Lte - 0.4%
Tramite Wi-Fi su una rete aperta - 2.1%
  Voti totali: 12540
 
Leggi i commenti (7)

Lo sviluppo del cloud è al terzo posto: con la dematerializzazione dei dati delle pubbliche amministrazione e il loro spostamento verso i servizi remoti si mira a facilitare la condivisione delle informazioni e, di conseguenza, a semplificare la vita di amministratori, funzionari e utenti.

Il quarto e ultimo punto avvistato all'interno del decreto è il riferimento alle smart communities, luoghi virtuali d'incontro tra cittadini, in cui discutere dei problemi e proporre soluzioni direttamente alle pubbliche amministrazioni.

Le proposte del governo hanno subito ricevuto l'accoglienza positiva di Confindustria Digitale (tramite il presidente Stefano Parisi) ma anche suscitato anche qualche voce dubbiosa circa la reale concretezza e utilità di una "cabina di regia".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

Evviva! \:D/ Qualcosa funziona, allora! :D
31-1-2012 16:08

@Zievatron Le sanzioni da te sollecitate sono già state comminate ... leggi il link link :old:
31-1-2012 15:21

La pubblicità non è un elemento contrattuale, daccordo. Ma se ti accalappia raccontandoti delle frottole non è neanche una cosa onesta.
31-1-2012 14:27

Quando si firmano i contratti bisogna leggere il contenuto, la pubblicità non è un elemento contrattuale. :old: Leggi tutto
31-1-2012 10:43

Ho visto. Troppa confusione. :? Leggi tutto
31-1-2012 00:31

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Che cosa hai fatto almeno una volta nella vita in una cabina telefonica?
Mi sono spogliato e cambiato.
Ho fatto pipì.
Ho fatto l'amore (con un uomo, una donna o da solo).
Mi sono limitato a ripararmi per la pioggia.
Ho telefonato, ma usando il cellulare.
Ho fatto degli scherzi telefonici rimanendo anonimo.
Da teppista l'ho danneggiata.
Ho telefonato senza pagare.
Ho fatto delle banali telefonate, niente di più.

Mostra i risultati (4199 voti)
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Tutti gli Arretrati


web metrics