MySQL, accesso root in pochi secondi

Una falla permette di ottenere l'accesso senza nemmeno dover conoscere la password.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-06-2012]

falla mysql mariadb password

Una falla, in alcune vecchie versioni di MySQL e MariaDB, consente di ottenere pieno accesso rapidamente anche senza conoscere la password di root.

«Se si conosce un nome utente per connettersi (e "root" esiste quasi sempre), ci si può connettere usando *qualunque* password ripetendo i tentativi di connessione. Circa 300 tentativi richiedono soltanto una frazione di secondo, quindi in sostanza la protezione tramite password è praticamente inutile» spiega Sergei Golubchi, coordinatore per la sicurezza di MariaDB.

Il bug sta in un errore di typecasting quando il controllo delle password è effettuato tramite la funzione memcmp, errore che fornisce circa una possibilità su 256 di ottenere l'accesso: in pratica, viene considerata corretta anche una password non valida.

Le versioni vulnerabili di MariaDB e MySQL sono quelle fino alla 5.1.61, 5.2.11, 5.3.5, and 5.5.22M la funzione memcmp integrata in gcc e quella in libc di BSD sono sicure, mentre la glibc di Linux con le ottimizzazioni per SSE non lo è.

Le distribuzioni Linux vulnerabili includono Ubuntu Linux 64 bit (versioni dalla 10.04 alla 12.04), OpenSuSE 12.1 64 bit, Debian Unstable 64 bit, Fedora e Arch Linux; non sono invece affette dal bug sia le build ufficiali di MySQL e MariaDB che le distribuzioni Linux Red Hat Enterprise Linux 4, 5 e 6, CentOS, Ubuntu a 32 bit, Debian 6.0.3, Lenny e Squeeze, Gentoo a 64 bit, SuSE 9.3 e OpenIndiana (un fork di OpenSolaris).

Sondaggio
Utilizzi la funzione di salvataggio delle password nel browser?
Sì, è molto utile
Sì, ma ora non lo farò più perché non è sicuro.
Sì, ma solo per password di poco conto.
No, per sicurezza non ho mai memorizzato alcuna password nel browser.
No, perché? Le password si possono salvare?

Mostra i risultati (5730 voti)
Leggi i commenti (17)

Una scansione di 1,74 milioni di server con MySQL, effettuata dal creatore di MetaSploit, ha rivelato che più del 50% delle macchine sono vulnerabili: considerata la facilità con cui è possibile portare un attacco, l'aggiornamento del software è una priorità.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

wow....davvero incredibile! :O
15-6-2012 09:30

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi grandi portali visiti più frequentemente?
Libero
Blogspot
YouTube
Virgilio
Facebook
Wikipedia
Live (MSN)
eBay
Google
Yahoo!

Mostra i risultati (4078 voti)
Febbraio 2020
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Tutti gli Arretrati


web metrics