Anonymous attacca il sito del Palazzo di Giustizia di Milano

Ma cara presidente Pomodoro, il pericolo per le istituzioni non sono gli hacker.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-02-2013]

hacker anonymous tribunale milano

Livia Pomodoro è stata per anni il presidente del Tribunale dei Minori di Milano, cosa che ha fatto con molta passione.

Per anni ha chiesto con forza una riforma della giustizia minorile, ha avuto un'attenzione particolare al problema dei bambini di coppie separate.

Ma tutti i suoi appelli sono sempre stati ignorati dalla politica, a cominciare dalla richiesta di più uomini e donne, di più risorse e di più mezzi, per evitare che il Palazzo di Giustizia di Milano sia dichiarato inagibile e che, se dovesse crollare in testa a qualcuno, i magistrati non debbano condannare lei e altri per non averlo evitato.

In compenso, da anni, l'ex premier Berlusconi dice che i magistrati di Milano sono solo comunisti, giustizialisti, manettari, femministi, insomma gentaglia che vuole rovinare la politica, l'economia, l'Italia.

A fronte di tali dichiarazioni ogni tanto Livia Pomodoro sbuffa, si dimostra insofferente, ma poi che ci può fare?

Berlusconi, Formigoni, Maroni, sono potenti, li votano in tanti; pazienza, l'importante è portare a casa lo stipendio.

Sondaggio
Anonymous chiede ai suoi seguaci se l'attacco sferrato al blog di Beppe Grillo sia legittimo. Secondo te?
Sì - 22.1%
No - 28.6%
No, perché è un sito d'informazione: Anonymous non attacca i media. - 34.3%
Sì, indagate su Casaleggio. - 15.0%
  Voti totali: 1410
 
Leggi i commenti (54)

Fa niente se Previti corrompe i magistrati, come ha dimostrato una sentenza della Cassazione; e fa niente se poi Berlusconi, oltre a insultarli, fa condoni, depenalizza il falso di bilancio, aumenta i tempi dei processi, abbrevia le prescrizioni, si assicura con lodi e lodetti l'impunità.

Il vero nemico delle istituzioni secondo Livia Pomodoro sono gli hacker di Anonymous perché, simbolicamente, pur senza sottrarre dati riservati e senza apportare danni permanenti, fanno un defacement del sito del Palazzo di Giustizia, di quello dell'Amministrazione Penitenziaria e della Polizia Penitenziaria (anche se si tratta comunque di un reato e non intendiamo certo farne apologia, anzi).

D'altra parte per la signora Pomodoro, che ha speso una vita al servizio dello Stato, ammettere che i nemici della Giustizia siano all'interno e ben piazzati, da anni, proprio ai vertici dello Stato è troppo dura.

Per fortuna che ci sono gli hacker con cui prendersela.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Anonymous, attacco al Viminale
Gli arresti di Anonymous e la nomina del capo della Polizia
Anonymous dichiara guerra alla Corea del Nord
I criminali informatici colpiscono i gamer
Facebook sotto attacco, ma dati utenti in sicurezza

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Sciocchino :lol: Leggi tutto
4-3-2013 01:48

Premesso che non ho ben capito le motivazioni che stanno alla base dell'attaco di Anonymous, e a prescindere dal fatto che ciò che hanno fatto è comunque illegale, sicuramente la cara presidente Pomodoro ha perso un'occasione per evitare una figuraccia. Come le pene devono essere commisurate ai reati anche certi commenti lo dovrebbero... Leggi tutto
3-3-2013 10:14

Ma se l'è presa molto? :?
20-2-2013 18:16

Come ha ben detto Todardo la signora Pomodoro invece di prendersela con i veri ladri ( primo tra tutti Berlusconi il Kaimano :evil: :evil: ) se la prende con chi ( seppur con modi scorretti) denuncia i veri malfattori dello stato.
18-2-2013 23:52

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (1947 voti)
Febbraio 2020
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Tutti gli Arretrati


web metrics