Ancora sul PC spione spento

Non era colpa del PC, ma di una banale cornetta del telefono appoggiata male. Non era un perfido hacker, ma un vecchietto vicino di casa.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-01-2003]

Ricordate la notizia del giornalista Rai spiato "anche a computer spento"? Secondo le segnalazioni di alcuni lettori, nella bufala è incappato anche il TG3, che come Italia 1 nel riportare la notizia avrebbe sottolineato proprio questo aspetto inquietante (e impossibile). Punto Informatico, nel dubbio, si limita a chiamare quel titolo del Messaggero, che a quanto pare ha scatenato tutto il pasticcio, "una boutade". Per la cronaca, il computer in questione sarebbe un Mac.

Ricevo da un lettore (Fabio M.) la segnalazione che il mistero del computer spione anche da spento si è risolta nella maniera più prevedibile: ossia, che la fonte delle minacce non era "un perfido hacker, ma un paranoico vecchietto, vicino di casa... Pare che, per una cornetta appoggiata male dopo una conversazione dal giornalista Rai, il suddetto fosse stato in grado di carpire brandelli di conversazione di casa Visca: da qui la misteriosa capacità, prima addebitata a profondissime capacità informatiche, di essere a conoscenza di particolari privati della vita della vittima." Nessuna alta tecnologia, nessun complotto di supermaghi dell'informatica capaci come il dottor Frankenstein di ridar vita ai computer spenti, ma una banale cornetta agganciata male.

L'aggiornamento alla notizia, mi dice Fabio, è stato pubblicato su Repubblica di domenica, naturalmente con molta meno enfasi dello strillo iniziale da panico generalizzato, per cui a molti resterà il dubbio di poter essere spiati dal PC spento. E poi mi chiedono perché m'inferocisco quando mi chiamano "giornalista".

Pazienza: altro materiale per Clarence.com e la sua rubrica "penne rubate all'agricoltura". Ma porcate giornalistiche a parte, la falsa notizia ha suscitato molti interrogativi. E' davvero possibile fare una cosa del genere, magari approfittando di certe situazioni particolari?

Per esempio, alcuni lettori (come Gbissa) hanno commentato che alcune schede di rete, presenti in certi computer, hanno una funzione denominata "Wake on LAN", che permette di accendere il pc da remoto. Un computer dotato di una scheda di questo genere e configurato in modo da accettare comandi di accensione ricevuti tramite i cavi di rete (opzione di solito disattivata di default), se collegato a Internet tramite quella scheda di rete, potrebbe essere acceso a distanza.

Il problema è che quel computer dovrebbe avere un indirizzo IP fisso, altrimenti l'aspirante intruso non saprebbe come raggiungerlo per mandargli il comando di accensione a distanza, e dovrebbe essere collegato direttamente a Internet senza router o firewall hardware. La maggior parte dei collegamenti a Internet domestici ha invece un indirizzo IP "dinamico", ossia sempre variabile, che renderebbe impossibile per l'intruso contattare la scheda di rete del PC e "svegliarlo".

L'altra considerazione da fare è che il computer, una volta acceso, fa rumore (ventole, dischi rigidi) e manifesta l'accensione tramite qualche lucetta sulla tastiera, sul monitor o sul mouse. Certo, alcuni modelli di Mac (come quello della falsa notizia) non hanno ventole e quindi sono estremamente silenziosi, ma il disco rigido prima o poi gira e si fa sentire.

In altre parole, un'intrusione che consenta di accendere a distanza un PC spento richiede una combinazione incredibilmente rara di circostanze: un indirizzo IP fisso, l'assenza di qualsiasi firewall hardware, una scheda di rete configurata per avviarsi se riceve un certo segnale dal cavo di rete, e un computer talmente silenzioso da non riuscire a distinguere se è acceso o spento. Di certo non sono circostanze molto frequenti, per cui dormite sonni tranquilli. I veri pericoli informatici sono altri.

Se proprio siete paranoici, comunque, potete ricorrere a un rimedio estremamente semplice: staccare dal PC il cavo di connessione a Internet quando non lo state usando. Nonostante i progressi dell'informatica, infatti, è ancora estremamente difficile per un intruso entrare in un PC scollegato. E per maggior scrupolo, potete staccare la spina di alimentazione, così non c'è il rischio di lasciare il computer inavvertitamente in standby anziché spegnerlo veramente.

Questo, oltre a proteggervi in buona misura dalle intrusioni, vi ripara anche dalle sgradite sorprese che possono capitare in caso di temporale, quando i fulmini generano scariche elettriche nei cavi telefonici e di alimentazione che possono causare notevoli danni al computer.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

penne rubate all'agricoltura? ;-) Leggi tutto
1-3-2003 01:28

Mauro Lambertini
Fabio Visca forse non c'entra... Leggi tutto
16-2-2003 15:57

Indovina un po' Leggi tutto
12-2-2003 15:16

pino
luce sul mouse Leggi tutto
12-2-2003 13:28

Antony
Certe volte la mente umana non ha limiti.Io avevo fatto l'osservazione di un comando a distanza, ma in questo caso si potrebbe trattare di spionaggio. Ragazzi noto che in giro ci sono molte bufale ma di quelle grose.
10-2-2003 15:07

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa pensi della domotica?
Se ne parla da almeno dieci anni ma di applicazioni pratiche ne ho viste ben poche.
I prodotti disponibili sono troppo costosi, non hanno mercato.
E' il futuro ma qualcosa si vede giÓ oggi.
Si possono ottenere dei discreti risultati senza svenarsi: basta la propensione al "fai da te" e un po' di hacking.
Prima che io finisca di rispondere a questo sondaggio... il frigorifero avrÓ fatto la spesa on line da solo e il forno avrÓ deciso la mia cena sulla base dei miei gusti e degli ingredienti che ho in casa, mentre sullo smartphone mi sarÓ apparsa l'immagine di un venditore di aspirapolveri che ha appena suonato al citofono. Ma ovviamente a pulire i pavimenti ci pensa il robottino.

Mostra i risultati (1595 voti)
Marzo 2023
Hyundai: i touchscreen nelle auto sono pericolosi
Windows 11, ancora SSD lenti dopo l'ultimo aggiornamento
La IA entra in Gmail e nei Documenti di Google
Samsung beccata a barare sulle foto della Luna
Perché c'è una fotocamera negli scanner dei supermercati?
Il primo datacenter lunare sta per aprire i battenti
Amazon chiude 8 negozi “senza commessi”
Meta inietterà la IA in WhatsApp, Facebook Messenger e Instagram
Febbraio 2023
Intelligenza artificiale: il programmatore pericoloso
SPID a rischio, due mesi per deciderne il futuro
L'UE vara il Portafoglio per l'Identità Digitale
Sfida su TikTok costringe ad aggiornare 8 milioni di auto
Windows 11 è praticamente uno spyware
La verità sul “massiccio attacco hacker” di cui tutti parlano
L'Internet Archive adesso ospita anche le calcolatrici scientifiche
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 marzo


web metrics