Hai un computer? Devi pagare il canone RAI

Stando a un Regio Decreto del 1938, chi possiede PC, smartphone, tablet o impianti di videosorveglianza deve pagare il canone speciale RAI.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-02-2012]

Canone Rai pc smartphone

Chiunque abbia passato di recente anche solo qualche minuto sui canali RAI non può non averlo notato: c'è infatti in onda uno spot in cui si invita al pagamento del cosiddetto canone speciale.

Allo stesso tempo - come segnalano diverse associazioni - molte aziende stanno ricevendo richieste in base alla quali la RAI esige il pagamento del canone: le aziende non avranno dei televisori, ma dei computer certamente sì, e forse persino degli smartphone.

Entrambi i tipi di apparecchi si configurano come «dispositivi atti o adattabili alla ricezione delle radioaudizioni», in virtù di un regio decreto del 1938.

La richiesta non si limita peraltro a computer e smartphone: in linea teorica rientrano nella categoria anche videoregistratori, tablet e persino i sistemi di videosorveglianza.

A seconda delle tipologia di impresa - come segnala Rete Imprese Italia - si può sborsare da 200 a 6.000 euro all'anno; il totale - per le quasi 5 milioni di aziende che dovrebbero pagare - ammonta a circa 980 milioni di euro.

Sondaggio
Cosa ne pensi del ritocco digitale dei film classici (non solo di fantascienza)?
E' un falso storico; i film vanno visti come furono girati.
E' necessario, per evitare che certi film vengano dimenticati.
Va bene, basta che sia indicato chiaramente.
Non me ne può fregar di meno.

Mostra i risultati (3238 voti)
Leggi i commenti (3)

Subito è partita la contestazione della norma: Rete Imprese Italia si è già fatta avanti chiedendo al governo di rivedere la legge, chiedendo di escludere quegli strumenti (come computer e telefonini) che vengono utilizzati - e sono ormai indispensabili - per il lavoro.

«Quella del canone speciale Rai» - scrive al Governo Rete Imprese Italia - «è una richiesta assurda perché vengono "tassati" strumenti come i computer che gli imprenditori utilizzano per lavorare e non certo per guardare i programmi Rai. Tanto più se si considera che il Governo spinge proprio sull'informatizzazione per semplificare il rapporto tra imprese e Pubblica Amministrazione. In questo momento di gravi difficoltà per i nostri imprenditori, di tutto abbiamo bisogno tranne che di un altro onere così pesante e ingiustificato».

Anche in Parlamento qualcosa si muove: i senatori Donatella Poretti e Marco Perduca hanno presentato un'interrogazione in proposito ai ministeri dello Sviluppo Economico e dell'Economia.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Canone, la RAI precisa: per i computer non si dovrà pagare

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Canone Rai, pagherà anche chi non ha la TV

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 73)

Quasi entrambe. Nel senso che la RAI, volendo, la si potrebbe anche recuperare. Leggi tutto
3-3-2013 15:42

Non so se scherzavi, ma io da ragazzo abitavo in una palazzina dove dal citofono usciva 24h/24h la radio di Raiuno :lol:
3-3-2013 12:57

Parli della rai o del canone sul videocitofono? :wink:
3-3-2013 00:01

Ma adesso che il M5S è in parlamento si potrà far sparire questa vergogna almeno?. :wink:
2-3-2013 23:23

@Robertina99: Il problema è che non si conoscono i fatti e si sparano sentenze. Il canone NON E' UNA TASSA, ma un IMPOSTA (per le differenze vi rimando ad un buon testo tributario). Inoltre non è un IMPOSTA qualunque, ma un IMPOSTA sulla detenzione (e non il possesso) dell'apparecchio televisivo. Quindi va pagata solo se si detengono... Leggi tutto
1-3-2013 12:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In Islanda, paese protestante con 320.000 abitanti tutti on line, nei mesi scorsi si è molto parlato di una legge che proibisca completamente la pornografia on line (quella stampata è già proibita) attraverso filtri centralizzati. Secondo te...
E' giusto. Anche in Italia si dovrebbe fare lo stesso.
Non è giusto, perché limita la libertà.
E' giusto, ma tanto ci sarà chi riuscirà ugualmente a scaricare materiale pornografico.
Ci sono problemi molto più importanti.
Aumenteranno ancora di più i suicidi e gli alcolizzati

Mostra i risultati (5300 voti)
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 30 novembre


web metrics