Microsoft ricrea la Silicon Valley in Russia

A Skolkovo un polo di ricerca e sviluppo finanziato dal gigante di Redmond per creare nuove soluzioni per l'IT.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-05-2012]

Skolkovo microsoft silicon valley russa

Un polo tecnologico forte di almeno 100 ricercatori specializzati in Information Technology: questo è ciò che Microsoft starebbe preparandosi a realizzare in Russia, a Skolkovo (nelle vicinanze di Mosca).

La notizia è stata diffusa dal quotidiano russo Izvestia e confermata da un comunicato stampa dell'azienda di Redmond: entro il 2015 Microsoft aprirà un centro in cui ha intenzione di investire diversi milioni di dollari.

All'interno di quella che è già stata ribattezzata "la Silicon Valley russa", Microsoft lavorerà su soluzioni software per l'elaborazione e l'analisi di dati scientifici e per compiere simulazioni, oltre che sullo sviluppo di non meglio precisati progetti.

Saranno inoltre avviati progetti di ricerca in collaborazione con università russe e con istituzioni dedite alla ricerca scientifica, e organizzati eventi per attirare i maggiori soggetti attivi a livello mondiale nel campo dell'IT.

Sondaggio
Quale di questi grandi trend dominerà maggiormente il mercato dell'Information & Communication Technology nei prossimi due anni?
Cloud Computing
Mobility
Virtualizzazione
Sicurezza e Risk Management
Energy Efficiency
Business Intelligence
Big Data

Mostra i risultati (1473 voti)
Leggi i commenti (4)

Se le intenzioni di Microsoft paiono dunque chiare, meno evidenti sono invece quelle delle altre aziende che, sempre secondo l'Izvestia, sarebbero ugualmente interessate a investire a Skolkovo: il quotidiano parla di Apple, Google e Facebook, ma nessuna di queste tre realtà ha confermato o smentito le indiscrezioni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Vero, ma penso che sia più pubblicità che altro infatti paragonare alla Silicon Valley quel pugnetto di ricercatori è ridicolo!!! Questo slogan ridicolo è apparso anche in India, Cina, ecc.. :lol: Ciao Leggi tutto
23-5-2012 23:34

Con 100 persone mi sembra un po prematuro parlare di Silicon Valley.
23-5-2012 19:17

Il problema più grande degli USA è sempre stato la scarsezza di materia grigia, come dimostra il fatto che una percentuale molto vicina al 100% degli scienziati che operano in America sono in realtà immigrati. Forse hanno scoperto che è più conveniente spostarsi in Russia piuttosto che aspettare che i russi vengano negli USA...
23-5-2012 15:27

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2769 voti)
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Windows 11, inizia la seconda fase degli update
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 novembre


web metrics