Quando i pirati si lamentano della pirateria

Grazie allo scherzo arguto di uno sviluppatore indipendente di videogiochi, la pirateria si ritorce contro i pirati stessi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-05-2013]

priate message

Greenheart Games è una piccola azienda, fondata da due fratelli - Patrick e Daniel Klug - che sviluppa videogiochi indipendenti.

Dopo due anni di sviluppo ha rilasciato il proprio primo gioco, Game Dev Tycoon, che mette il giocatore nei panni del proprietario di un'azienda che sviluppa videogiochi: il compito, ovviamente, è far prosperare l'azienda proponendo giochi innovativi.

La parte interessante di questa storia sta però nel fatto che, oltre a mettere in vendita Game Dev Tycoon, i fratelli Klug hanno anche messo a disposizione via BitTorrent una versione pirata, alla quale hanno apportato una piccola ma cruciale modifica.

Chi scarica e adopera quella versione, infatti, dopo alcune ore di gioco si vede apparire un messaggio il quale lo informa che il videogioco prodotto e venduto nella finzione sta venendo piratato in maniera molto pesante, e che ciò sta facendo crollare le finanze dell'azienda.

Di lì a poco, la società virtuale è costretta a dichiarare bancarotta a causa della pirateria di cui sono vittime tutti i videogame da lei prodotti.

Sondaggio
Qual è il tuo principale strumento di gioco?
Il Pc
Il notebook
Il tablet
Il telefonino
La console di casa
La console portatile
Giochi tradizionali (da tavolo, di ruolo, di carte ecc.)
Giochi sul web

Mostra i risultati (2145 voti)
Leggi i commenti (5)

Il lato più divertente sta però nel fatto che i vari pirati "veri" che hanno scaricato illegalmente Game Dev Tycoon hanno iniziato a lamentarsi in Rete di quanto avviene alla loro azienda virtuale, non cogliendo il sottile scherzo giocato loro dai fratelli Klug.

«Perché ci sono così tante persone che piratano il gioco? Mi stanno rovinando!» si lamenta uno.

Così Patrick Klug spiega come è nata l'idea di questa particolare "campagna di sensibilizzazione: «All'inizio avevamo pensato di dir loro che quella copia era illegale, ma poi non abbiamo voluto farci sfuggire l'opportunità unica di metterli davanti a uno specchio e mostrar loro che cosa la pirateria può fare agli sviluppatori di videogiochi».

steam

I fratelli Klug raccontano l'intera vicenda sul blog ufficiale della loro azienda, dove c'è anche un interessante grafico che mostra come, appena un giorno dopo il rilascio di Game Dev Tycoon, 214 persone avevano acquistato la versione legale, e ben 3104 avevano scaricato quella pirata.

I dati sono attendibili perché la versione pirata contiene un codice che informa la Greenheart Games, in maniera anonima, dell'attivazione di una nuova copia.

Nonostante l'elevata percentuale di persone che non vogliono spendere nemmeno i 7,99 dollari necessari ad acquistare la versione legale, Patrick Klug non ce l'ha con i pirati.

itruinsme

«Quando ero più giovane, scaricare copie illegali era una pratica normale, ma ciò accadeva soprattutto perché la distribuzione globale di giochi era nella sua infanzia. Per essere onesti, ci sono ancora persone che non possono acquistare un gioco per problemi con i sistemi di pagamento o che proprio non hanno il denaro per acquistarlo» racconta.

Tuttavia - spiega ancora Patrick - egli spinge quanti possono farlo a spendere i pochi dollari necessari: i giochi della Greenheart Games non dispongono di DRM - per volontà dei fondatori - e gli introiti servono per creare nuovi giochi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
''Il mio gioco è stato censurato, vi invito a piratarlo''
Concerti Iron Maiden per i pirati del torrent? Una bufala
Senza DRM i brani musicali venderebbero il 10% in più
Il plugin del browser che fa la spia
Il DRM che cambia il testo degli e-book
ARM presenta il processore anti-pirateria
Ecco i siti che minacciano l'industria della musica
Indagine conferma: i pirati spendono molto più degli utenti ''onesti''
Il simulatore di ghigliottina
McAfee e il brevetto per bloccare la pirateria online
The Pirate Bay torna in vetta, i cyberlocker collassano
Pirateria cinematografica, arriva l'app per fare la spia
Atari dichiara bancarotta
Il MoMA a New York, un museo tutto da giocare

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 13)


Su questo, nessun dubbio. Cmq la politica di M$ del best copied si è rivelata vincente ormai da lustri a questa parte, e continua con successo checché se ne dica. A maggior ragione, le statistiche insegnano che le copie abusive fanno aumentare le vendite del prodotto regolare. Leggi tutto
12-5-2013 14:13

L'idea dei fratelli Klug mi sembra ottima soprattutto per far parlare del gioco e della loro software house.
11-5-2013 18:56

Insomma, per me non così tanto, alla fine è un espediente applicato più volte solo che per il tipo di gioco è stato possibile farlo a teme, non lo trovo così geniale dal mio punto di vista. :D Edit: Il post di prima l'ho scritto un pò di fretta (ultimo treno della giornata :D). :oops:
10-5-2013 20:46

@pcmaster Anche fosse non sarebbe nulla di male però anzi hanno avuto un idea "geniale" no?
10-5-2013 19:03

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1815 voti)
Aprile 2020
5G e coronavirus, cittadini danno fuoco alle torri della telefonia
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Tutti gli Arretrati


web metrics