Google, oggi le nuove regole per la privacy

Entra oggi in vigore la policy semplificata nonostante le perplessità dell'Unione Europea.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-03-2012]

google nuove norme privacy

«Stiamo cambiando le norme sulla privacy» ha annunciato Google, nell'ultimo mese, a tutti gli utenti loggati che visitavano i suoi servizi, sottolineando: «sono cose importanti».

Da oggi, il cambiamento è avvenuto: le varie policy circa la protezione dei dati personali sono state sostituite da un testo unico cui fare riferimento, a tutto vantaggio della semplificazione e della chiarezza, per lo meno in teoria.

A ritenere che non sia proprio così è l'Unione Europea, che infatti ha ultimamente chiesto a Google di rimandare l'applicazione delle nuove norme sino a che non avrà completato le indagini per capire se siano compatibili con le direttive dell'Unione sulla privacy.

Tale analisi è stata affidata alla francese Commission nationale de l'informatique et des liberté (Commissione Nazionale dell'informatica e delle libertà), la quale ha condotto delle analisi preliminari giungendo alla conclusione «queste nuove regole non rispettano i dettami della Direttiva europea sulla protezione dei dati (95/45/CE) in termini di informazione delle persone coinvolte».

In sostanza, secondo la CNIL, le nuove regole di Google non forniscono agli utenti informazioni sufficienti circa l'uso che l'azienda farà dei dati raccolti.

Certo, Google afferma che i dati servono per migliorare la ricerca fornendo risultati personalizzati e per rendere più efficienti i servizi in modo da rispondere meglio alle esigenze specifiche dei singoli utenti, ma la CNIL teme che ci sia spazio per degli abusi.

«Per esempio» - scrive la Commissione - «le nuove regole autorizzeranno Google a inserire su YouTube delle pubblicità legate all'attività dell'utente sul suo telefono Android (numero di telefono, numero del chiamante, ora e durata delle chiamate) e alla sua localizzazione».

Sondaggio
Sempre più siti richiedono dati personali in fase di registrazione. Tu come ti comporti?
Li concedo senza problemi.
Piuttosto rinuncio al servizio.
Inserisco dati falsi.
Li concedo solo se ho vera necessità del servizio e comunque solo se il sito mi sembra serio.

Mostra i risultati (5485 voti)
Leggi i commenti (13)

Google, inoltre, è una sorta di "sorvegliato speciale" dell'Europa perché «rappresenta più dell'80% del mercato europeo dei motori di ricerca, circa il 30% del mercato europeo degli smartphone, il 40% del mercato mondiale dei video online e più del 40% del mercato della pubblicità online; Google Analytics, inoltre, è lo strumento di analisi più utilizzato dai siti web europei».

Tutto ciò preoccupa l'UE e la CNIL, che infatti il 27 febbraio ha inviato a Larry Page, CEO di Google, una lettera in cui esprime il proprio rammarico per il fatto che Google non ha consultato gli organismi europei prima di decidere il cambio di policy, afferma di accogliere con favore l'idea di semplificare le norme ma sostiene anche che la trasparenza resta da esse danneggiata.

Google, dal canto proprio, ha risposto che ormai era troppo tardi per fermarsi e che, anzi, una marcia indietro avrebbe confuso ancora di più gli utenti.

Così la nuova policy è entrata in vigore, ma certamente l'Unione Europea non resterà a guardare: aspettiamoci un nuovo intervento e diversi grattacapi per Google.

Nell'attesa che si faccia ulteriore chiarezza, chi è preoccupato per la propria privacy può navigare senza fare login sui servizi della grande G, utilizzare la modalità di navigazione privata del browser o lanciarsi verso l'adozione di un vero sistema anonimizzante come TOR e colleghi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Privacy, sei Paesi europei contro Google

Commenti all'articolo (1)

{citrosodina}
telefono android di vodafone, quello smarzo che regalano ai dipendenti ed é in vendita attorno ai 90-100 euro: non si fa un passo senza che dia errore per mancata login a google. E cosí quasi tutti salvo qualche rielaborazione di Samsung. Cosa resta? Iphone con Apple, Android di google e BB della BB? Vogliamo dire che é sparita la... Leggi tutto
1-3-2012 15:35

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Controlli su Facebook le tue (o i tuoi) ex?
No, non ci penso proprio.
A volte guardo il loro profilo o i loro gli aggiornamenti di stato.
Sì, controllo ogni loro mossa.
Le ex (o gli ex) in genere non sono miei amici di Facebook.
Ma quale Facebook! Io uso Twitter (o Google+ o altro social media).

Mostra i risultati (1731 voti)
Settembre 2020
L'update di Windows 10 di ottobre si installa in pochi minuti
Vecchio televisore mette KO la connessione Adsl di un intero paese
Attacco ransomware mette in ginocchio Luxottica
Ransomware blocca ospedale, muore una paziente
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Tutti gli Arretrati


web metrics