Internet, sempre più teenager tengono i genitori all'oscuro

Tre quarti dei ragazzi europei sono sicuri di saper come nascondere ai genitori quello che fanno online.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-11-2012]

ragazzi1

Una ricerca ha rivelato un preoccupante gap tra quello che gli adolescenti fanno online e quello che ne sanno i loro genitori.

In tutta Europa, molti ragazzi accedono online a contenuti non appropriati, nonostante quasi i tre quarti (71,2%) degli adolescenti e anche di più nel nostro Paese (76.5%) affermino di avere la fiducia dei propri genitori a proposito di ciò che fanno durante la navigazione sul web.

Quasi un terzo dei genitori europei (31,8%) e il 44% di quelli italiani è convinto che il proprio figlio adolescente dica tutto ciò che fa su internet, e il 63,6% dei genitori ha fiducia nel fatto che non acceda a contenuti non appropriati. Tuttavia, questa disconnessione digitale tra figli e genitori fa sì che molti adolescenti intraprendano attività discutibili, pericolose e addirittura illegali.

Il 41,7% di adolescenti europei (43% in Italia) ammette che i propri genitori disapproverebbero i siti che visitano. Il 43,6% degli adolescenti europei, e quasi la metà in Italia (47,5%) ha visto almeno un video con contenuti che i genitori non approverebbero.

Il 34,1% degli adolescenti europei - cifra che in Italia raggiunge quasi la metà degli intervistati (47,5) - ha ammesso di aver scaricato musica pirata online mentre un preoccupante 6% ha ammesso di aver comprato alcolici o farmaci su Internet.

Il 25,6% dei ragazzi intervistati ha ammesso di cercare online le soluzioni delle verifiche scolastiche; nell'ordine, i più scorretti sono risultati gli adolescenti spagnoli (34%), quelli tedeschi (33,5%) e quelli italiani (30%).

Il 26,5% degli adolescenti italiani ha inviato o pubblicato su Internet una propria foto osé, rispetto a una media europea del'11,6%. Il 23,5% degli adolescenti europei ricerca intenzionalmente online immagini di nudo o esplicitamente pornografiche - e più di un terzo (37,7%) visualizza questo tipo di immagini fino a un paio di volte al mese (54% nel Regno Unito).

Il 15% dei ragazzi europei ha dichiarato di essersi effettivamente incontrato di persona con qualcuno che aveva conosciuto online. Il 44,2% dei genitori si è dimostrato convinto di sapere come scoprire che cosa il loro bambino sta facendo on-line, ma solo un quarto dei ragazzi ha dichiarato di non sapere come nascondere il proprio comportamento ai propri genitori.

La ricerca europea ha svelato che la maggior parte degli adolescenti adotta una serie di misure per nascondere il proprio comportamento online.

Sondaggio
Utilizzi la funzione di salvataggio delle password nel browser?
Sì, è molto utile
Sì, ma ora non lo farò più perché non è sicuro.
Sì, ma solo per password di poco conto.
No, per sicurezza non ho mai memorizzato alcuna password nel browser.
No, perché? Le password si possono salvare?

Mostra i risultati (5716 voti)
Leggi i commenti (17)

Il 47,5% degli adolescenti minimizza la finestra del browser quando un genitore entra nella stanza; in Italia lo fa il 54%. Il 38,8% cancella la cronologia del proprio browser. Il 28,7% degli adolescenti ha visualizzato qualcosa fuori casa. Il 28% nasconde o elimina contenuti video non appropriati. Il 17,7% dei ragazzi ha creato un indirizzo di posta elettronica privato sconosciuto ai propri genitori.

Solo il 22,6% dei genitori ha affermato di aver avuto una conversazione con i propri figli sulla sicurezza online, ma, ancor più preoccupante, il 17,6% non ha fatto proprio nulla per monitorare il comportamento online dei propri figli adolescenti, laddove quasi un terzo (30,8%), è convinto che i propri figli non corrano troppi pericoli online.

Tra i genitori che monitorano in qualche modo i propri figli: Circa un quarto (24%) dei genitori ha impostato le funzionalità di parental control sul dispositivo mobile dei figli adolescenti. Solo il 18,4% conosce la password del dispositivo mobile dei propri figli. Il 10,7% si è fatto dire dal proprio figlio adolescente la password d'accesso all'e-mail o ai social media. Solo il 2,2% imposta le funzionalità di parental control sul proprio computer di casa.

Poco più di un genitore su cinque (21,6%) ammette che il proprio ragazzo è più esperto di tecnologia di loro e che non sarà mai in grado di tenere il passo con i suoi comportamenti online. Oltre a questo, l'8,7% degli adolescenti ha ammesso di disattivare i controlli dei genitori sui propri dispositivi, con un picco del 13,5% in Italia.

Nonostante i tanto pubblicizzati pericoli associati con il furto di dati e di identità, molti adolescenti di tutta Europa non sono temono di pubblicare dati personali on-line. Ancor più preoccupante, la maggior parte dei genitori non si rende conto di quanto può essere pericoloso lasciare queste informazioni online alla portata di tutti.

Il 27% degli adolescenti e il 32% dei genitori hanno dichiarato di essere indifferenti sulla pubblicazione on-line dei nomi utente utilizzati nei programmi di instant messaging. Il 23% dei ragazzi è indifferente alla pubblicazione online del proprio indirizzo di posta elettronica, con quasi un quarto dei genitori che non ci vede nulla di male.

Poco più di un terzo degli adolescenti (34,8%) ha dichiarato di essere indifferente circa la pubblicazione di una propria foto online e il 35,3% ha dichiarato di non trovare nulla di male nel pubblicare una descrizione di quello che appare nelle foto.

Il 20,9% degli adolescenti ha pubblicato online la propria data di nascita, con gli adolescenti in Germania e nei Paesi Bassi che tendono a farlo più spesso (28,5% in ciascun paese). Il 12% dei ragazzi ritiene che pubblicare propri dati personali intimi non sia un rischio, con i genitori ancora più indifferenti su questo punto (16,8%). Il dato più inquietante è che il 9,5% dei ragazzi non ci penserebbe due volte prima di pubblicare i dettagli di luogo e data di un appuntamento. E anche il 16,7% degli adulti non se ne preoccuperebbe.

Come affrontare il problema? Zeus News ha sentito il parere di Ombretta Comi, marketing manager per l'Italia di McAfee.

ZN: Un commento ai risultati di questa ricerca?

Ombretta Comi: "Sono dati che arriveranno come una doccia gelata per molti genitori, e speriamo che questo li incoraggi a prendere misure immediate per proteggere i loro figli. È emerso con tutta evidenza l'enorme divario tra quello che i genitori pensano che i figli facciano su internet e quello che i figli adolescenti fanno veramente.

ZN: Nello specifico come dovrebbero comportarsi i genitori?

Ombretta Comi: I genitori devono assumere un ruolo attivo per garantire ai loro ragazzi un'esperienza online sicura e protetta. Dovrebbero avere frequenti conversazioni con i ragazzi ed entrare in sintonia con loro su quello che stanno facendo online e avvisarli dei rischi e delle conseguenze delle loro azioni.

ombretta comi
Ombretta Comi, McAfee

ZN: Per "ruolo attivo" intende anche l'utilizzo di software di parental control?

Ombretta Comi: "Certamente. Oltre a tenere un occhio vigile, i genitori dovrebbero sapere se, quando e come gli adolescenti scoprono il modo intorno a loro. Ma soprattutto dovrebbero essere onesti con gli adolescenti a proposito dei metodi per tenere sotto controllo e monitorare le loro attività online; in questo modo molti ragazzi ci penserebbero due volte prima di fare certe cose online, sapendo che i genitori possono vederli".

ZN: A volte però sono i ragazzi ad avere più dimestichezza con il Pc.

Ombretta Comi: "I genitori devono imparare a configurare i programmi di parental control. Essendo cresciuti nel mondo online, gli adolescenti spesso hanno più dimestichezza dei loro genitori nell'approccio a Internet, rendendo difficile per i genitori fornire le indicazioni necessarie, e questo li rende ancora più vulnerabili."

ZN: Quindi è una battaglia persa in partenza?

Ombretta Comi: "Niente affatto: i genitori non devono arrendersi. Devono superare i limiti per acquisire familiarità con la complessità dell'universo online ed essere sempre informati e aggiornati sulle varie minacce che attendono i loro ragazzi online."

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Facebook, il mito vacilla: non piace più agli adolescenti

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 19)

La mia idea per quando mia figlia avrà un pc tutto suo sarà quella di installare un keylogger e mandare il tutto ad una zia putativa (in realtà è un'amica di famiglia). Io non verrò a sapere i segreti di mia figlia, i suoi amori e tutto ciò che riguarda la sua sfera intima e privata. La zia riferirà solo in casi gravi. Ma se fa cazzate... Leggi tutto
29-11-2012 09:28

:clap: :clap: :clap: (Fa sempre piacere incrociare gente con il senno posizionato nel posto corretto: riconcilia con l'umanità... :) ) Leggi tutto
29-11-2012 00:59

Ammettilo Jan, sei figlio di Dan... Secondo me più che monitorare i figli, sarebbe da convincerli che la vita sulla terra è basata sul carbonio e non sul silicio... Leggi tutto
28-11-2012 23:40

Io ho paura che molti genitori non si rendono nemmeno conto dei pericoli, tipo pubblicare su un blog o su una pagina feisbuc i propri dati (n.tel, indirizzo, data nascita, ecc.) o, peggio, il luogo e l'ora di un appuntamento... --- Pure io ritengo che il porno sia il minore dei problemi Leggi tutto
28-11-2012 22:44

Be' visto che consideri quello di 17 anni "troppo grande" direi che già siamo più "vicini" di concezione, temevo che "marcassi stretto" anche ragazzi di quell'età o più grandi. Certo che quattro figli... Si può dire che sei stato un "temerario"!!! :wink: Però visto che affermi di essere presente... Leggi tutto
28-11-2012 14:02

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sul tuo Pc (o notebook) c'è installato un hard disk oppure un disco a stato solido?
Entrambi
SSD: è più veloce di un hard disk, si guasta meno, consuma poco.
Disco fisso: è più affidabile, più economico e più capiente di una memoria flash.
Disco fisso sul Pc, SSD sul notebook.
Non so cosa ci sia installato: sono un utente, non un meccanico.

Mostra i risultati (2366 voti)
Ottobre 2019
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Tutti gli Arretrati


web metrics