L'acqua che bolle senza fare bolle

Il responsabile è l'effetto Leidenfrost, che tra l'altro è il motivo per cui si può camminare scalzi sui carboni ardenti senza scottarsi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-05-2013]

acqua senza bolle leidenfrost

L'acqua, quando bolle, non deve necessariamente fare le bolle: questa apparente contraddizione è stata resa reale da un team di ricercatori della Northwestern University (Illinois, USA), della King Abdullah University of Science and Technology in Arabia Saudita e della Melbourne University in Australia.

La chiave del fenomeno sta nell'effetto Leidenfrost, in base al quale un liquido che entra in contatto con una superficie con una temperatura al di sopra di una certa soglia (detta soglia di Leidenfrost e superiore al punto di ebollizione del liquido) anziché bollire ed evaporare crea uno strato di "vapore isolante" che protegge la maggior parte del liquido dalla superficie calda.

È lo stesso principio che permette di camminare scalzi sui carboni ardenti o di realizzare altre dimostrazioni spettacolari, come immergere la mano (bagnata) in una pozza di piombo fuso a 500 gradi.

Tra le altre cose, inoltre, l'effetto Leidenfrost ha la caratteristica di ridurre l'attrito e far calare la resistenza fluidodinamica dell'85%.

Il problema fino a oggi era che dimostrare l'effetto Leidenfrost con poche gocce d'acqua è piuttosto semplice, ma avverarlo con grandi quantità di liquido è molto più difficile: non si poteva, per esempio, applicarlo facilmente con il calore generato da un normale fornello a gas e una pentola d'acqua.

Sondaggio
L'uomo presto ritornerà sulla Luna, ci si prepara all'esplorazione umana di Marte, la stazione spaziale internazionale sta per essere completata. Cosa pensi degli elevati costi che tale tipo di ricerca comporta?
La natura umana ci spinge a conoscere ed esplorare. Non ci sono costi troppo alti quando questi sono gli obiettivi.
L'esplorazione spaziale (come ogni altra forma di ricerca scientifica) ha i suoi costi, ma le ricadute tecnologiche e quindi i benefici di tali investimenti possono essere enormi.
Può certamente essere interessante sapere se qualche millennio fa c'erano forme di vita unicellulare su Marte, ma la Terra e i suoi abitanti hanno problemi ben più seri che necessitano di tutta l'attenzione e i fondi possibili.
Secondo me non siamo neanche stati sulla Luna, quindi...

Mostra i risultati (3903 voti)
Leggi i commenti (53)

I ricercatori si sono messi al lavoro e hanno trovato la soluzione: hanno coperto delle sfere di acciaio con un materiale idrofobico e le hanno riscaldate a 400 gradi.

Lasciando cadere le sfere in un contenitore pieno d'acqua a temperatura ambiente, sono riusciti a verificare quanto sperato, come dimostra il filmato che riportiamo più sotto; come verifica, i ricercatori hanno poi effettuato lo stesso esperimento ma utilizzando sfere ricoperte con materiale idrofilo.

Tale ricerca può avere applicazioni nel miglioramento dei sistemi di trasferimento del calore, nella tecnologia antigelo e nel ridurre l'attrito per i veicoli acquatici; inoltre, l'azzeramento dell'ebollizione aiuta a elevare i margini di sicurezza in alcuni ambienti industriali, quali quelli che si occupano del riscaldamento e del raffreddamento dei metalli o i sistemi di raffreddamento dell'acqua utilizzata nelle centrali nucleari.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Da LG una lavatrice che lava senz'acqua
Graphene Aerogel, il materiale più leggero del mondo
Meduse volanti per combattere piogge acide e produrre acqua potabile
La vernice che rende impermeabile e repellente ai liquidi

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Controlli su Facebook le tue (o i tuoi) ex?
No, non ci penso proprio.
A volte guardo il loro profilo o i loro gli aggiornamenti di stato.
Sì, controllo ogni loro mossa.
Le ex (o gli ex) in genere non sono miei amici di Facebook.
Ma quale Facebook! Io uso Twitter (o Google+ o altro social media).

Mostra i risultati (1742 voti)
Ottobre 2020
Le parole di Internet: smishing
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Windows 10 e i driver che vengono dal passato
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Vecchio televisore mette KO la connessione Adsl di un intero paese
Tutti gli Arretrati


web metrics