Web e diritto d'autore, l'AGCOM pronta a intervenire

A giugno l'Autorità emanerà il regolamento per intervenire sulle violazioni del copyright nel web. Anche senza una legge a supporto.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-05-2013]

angelo cardani

In questi giorni su Sito non raggiungibile viene promossa una raccolta di firme per una petizione preparata dal giurista Fulvio Sarzana al fine di richiedere una pausa di riflessione all'AGCOM per quanto riguarda l'emanazione del Regolamento su web e diritto d'autore, atteso entro l'estate.

«Abbiamo sempre mantenuto le promesse, quindi penso che noi faremo il nostro dovere, anche se il precedente presidente dell'Agcom aveva sollecitato il Parlamento ad un intervento vista la sensibilità della materia legata ai diritti delle persone. Ma il Parlamento non si è mosso e allora entro l'estate faremo il regolamento» ha spiegato Angelo Marcello Cardani, presidente dell'Autorità.

Tale regolamento darebbe all'AGCOM il potere di rimuovere contenuti dal web senza l'intervento della magistratura e senza la necessità di avere una normativa di copertura emanata dal Parlamento.

Sondaggio
Quando cerchi un brano musicale, o un intero Cd, cosa fai più spesso?
Scarico il brano o il Cd su iTunes: costa poco ed è legale.
Scarico l'Mp3 con Torrent o eMule o altro servizio simile.
Ascolto la canzone in streaming (per esempio su Youtube), anche se non posso scaricare l'Mp3.
Vado nel mio negozio di dischi o maxistore preferito.
Altro.

Mostra i risultati (3535 voti)
Leggi i commenti (16)

La petizione verrà inviata al presidente dell'AGCOM, al presidente della Camera Laura Boldrini e al presidente del Senato Piero Grasso.

Tra gli altri hanno già aderito il presidente dell'AIIP Renato Brunetti e quello di Assoprovider Dino Bortolotto, Il presidente di Assintel Giorgio Rapari, quello dei Giovani imprenditori della CNA e il giornalista Stefano Corradino direttore dell'associazione Articolo 21.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Agcom approva il nuovo regolamento, ora la parola al Tar
AGCOM, le nuove regole sul copyright ispirano fiducia
Libertà in rete, Pietro Grasso non vuole censure

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)


@etabeta Belle parole ma il 99% della musica che vendono oggi come "nuova" e stata fatta negli anni 60, 70, 80. Cambiano qualche parola, qualche accordo, la velocità d'esecuzione, (spesso neanche quella) ma sono solo vecchissime musiche che gli sbarbatelli comprano come novità. Addirittura vidi un padre che tirò fuori un suo... Leggi tutto
11-5-2013 06:23

Credo che sia necessario riconoscere il diritto di un autore di distribuire la sua opera come vuole, con copyright canonico o creative commons. Questo è il problema. Il problema dell'arricchimento degli artisti è relativo, se nessuno acquisisse i diritti della loro opera farebbero la fame ergo se si arricchiscono in definitiva è colpa... Leggi tutto
10-5-2013 22:11

Concordo pienamente con Padulosauro. :clap:
9-5-2013 15:12

{Padulosauro}
Certo, certo, esce sempre il caso umano del povero artista che aspetta i suoi miseri 4 milioni di dollari ergendosi a paladino contro i perfidi Iuesseì governati dai masoni che gombloddano e ci mandano i loro scii kimici. Intanto la realtà dei fatti è che si tratta di un settore MULTIMILIARDARIO fondato... Leggi tutto
9-5-2013 09:12

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (400 voti)
Giugno 2021
Windows 11, l'ISO del sistema finisce in Rete
Windows 11, i primi screenshot sfuggono in Rete
Tutti gli indizi che puntano a Windows 11
Gli hard disk al grafene sono 10 volte più capienti
Microsoft nasconde la fotocamera sotto lo schermo che forma il logo di Windows
Il nuovo Windows 10 si svela a fine mese
Nuova tecnica contro il ransomware: ingannare il sistema di pagamento
Maggio 2021
Malvivente condannato grazie a una foto delle dita pubblicata online
Annunciata la prossima generazione di Windows
Guidi male? Forse è un primo segno di demenza
Scarsità di chip, televisori più cari del 30%
Android 12: veloce, attento alla privacy e personalizzabile
Nella Tesla schiantatasi con “nessuno” al volante c’era qualcuno al volante
WhatsApp, funzionalità ridotte se non si vogliono regalare i dati a Facebook
La scorciatoia da tastiera che scongela il Pc
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 giugno


web metrics