Una cura per l'AIDS dal veleno delle api

La melittina contenuta nel veleno è in grado di danneggiare il virus HIV.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-03-2013]

ape aids

Pare che le comuni api mellifere non svolgano più soltanto un per altro importantissimo ruolo nell'ecologia del pianeta.

Secondo uno studio della Washington University a Saint Louis (Missouri, USA) potrebbero essere chiamate a contribuire al contrasto di una delle più comuni e importanti malattie virali di questi ultimi anni, l'AIDS.

Infatti il loro veleno - nella specie un componente chiamato melittina che è responsabile del bruciore e degli arrossamenti associati alle punture dell'insetto - possiede virtù disinfettanti e fungicide.

Per effettuare i test i ricercatori hanno legato la tossina a delle nanoparticelle che l'hanno trasportata: la melittina ha dimostrato di essere in grado di "bucare" la membrana protettrice che circonda il virus.

Se la melittina, di per sé, è dannosa, scegliere di legarla a delle nanoparticelle ha l'effetto di impedirle di danneggiare le cellule (virus a parte, ovviamente).

Sondaggio
Come credi che sarÓ la vita per la maggior parte della gente nel 2100?
Un idillio ipertech.
Grossomodo come adesso, con qualche giocattolo in pi¨ e/o in meno.
Roba da candelabri, biciclette e abaco.
Terribile, da gente allo sbando, senza pi¨ civiltÓ.
Non ci sarÓ pi¨. Ormai saremo estinti, o sull'orlo dell'estinzione.

Mostra i risultati (3112 voti)
Leggi i commenti (26)

La comune terapia anti-HIV consiste nell'inibire al virus di riprodursi dopo essere stato trasmesso ad un nuovo ospite, ma non è in grado di arrestare la flogosi iniziale, tanto che spesso si genera una resistenza alle cure.

Il vantaggio della nuova frontiera contro la malattia è che viene attaccata fisicamente una parte essenziale della struttura del virus; pare che lo stesso non sia in grado di ovviare a un attacco di questo tipo perché deve possedere integra quella doppia membrana che lo ricopre e serve a renderlo invulnerabile ai medicamenti.

Poiché sembra che ormai le nanoparticelle siano di agevole reperibilità, la sperimentazione clinica potrà proseguire sino all'immissione sul mercato (così sperano i ricercatori) di una pomata o un gel di facile applicazione, da usarsi a scopo preventivo in tutti quegli ambienti sociali in cui è più facile la trasmissione della malattia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La penna USB che fa il test per l'Aids
Il primo uomo guarito dall'HIV
Taggate cinquemila api della Tasmania
Come fermare i virus che si diffondono in aereo
Sindrome dell'arto fantasma su persone non amputate
Il cerotto per chi ha paura degli aghi
La zanzara che vaccina quando punge
Realizzato in laboratorio il supervirus dell'aviaria
Dal lievito potenziato al vaccino universale

Commenti all'articolo (5)


@ant_villani Se intendi la veritÓ, che per semplicitÓ definirei assoluta - ovvero quella pi¨ probabile e aderente ai fatti, non credo che la sapremo mai, come, del resto, nella quasi totalitÓ dei casi controversi. Generalmente noi veniamo a conoscenza delle veritÓ che coloro che hanno interessi specifici in merito e che riescono a... Leggi tutto
31-3-2013 16:54

Interessante, peccato che l'ultimo aggiornamento sia a Maggio 2002. Ne Ŕ passata di acqua sotto i ponti. Purtroppo come per l'areo che avrebbe colpito il pentagono queste resteranno solo teorie, chissÓ se sapremo mai la veritÓ.
27-3-2013 07:57

Attenzione!! Sarebbe utile, innanzitutto, stabilire se la sindrome da immunodeficienza sia o no causata da un virus (o retrovirus). GiÓ nel 1984 l'OMS aveva agli atti oltre 4.000 casi di decessi da AIDS senza che i "malati" risultassero sieropositivi. Molti medici e ricercatori hanno un'opinione diversa da quella imposta dal... Leggi tutto
27-3-2013 00:32

una volta i contadini si facevano pungere direttamente sulle articolazioni per combattere dolori reumatici e artritici. :idea: E c'Ŕ stata persino in commercio una pomata a basa di veleno d'api, da spalmare sulle parti doloranti con la medesima finalitÓ. Poi ovviamente si abbandonano le cose che funzionano senza rendere miliardi alle... Leggi tutto
25-3-2013 18:31

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te quale di questi scienziati avrebbe meritato il premio Nobel?
Andrew Benson, per la scoperta del Ciclo di Calvin della fotosintesi clorofilliana.
Dmitri Mendeleev, per l'ideazione della tavola periodica degli elementi.
Fred Hoyle, per gli studi sulla nucleosintesi stellare.
Jocelyn Bell Burnell, per la scoperta delle pulsar.
Nikola Tesla, per i suoi lavori sulla trasmissione delle onde radio.
Albert Schatz, per la scoperta della streptomicina (rimedio contro la tubercolosi).
Chien-Shiung Wu, per i lavori sulla legge di conservazione della paritÓ.
Oswald Avery, per gli studi sulla trasmissione dei caratteri ereditari tramite DNA.
Douglas Prasher, per la scoperta della proteina fluorescente verde.
Lise Meitner, per il contributo ai lavori sulla fissione nucleare.

Mostra i risultati (1417 voti)
Dicembre 2018
L'open Internet rischia di chiudersi
Robot di Amazon manda all'ospedale oltre 20 dipendenti
Le aziende si preparano a sostituire il Wi-Fi con reti 5G private
Lo smartphone con Linux e KDE che non è un telefono cellulare
Hacker viola 50.000 stampanti per invitare tutti su un canale Youtube
Novembre 2018
Facebook e il caso dei messaggi zombie
Malware nei portatili Lenovo, utenti risarciti con 7,3 milioni di dollari
Gioca dal vivo a PUBG e uccide l'amico
Amazon, nomi e indirizzi email degli utenti rivelati per errore
Bethesda e la patch da quasi 50 gigabyte per Fallout 76
Sai che cos'è il phishing? Allora hai più probabilità di cascarci
Il Garante privacy boccia la fattura elettronica
Windows 10, ritorna l'October Update
Tim in piena tempesta: sfiduciato l'amministratore delegato Genish
Windows 10, aggiornamento problematico: non ricorda le associazioni dei file
Tutti gli Arretrati


web metrics