Il robottino per aiutare i bambini autistici

Interagendo coi bambini li aiuta a migliorare le loro capacità di comunicazione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-10-2012]

charlie robot autismo

Si chiama Charlie e sembra un pupazzo uscito da un programma per bambini; in effetti è davvero dedicato ai bambini, ma non si tratta di un semplice pupazzo.

Charlie è infatti un acronimo e sta per Child Centered Adaptive Robot for Learning Enviroments (Robot Adattativo per gli Ambienti di Apprendimento Dedicato ai Bambini) ed è stato realizzato da un dottorando dell'Università della Carolina del Sud, Laura Boccanfuso, per aiutare i bambini autistici a migliorare le proprie capacità di comunicazione.

Verde, con fiocchi rossa alle orecchie, Charlie si considera femminile ed è programmata con diversi giochi interattivi basati sulla comunicazione, specialmente per quanto riguarda l'imitazione e l'interazione a turni; per esempio, grazie alla videocamera posta nel naso può rilevare se un bambino ha sollevato un braccio e imitarlo.

Il sensore a infrarossi è in grado inoltre di rilevare la temperatura del bambino che ha di fronte e anche il ritmo della sua respirazione: in questo modo Charlie può capire se si sta agitando e sedersi tranquilla, aiutando così il bambino a calmarsi.

«La mia speranza» - spiega Laura Boccanfuso - «è che Charlie possa venire usato su larga scala e sia disponibile per ogni famiglia. Costruirla non è costoso, e dunque i genitori forse vorranno utilizzare i robot per aiutare in casa i loro figli a migliorare le proprie abilità di comunicazione».

Sondaggio
Quale tra queste Ŕ l'invenzione pi¨ significativa nella storia dell'umanitÓ?
la scrittura
la metallurgia
la ruota
l'esplosivo
le armi da fuoco
la macchina a vapore
l'elettricitÓ
il treno
l'automobile
l'aeroplano
il telefono
la radio
il televisore
il computer

Mostra i risultati (8083 voti)
Leggi i commenti (21)

Intanto sono iniziati i test, condotti insieme a ricercatori della USC School of Medicine, su un gruppo di bambini affetti da autismo: nei prossimi sei mesi l'itnerazione col robot sarà esaminata a fondo e allora - conclude la dottoressa Boccanfuso - «sapremo se la nostra ipotesi sia vera. Sapremo se questo roboto è davvero in grado di migliorare la vita dei bambini con bisogni speciali. Sarebbe un sogno che diventa realtà»

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il cubo che sta in equilibrio su uno spigolo
Il corpo umano come batteria? Yes we can

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Concordo in questo caso pienamente con te! :lol: Uno strumento inanimato penso che anche un bambino autistico lo senta pi¨ distante da un' animale. Leggi tutto
28-10-2012 00:51

Hai ragione valeria. La pet therapy funziona perˇ questo puˇ diventare uno strumento pr esercizi specifici. Spero proprio che riesca nallo scopo...
27-10-2012 13:05

{Valeria}
Buongiorno a tutti! Non so se vado fuori tema trattandosi di notizie di tecnologia, e se così fosse mi scuso anticipatamente, ma trattandosi di autismo credo sia attinente. Esistono svariate terapie di pet therapy con un cane (sapientemente addestrato) e bambini autistici che danno ottimi risultati, piccoli a volte impercettibili... Leggi tutto
25-10-2012 09:50

E' veramente un piacere sen tire di questi tempi queste notizie. Ti scaldano il cuore . Meno male che ogni tanto qualcuno esce dal coro del farabuttismo che sta dilagando nel mondo :complimenti:
25-10-2012 00:08

Mi lascia perplesso. Sicuramente, un robotino Ŕ di gran lunga pi¨ economico ed alla portata di molti rispetto ad una persona preparata, ma Ŕ anche enormemente al di sotto come utilitÓ. Male non farÓ di certo, ma io resto del parere che serve molto pi¨ servizio umano reale che non robotini.
25-10-2012 00:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanto usi il tablet?
Molto. Ce l'ho sempre con me.
Almeno una volta al giorno.
Non tutti i giorni.
Raramente.
Non lo uso quasi mai.
Non ho un tablet.

Mostra i risultati (2054 voti)
Ottobre 2019
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Tutti gli Arretrati


web metrics