Facebook, elusione fiscale in Irlanda?

Il fisco britannico si sente preso in giro dalla misera dichiarazione dei redditi presentata dal social network.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-10-2012]

facebook evasione fiscale

Il fisco britannico è arrabbiato con Facebook: avrebbe abbassato le previsioni sui ricavi e l'hanno scorso avrebbe versato alle casse di Sua Maestà meno di quanto un membro dello staff locale del social network ha guadagnato.

Secondo quanto riportato dal Daily Mail, in media ogni membro dello staff britannico avrebbe ricevuto 270.000 sterline (circa 335.000 euro), mentre il fisco ha ricevuto soltanto 238.000 sterline (circa 295.000 euro).

Pare che Facebook abbia dichiarato introiti per 20,4 milioni di sterline (25,3 milioni di euro) quando in realtà la cifra effettiva sarebbe di 175 milioni (217,3 milioni di euro); la spiegazione starebbe nel fatto che la maggior parte degli incassi sarebbe stata registrata presso la sede di Dublino, secondo un meccanismo ormai standard e, peraltro, legale.

Facebook non è certo la prima multinazionale a porre la propria sede europea in Irlanda, dove le tasse sono sensibilmente più basse rispetto al resto dell'Europa; questo stesso comportamento, nel passato, è già costato l'addensarsi di diversi sospetti su Google e altri.

Al di là dei sospetti e del malcontento, tuttavia, non ci sono state conseguenze: tutte le operazioni paiono sempre, per quanto contorte, legittime ed eseguite a norma di legge, secondo uno schema complicato ma molto efficace se il fine è quello di pagare meno tasse possibile.

Sondaggio
Per quale motivo NON sei (più) sul social network più famoso?
Facebook mi ha stufato. Preferisco godermi Internet.
Non voglio che gli altri si facciano i fatti miei.
Ho da fare. Facebook mi fa perdere tempo.
Amo di più la vita reale.
Non voglio che si sappiano in giro i miei segreti.
Non ho testa per Facebook in questo momento.
A mia moglie (marito, fidanzat*, ragazz*) dà fastidio che io sia su Facebook.
Facebook vende i nostri dati e non rispetta la privacy.
Mi sono accorto che iniziavo a farmi sempre di più i fatti degli altri.
Facebook è morto. Io adesso uso Twitter (o Google+, Pinterest ecc.)

Mostra i risultati (4196 voti)
Leggi i commenti (46)

Richard Murphy, di Tax Research UK, spiega la vicenda dal punto di vista di chi paga le tasse nel Regno Unito: «Il Regno Unito è stato preso in giro. Facebook sta fissando gli standard per le aziende IT a un nuovo livello, verso l'alto o verso il basso, a seconda del punto di vista. Il Regno Unito sta in pratica offrendo agevolazioni fiscali e l'Irlanda ottiene i benefici da tutte le tasse».

Facebook, dal canto proprio, sostiene di aver scelto Dublino per la propria sede non per pagare poche tasse, ma perché in Irlanda si trova il miglior personale possibile.

«Il nostro quartier generale internazionale si trova in Irlanda e dà lavoro a centinaia di persone e a una serie di uffici locali più piccoli che forniscono supporto all'Europa intera» ha dichiarato una portavoce. «Dublino è stata scelta perché è il posto più adatto per assumere personale con le abilità più adeguate a gestire un'operazione hi-tech e multilingua che serve l'intera Europa».

Certo il tutto assume una tinta un po' strana quando si apprende che, per l'anno scorso, gli introiti dichiarati nel Regno Unito (i 20,4 milioni già citati) non sono stati sufficienti a coprire le spese e, perciò, Facebook ha chiuso l'anno con una perdita di 10,2 milioni di sterline e una precisazione.

Tale precisazione recita: «L'informazione non rispecchia necessariamente le prestazioni finanziarie globali; sarebbe dunque un errore trarre conclusioni da questi dati».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
UE, sospetti di elusione fiscale su Apple e FIAT
Apple e Telecom sotto inchiesta
Google e Facebook dovranno versare le tasse in Italia
La Svizzera condanna a tre anni la spia del Fisco tedesco
Google dribbla il Fisco italiano
Apple, elusione fiscale per 74 miliardi di dollari
Google, poche tasse grazie ai paradisi fiscali

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

La resistenza che dobbiamo combattere oggi è contro la grande finanza che si muove al di fuori di ogni regola ed è al servizio non più dei cittadini o delle imprese ma è al servizio delle mafie, dei costruttori d' armi, dei peggiori individui che l' uomo medio neanche conosce. Questi signori della guerra usano le banche per... Leggi tutto
15-10-2012 23:03

@fuocogreco Anch'io non lo sono ma i racconti di coloro che l'hanno vissuta non mi hanno certo fatto pensare che fosse una passeggiata. Però, per fortuna, ho conosciuto persone che l'hanno combattuta dalla parte della Resistenza (tra gli altri mio padre) e il loro spirto ed il loro pensiero mi fa pensare che presto la soluzione sarà... Leggi tutto
15-10-2012 19:44

Gladiator quoto in pieno la tua idea, aggiungo che, non essendo troppo anziano per aver visto una guerra, se si va avanti di questo passo purtroppo mi sembra la via più probabile: una guerra però più vicina ad una insurrezione popolare, MASANIELLI MODERNI! :lurk:
15-10-2012 19:22

@Roberto1960 Quoto tutto il tuo post tranne la conclusione, non credo che la risposta sia: o, meglio credo che questa sia solo una parte della risposta, la ragione preponderante credo che sia perché noi popolino-ino-ino non contiamo un ca..o! O dicendola alla Marchese del G r i l l o "chi ci comanda sono loro e noi nun siamo un... Leggi tutto
15-10-2012 19:15

Ormai noi popolino ino ino piano piano ci stiamo ribellando: vedi quello che succede in Spagna o in Grecia che sono più malmessi di noi. Ciao
12-10-2012 11:05

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i principali ostacoli che ti frenano nell'acquisto di prodotti per una smart home?
Non ne capisco molto di prodotti per la domotica.
Semplicemente non sono interessato a comprare prodotti per la domotica.
Non vedo molti benefici dai prodotti per la domotica.
I prodotti per la domotica sono troppo costosi.
Non ho mai visto un prodotto per la domotica in negozio.
Non ho mai visto un prodotto per la domotica online.

Mostra i risultati (1080 voti)
Settembre 2021
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 26 settembre


web metrics