Il PhotoBlog dell'UomoNero

Come cambia il blog se alle parole si associano le immagini.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-02-2003]

Accanto ai classici Blog che sono fatti di sole parole, anzi potremmo dire: sono il trionfo della parola, esistono anche i PhotoBlog, in altri termini dei Blog in cui la componente essenziale non sono più i testi scritti ma le immagini. Uno dei PhotoBlog italiani più belli e visitati è quello dell'UomoNero, alias Fabio Cabula, anzi il suo è due Blog in uno, uno di parole e uno di immagini.

Abbiamo fatto quattro chiacchiere con Fabio-UomoNero per capire meglio cosa sia un PhotoBlog.

ZN: Puoi rivelare la tua identità o va bene UomoNero? Perché ti autodefinisci "un operaio del Web"?

UomoNero: Mi chiamo Fabio Cabula e vivo a Milano da circa 4 anni. Quando 3 anni fa aprii il mio weblog mi sono definito "operaio web" per prendere in giro tutte quelle nuove figure professionali della new economy. Erano tutti manager, e non sapevo un H di Internet. La definizione è piaciuta a molti e così è rimasta.

ZN: PhotoBlog invece di un Blog di sole parole. Tu li hai tutti e due. Perché?

UomoNero: Semplicemente perché mi piace scrivere e fare foto. E quale migliore strumento per esprimere in maniera indipendente le mie elucubrazioni? Ovviamente i Blog. Perché vedi, i Blog si prestano in maniera quasi perfetta alla valorizzazione del contenuto che viene prodotta dal Blogger.

Il sito personale non ha la stessa forza espressiva di un Blog; un sito personale è dispersivo nei contenuti, ma soprattutto bisogna conoscere l'html o altri linguaggi web. Stesso discorso vale per le photogallery, tutti i portali offrono sistemi di catalogazione delle foto per tema, ma tutto nasce già finito. Il Photoblog, invece nasce per raccontare nel tempo quello che il Blogger vede attorno a se.

ZN: Oggi si discute spesso, in questi termini: il Blog è solo narcisismo e vanità o è altro? La tua opinione?

UomoNero: Il Weblog è stato pensato inizialmente per Intranet aziendali, col tempo è stato scoperto come mezzo di comunicazione per tutti. Questo comporta, inevitabilmente, un utilizzo vario dello strumento. Forse alcuni scrivono per vanità e narcisismo, altri come me per condividere le proprie idee ed esperienze. Non capisco, comunque, dov'è il problema.

L'importante è che le persone, adesso, hanno un modo semplice di far sentire la propria voce, e se quello che scrivono non interessa a molti, questi altri possono tranquillamente evitare di visitarli. Infine mi preme evidenziare che chi afferma che il Blog è solo narcisismo e vanità non conosce lo strumento o ha paura della sua diffusione. Per quali motivi? Chiedetelo a loro.

ZN: Qualche consiglio, più o meno tecnico, per chi voglia farsi un PhotoBlog.

UomoNero: Chi conosce un minimo di php consiglio di crearsi un proprio photoblog tramite Movabletype in quanto può essere strutturato ad hoc per le proprie esigenze (esempio: pubblicare solo una foto in HP, archiviare contemporaneamente per tema e data, ecc).

Chi non conosce i linguaggi web può rivolgersi a Splinder o Blogger che personalmente ritengo più facili da gestire, aggiornare o personalizzare.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale mezzo di trasporto pubblico sostituirà quelli attuali nel giro dei prossimi 50 anni?
Evacuated Tube Transport: l'evoluzione dei treni a levitazione magnetica; questi veicoli sono in grado di raggiungere i 6.500 km/h perché viaggiano all'interno di tunnel in cui è creato il vuoto.
String Transport System: cabine sospese fino a 30 metri dal suolo che corrono su binari di acciaio e cemento a oltre 500 km/h.
Tubular Rails: i treni viaggiano a 240 km/h all'interno di anelli sollevati dal suolo che contengono i motori e le ruote, mentre le carrozze ospitano i binari.
I bus viaggiano al di sopra del traffico automobilistico, il quale scorre sotto di loro, usando piccole rotaie poste ai lati della strada.
Shweeb: monorotaia monoposto sospesa e a pedali che permette di raggiungere i 45 km/h.
SolarBullet: il treno ad alta velocità (354 km/h) alimentato a energia solare attualmente allo studio in Arizona (USA).
Treni elettrici che non necessitano di binari perché viaggiano su strada e ricevono l'energia dal sistema contactless installato al di sotto dell'asfalto.
SARTRE: le automobili viaggiano in convogli gestiti dall'intelligenza artificiale; si uniscono i vantaggi del trasporto pubblico alla flessibilità del trasporto privato.
Startram, il maglev orbitale: gli ultimi 20 chilometri del tracciato (di oltre 1.600 km) puntano verso l'alto per portare in orbita i treni.
Ascensore spaziale: una stazione posta a quasi 100.000 km da terra e collegata al suolo da cavi costituiti da nanotubi di carbonio, per portare in orbita uomini e materiali con costi relativamente contenuti.

Mostra i risultati (2912 voti)
Aprile 2024
TIM, altre ''rimodulazioni'' in arrivo
L'algoritmo di ricarica che raddoppia la vita utile delle batterie
Hype e Banca Sella, disservizi a profusione
Falla nei NAS D-Link, ma la patch non arriverà mai
La navigazione in incognito non è in incognito
Le tre stimmate della posta elettronica
Amazon abbandona i negozi coi cassieri a distanza
Marzo 2024
Buone azioni e serrature ridicole
Il piano Merlyn, ovvero la liquidazione di Tim
Falla nelle serrature elettroniche, milioni di stanze d'hotel a rischio
L'antenato di ChatGPT in un foglio Excel
La valle inquietante
La crisi di Tim e la divisione sindacale
La fine del mondo, virtuale
WhatsApp e Messenger aprono agli altri servizi di chat
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 aprile


web metrics