L'app che ti dice da dove ti stanno sparando

Se all'improvviso sentite esplodere degli spari, un'occhiata allo smartphone vi permette di correre nella direzione giusta per mettervi al riparo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-05-2013]

shotgun detection

Un gruppo di ricercatori della Vanderbilt University ha sviluppato un dispositivo che, utilizzato in coppia con uno smartphone, indica su una mappa il punto da cui provengono degli spari.

L'Università stessa presenta così la sua utilità: «State camminando lungo una strada con un amico. Viene esploso un colpo. Vi nascondete dietro la copertura più vicina e estraete lo smartphone. Una mappa della zona appare sullo schermo, con una grande freccia rossa che indica la direzione da cui è arrivato lo sparo».

Si tratta del risultato civile di alcune ricerche militari: sei anni fa i ricercatori della Vanderbilt hanno creato un sistema che trasforma gli elmetti dei soldati in sensori; diversi sensori lavorano insieme come parte di una rete che permette di identificare rapidamente il punto di partenza degli spari con un'ottima precisione.

Ora quel sistema è stato adattato per poter funzionare in collaborazione con degli smartphone.

Ovviamente, anche in questo caso per il funzionamento sono necessari diversi "nodi", ossia più sensori che permettano di effettuare la triangolazione: per questo i destinatari principali sono le società che si occupano di sicurezza o della protezione di politici o personalità.

Sondaggio
L'uomo presto ritornerà sulla Luna, ci si prepara all'esplorazione umana di Marte, la stazione spaziale internazionale sta per essere completata. Cosa pensi degli elevati costi che tale tipo di ricerca comporta?
La natura umana ci spinge a conoscere ed esplorare. Non ci sono costi troppo alti quando questi sono gli obiettivi.
L'esplorazione spaziale (come ogni altra forma di ricerca scientifica) ha i suoi costi, ma le ricadute tecnologiche e quindi i benefici di tali investimenti possono essere enormi.
Può certamente essere interessante sapere se qualche millennio fa c'erano forme di vita unicellulare su Marte, ma la Terra e i suoi abitanti hanno problemi ben più seri che necessitano di tutta l'attenzione e i fondi possibili.
Secondo me non siamo neanche stati sulla Luna, quindi...

Mostra i risultati (3895 voti)
Leggi i commenti (53)

L'intero sistema consiste in un modulo che funge da sensore ed è grande quanto un mazzo di carte: contiene un microfono e i componenti elettronici per l'elaborazione del segnale.

Una volta individuata la "firma acustica" di uno sparo, le informazioni relative vengono inviate tramite Bluetooth allo smartphone collegato e agli altri moduli parte della rete, per ottenere la triangolazione-

Di questo sistema esistono due versioni: la prima adopera un solo microfono per modulo e ha bisogno di sei moduli per effettuare la localizzazione; l'altra usa un modulo leggermente più grande e ha bisogno di soli due moduli per l'identificazione della direzione da cui proviene lo sparo, ma è meno precisa della prima versione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'Isis dichiara guerra a Twitter
Pistola da stampante 3D, Kim Dotcom ritira i progetti

Commenti all'articolo (4)


OT totale. Scusatemi. Non posso resistere. Da un po' di tempo leggo sempre questo "segnala un refuso". Io, preferirei che venissero segnalate le principesse sciolte. O:) Leggi tutto
19-5-2013 22:23

Negli USA sarà anche un must, in Italia, almeno per ora, fortunatamente no. :roll:
19-5-2013 14:12

Si/ci stanno preparando per il futuro prossimo. La Guerra Civile Mondiale. :assault: :pistols: :sparo: :camper: :rambo:
15-5-2013 13:13

{Giona}
A quando lo smartphone che mi dice da dov`è caduto il meteorite che mi ha fatto fuori???
15-5-2013 12:37

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Dal 2013 è obbligatoria l'iscrizione online per le prime classi di tutte le scuole. Secondo te...
E' giusto e da Paese civile.
Molte famiglie saranno in difficoltà perché non hanno la connessione o non navigano in Internet.
Va bene ma ci vuole un supporto per le famiglie che ancora non navigano in Rete.

Mostra i risultati (1470 voti)
Agosto 2020
Mozilla licenzia il 25% dei dipendenti
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics