L'Europa investe 50 milioni di euro nella tecnologia 5G

La Commissione Europea vuole riprendersi il primato sugli USA e creare una rete 100 volte più veloce di quella 4G.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-03-2013]

neelie kroes

Anche se da noi la connettività su rete cellulare 4G ha da poco iniziato a muovere i propri passi, altrove - e particolarmente - al di fuori dell'Europa la sua diffusione è molto maggiore.

Che l'Unione Europea abbia perso l'occasione di mostrarsi all'avanguardia in questo settore non è sfuggito al Commissario europeo per l'agenda digitale Neelie Kroes, che si è rammaricata del fatto che il Vecchio Continente, dopo aver inventato lo standard GSM, ora sia costretto a inseguire Stati Uniti e Asia.

Il commissario Kroes non si è però limitata alle parole e ha deciso di farle seguire dai fatti: ha così annunciato uno stanziamento di 50 milioni di euro per lo sviluppo della tecnologia 5G.

Al momento, la sigla 5G non indica una tecnologia specifica quanto piuttosto le ricerche in corso circa la realizzazione di una rete ancora migliore rispetto a quella basata sulla tecnologia 4G.

«Voglio che sia l'industria europea ad aprire la strada verso il 5G» ha dichiarato Neelie Kroes presentando i finanziamenti ai vari progetti di ricerca in questo senso tra cui si segnala METIS, che mira a sviluppare una rete di prossima generazione entro il 2020 (e ha ottenuto 16 dei 50 milioni stanziati).

Sondaggio
Qual è la strategia ''mobile'' per il tuo web business?
Nessuna, spero che il traffico mobile diminuisca.
La versione mobile del mio sito.
Sto studiando il mobile proprio in questo periodo.
Non ho ancora piani o strategie.
Offrire app gratuite.
Sviluppare app da vendere.

Mostra i risultati (453 voti)
Leggi i commenti

METIS punta a fornire prestazioni da 10 a 100 volte superiori a quelle delle reti 4G, una capacità egualmente maggiore (per numero di dispositivi connessi) e un quinto del lag.

La Commissione Europea ha infine affermato che tra il 2007 e il 2013 sono stati assegnati oltre 700 milioni di euro per le ricerche sulle reti future, e che la metà di questa somma è stata dedicata alle tecnologie wireless.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Europa e Sud Corea collaborano per il 5G
Banda larga, l'Italia continua ad arrancare
LTE, l'Europa libera la banda
UE, è ora di cambiare le norme sul copyright
GSM, la fine è vicina
Vodafone porta la connettività 4G a Ivrea

Commenti all'articolo (3)

{Luca B.}
Concordo con i precedenti commenti. In ogni caso, se so sprecati con 50 milioni.
15-3-2013 15:11

{Giovanni}
Quoto spacexplorer, e poi... i 50 milioni sono per i panini dei ricercatori?
3-3-2013 14:46

Due cose: la tecnologia 4G non è una tecnologia ma una famiglia, se già col 2G (GSM), 2.5G (Edge), 3G e 3.5G (HSPA/HSPA+) nel mondo si usano un po' di bande diverse, diciamo 4 per quasi "tutte le zone di interesse", col 4G siamo ad un mucchio di bande diverse infatti *in tutto il mondo* non stà per un cavolo prendendo piede e... Leggi tutto
1-3-2013 19:16

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa pensi della domotica?
Se ne parla da almeno dieci anni ma di applicazioni pratiche ne ho viste ben poche.
I prodotti disponibili sono troppo costosi, non hanno mercato.
E' il futuro ma qualcosa si vede già oggi.
Si possono ottenere dei discreti risultati senza svenarsi: basta la propensione al "fai da te" e un po' di hacking.
Prima che io finisca di rispondere a questo sondaggio... il frigorifero avrà fatto la spesa on line da solo e il forno avrà deciso la mia cena sulla base dei miei gusti e degli ingredienti che ho in casa, mentre sullo smartphone mi sarà apparsa l'immagine di un venditore di aspirapolveri che ha appena suonato al citofono. Ma ovviamente a pulire i pavimenti ci pensa il robottino.

Mostra i risultati (1454 voti)
Luglio 2020
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Tutti gli Arretrati


web metrics