Rinnovabili soddisfano 28% fabbisogno nazionale

Sono 27 i Comuni italiani ''100% rinnovabili''. Il più virtuoso è Prato allo Stelvio.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-03-2013]

legambiente comuni rinnovabili

Continua a crescere la produzione di energia pulita da parte dei Comuni italiani: la notizia viene da Legambiente, che ha pubblicato il rapporto Comuni Rinnovabili 2013.

Nel nostro Paese ci sono infatti 27 Comuni rinnovabili al 100%, ossia in cui il fabbisogno energetico, sia elettrico che termico, viene coperto da impianti tutti basati su fonti rinnovabili.

Il premio per il miglior risultato raggiunto è andato al comune di Prato allo Stelvio (provincia di Bolzano) e alla cooperativa E-Werk Prad, che grazie a 18 diversi impianti hanno costituito un mix in grado di far calare del 27% la bolletta elettrica e del 62% quella per il riscaldamento ai soci della cooperativa, rispetto alla media italiana.

Se poi ci si limita a considerare i comuni che utilizzano solo fonti rinnovabili limitatamente alla produzione di energia elettrica si scopre che il totale ammonta a 2.400.

Su scala nazionale, il 28,2% dei consumi elettrici nel 2012 è stato soddisfatto grazie a fonti energetiche rinnovabili che, stando a quanto dichiarato dal vicepresidente di Legambiente Edoardo Zanchini, «stanno ridisegnando lo scenario energetico del nostro Paese, con risultati impensabili solo pochi anni fa in termini di diffusione e produzione a dimostrare come gli impianti sono sempre più affidabili e competitivi».

Sondaggio
La cosiddetta green economy genera nuova ricchezza e aumenta sempre di più. Secondo te:
E' un sintomo di vera innovazione.
Significa che bisogna ripensare il concetto di sviluppo.
Lo sviluppo economico non può fare a meno dello sfruttamento ambientale.
E' la prova che economia e ambiente possono andare di pari passo.
E' solo una speculazione temporanea.

Mostra i risultati (4015 voti)
Leggi i commenti (6)

L'associazione non vuole però limitarsi a festeggiare i buoni risultati conseguiti finora, ma chiede un impegno al nuovo governo: «chiediamo di intervenire subito per offrire una prospettiva di sviluppo duratura a un settore che può essere il traino per la crescita economica e la creazione di lavoro. Proprio i Comuni rinnovabili, come Prato allo Stelvio, ci insegnano che il futuro è già qui e che l?innovazione non si deve fermare mai».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 22)

Pare che per l'anno nuovo abbiamo superato il 33% (circa il 38% più di 1/3) :shock: :shock: :shock: [img:c08b5396e2]http://4.bp.blogspot.com/-aED8zR2y4eI/UWbuWlOFOAI/AAAAAAAAPOw/c3Fv5duk8RE/s320/rinnov2013marzo-1.jpg[/img:c08b5396e2] Ciao Leggi tutto
12-4-2013 16:44

Si saranno fatti di qualcosa che acquistano all'estero e che in qualche modo devono pagare. :roll: Leggi tutto
12-4-2013 15:01

Veramente il nucleare nel mondo produce pochissima energia elettrica e poi i consumi calano di giorno in giorno. :lol: Ciao Leggi tutto
29-3-2013 18:44

Verissimo! Infatti i costi nucleari NON erano massificabili, che vuol dire che con l'uso continuo e la produzione di massa si abbassi il prezzo. Notare che il nucleare iniziò nel 50' e ricevette miliardi di sovvenzioni ma i cosi rimasero altissimi. Le batterie si! Questo perchè il suo costo è legato al costo di costruzione e non... Leggi tutto
29-3-2013 18:01

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te quale tra queste donne andrebbe ricordata maggiormente per le sue scoperte?
Elizabeth Blackwell (fu pioniera nella medicina)
Rachel Carson (lanciò il movimento ambientalista contro i fitofarmaci)
Marie Curie (studiò le radiazioni)
Rosalind Franklin (contribuì alla scoperta del DNA)
Jane Goodall (studiò la vita sociale degli scimpanzé)
Ipazia (astronoma e matematica della Grecia antica)
Ada Lovelace (fu la prima programmatrice di computer)
Barbara McClintock (scoprì l'esistenza dei trasposoni)
Maria Mitchell (scoprì la cometa di Mitchell)
Lise Meitner (elaborò la teoria della fissione nucleare)

Mostra i risultati (1838 voti)
Agosto 2022
Microsoft avvisa: attenzione all'aggiornamento KB501270
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 20 agosto


web metrics