Hai un computer? Devi pagare il canone RAI

Stando a un Regio Decreto del 1938, chi possiede PC, smartphone, tablet o impianti di videosorveglianza deve pagare il canone speciale RAI.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-02-2012]

Canone Rai pc smartphone

Chiunque abbia passato di recente anche solo qualche minuto sui canali RAI non può non averlo notato: c'è infatti in onda uno spot in cui si invita al pagamento del cosiddetto canone speciale.

Allo stesso tempo - come segnalano diverse associazioni - molte aziende stanno ricevendo richieste in base alla quali la RAI esige il pagamento del canone: le aziende non avranno dei televisori, ma dei computer certamente sì, e forse persino degli smartphone.

Entrambi i tipi di apparecchi si configurano come «dispositivi atti o adattabili alla ricezione delle radioaudizioni», in virtù di un regio decreto del 1938.

La richiesta non si limita peraltro a computer e smartphone: in linea teorica rientrano nella categoria anche videoregistratori, tablet e persino i sistemi di videosorveglianza.

A seconda delle tipologia di impresa - come segnala Rete Imprese Italia - si può sborsare da 200 a 6.000 euro all'anno; il totale - per le quasi 5 milioni di aziende che dovrebbero pagare - ammonta a circa 980 milioni di euro.

Sondaggio
Cosa ne pensi del ritocco digitale dei film classici (non solo di fantascienza)?
E' un falso storico; i film vanno visti come furono girati.
E' necessario, per evitare che certi film vengano dimenticati.
Va bene, basta che sia indicato chiaramente.
Non me ne pu˛ fregar di meno.

Mostra i risultati (3397 voti)
Leggi i commenti (3)

Subito è partita la contestazione della norma: Rete Imprese Italia si è già fatta avanti chiedendo al governo di rivedere la legge, chiedendo di escludere quegli strumenti (come computer e telefonini) che vengono utilizzati - e sono ormai indispensabili - per il lavoro.

«Quella del canone speciale Rai» - scrive al Governo Rete Imprese Italia - «è una richiesta assurda perché vengono "tassati" strumenti come i computer che gli imprenditori utilizzano per lavorare e non certo per guardare i programmi Rai. Tanto più se si considera che il Governo spinge proprio sull'informatizzazione per semplificare il rapporto tra imprese e Pubblica Amministrazione. In questo momento di gravi difficoltà per i nostri imprenditori, di tutto abbiamo bisogno tranne che di un altro onere così pesante e ingiustificato».

Anche in Parlamento qualcosa si muove: i senatori Donatella Poretti e Marco Perduca hanno presentato un'interrogazione in proposito ai ministeri dello Sviluppo Economico e dell'Economia.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Canone, la RAI precisa: per i computer non si dovrà pagare

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 73)

Quasi entrambe. Nel senso che la RAI, volendo, la si potrebbe anche recuperare. Leggi tutto
3-3-2013 15:42

Non so se scherzavi, ma io da ragazzo abitavo in una palazzina dove dal citofono usciva 24h/24h la radio di Raiuno :lol:
3-3-2013 12:57

Parli della rai o del canone sul videocitofono? :wink:
3-3-2013 00:01

Ma adesso che il M5S Ŕ in parlamento si potrÓ far sparire questa vergogna almeno?. :wink:
2-3-2013 23:23

@Robertina99: Il problema Ŕ che non si conoscono i fatti e si sparano sentenze. Il canone NON E' UNA TASSA, ma un IMPOSTA (per le differenze vi rimando ad un buon testo tributario). Inoltre non Ŕ un IMPOSTA qualunque, ma un IMPOSTA sulla detenzione (e non il possesso) dell'apparecchio televisivo. Quindi va pagata solo se si detengono... Leggi tutto
1-3-2013 12:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di queste tecnologie obsolete utilizzi di pi¨?
Autoradio con mangianastri
Carta carbone
Ciclostile
Fax
Floppy disk
Lavagna luminosa a lucidi
Lettore di compact disc
Macchina fotografica a pellicola
Macchina per scrivere
Proiettore di diapositive
Registratore a cassette
Segreteria telefonica a nastro
Stampante ad aghi
Telefono a rotella
Videoregistratore VHS
Videotel
Walkie talkie
Walkman

Mostra i risultati (4357 voti)
Maggio 2024
Google infila la IA dappertutto
Dentro la sede dei criminali
Windows 11 24H2 cripta tutti i drive all'insaputa dell'utente
L'app per snellire Windows 11 rimuove anche la pubblicità
Netflix, utenti obbligati a passare agli abbonamenti più costosi
Aprile 2024
MS-DOS 4.00 diventa open source
Enel nel mirino dell'Antitrust per le bollette esagerate
TIM, altre ''rimodulazioni'' in arrivo
L'algoritmo di ricarica che raddoppia la vita utile delle batterie
Hype e Banca Sella, disservizi a profusione
Falla nei NAS D-Link, ma la patch non arriverà mai
La navigazione in incognito non è in incognito
Le tre stimmate della posta elettronica
Amazon abbandona i negozi coi cassieri a distanza
Marzo 2024
Buone azioni e serrature ridicole
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 18 maggio


web metrics