Come bloccare qualunque dispositivo Android

Una semplicissima app è in grado di rendere inutilizzabile ogni smartphone o tablet dotato del sistema di Google.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-06-2013]

android fork zygote

Viene da un ricercatore italiano, studente di dottorato all'Università della California a Santa Barbara, la scoperta dell'ultima vulnerabilità grave in Android.

Nel suo blog, Yanick Fratantonio racconta di come quasi per caso, insieme a un collega, hanno scoperto come bloccare completamente qualunque dispositivo (smartphone o tablet) con Android.

Tutto nasce dalla scoperta di un precedente bug in Android che permetteva di portare un attacco DoS verso un dispositivo Android: a causa di un problema di permessi, Zygote (il processo di sistema dal quale, in Android, derivano tutti gli altri) poteva essere usato per dare vita a un numero di processi tanto alto da bloccare il dispositivo in circa un minuto.

La vulnerabilità in grado di fare tutto ciò è stata considerata critica e ha ricevuto un aggiornamento di sicurezza da parte di Google, che l'ha risolta.

Sembrerebbe che a questo punto tutto sia andato per il meglio, ma Yanick e il collega hanno voluto fare una prova e vedere se fossero in grado di creare una fork bomb, ossia un'applicazione che genera tanti processi da bloccare il sistema.

Il loro tentativo ha avuto successo su diverse versioni di Android, dalla 2.4.7 alla 4.2.2, comprese alcune versioni cooked (ossia non "originali" ma modificate dalle varie comunità di sviluppatori): tutte si sono bloccate immediatamente.

Sondaggio
Quale di questi consigli ritieni più importante per una vacanza all'insegna della sicurezza?
Aggiornare il sistema operativo, i programmi installati e le applicazioni, eliminando così eventuali falle di sicurezza già scoperte.
Evitare di usare WLAN pubbliche (in hotel, Internet Café, aeroporto...): solitamente sono protette in maniera inadeguata e i dati possono essere spiati. Meglio utilizzare una connessione mobile UMTS.
Evitare di fare online banking in vacanza e non scaricare o salvare dati personali e sensibili su Pc pubblici.
Creare un indirizzo ad hoc per inviare cartoline elettroniche via email, da disattivare al rientro qualora venisse compromesso.
Impostare una password all'accensione su smartphone e tablet e un PIN per lo sblocco della tastiera.
Fare il backup del notebook o del netbook che si porta in vacanza, crittografando i dati per limitare i danni in caso di furto.

Mostra i risultati (1743 voti)
Leggi i commenti (10)

Resisi conto del problema, i due hanno contattato il team di sicurezza Android, il quale però ha risposto che non si trattava di un vero problema, poiché l'attacco DoS causato dall fork bomb era soltanto locale e, in fondo, l'utente poteva riprendere il controllo del dispositivo tramite un riavvio.

Al di là della pericolosità dell'exploit scoperto da Yanick - che agisce bloccando immediatamente il dispositivo, non dopo circa un minuto come la vulnerabilità precedente - è curioso l'atteggiamento del team di sicurezza di Android e l'effettiva utilità della patch rilasciata a suo tempo.

Le conseguenze per gli utenti, sottovalutate dal team di Android, possono essere quantomeno spiacevoli: «Che cosa accadrebbe se l'attacco cominciasse durante la notte, quando l'utente si affida al telefono per la sveglia? Sarebbe una gran seccatura. E se l'app pericolosa si avviasse a ogni boot, rendendo di fatto il dispositivo completamente inutilizzabile sin dall'inizio?» si chiede Yanick nel blog.

La questione - che risale allo scorso febbraio ma è stata resa nota solo ora dopo aver visto che il team ufficiale non sembra intenzionato a occuparsene - resta aperta e al momento tutti i dispositivi con Android paiono vulnerabili.

Chi si sentisse in vena di esperimenti può scaricare liberamente la fork bomb, nella consapevolezza che così facendo avrà bisogno di un riavvio per riprendere i controllo del proprio dispositivo (l'app non riparte a ogni boot, quindi disinstallarla dopo il riavvio non è un problema).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Bug di Linux, a rischio un miliardo e mezzo di smartphone Android

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Francamente mi sembra eccessivo definirlo problema di sicurezza. Se non mi suona la sveglia la mattina - a me non può capitare a meno che non si scarichi la batteria dell'orologio - è certamente una cosa seccante ma da qui a definire un blocco di sistema che comporta un riavvio, senza possibilità di furto o perdita di dati, un problema... Leggi tutto
22-6-2013 15:39

Anche un martello puo' bloccare qualsiasi dispositivo android. Anzi, pure i dispositivi iOS, WP, ecc.
17-6-2013 19:12

@blutarsky, TeoMan gli ulimit son li per questo... Molti non san manco che esistono al pari di tante altre caratteristiche "storiche" dei vari *nix, ogni unix le implementa a modo suo ma ci sono! Su GNU/Linux per esempio si usa PAM configurato via /etc/security/limits.conf su OpenSolaris si può usare /etc/system anche se qui la... Leggi tutto
16-6-2013 22:32

Dunque si parla di cosa vecchia. :roll: Poi che bella trovata! Saturi un sistema!!! Cosa vecchia come il mondo... OK è seccante, ma che problema sarebbe di sicurezza??? :lol: Come diceva Totò: "Ma mi faccia il piacereeee" :lol: :lol: :lol: Ciao Leggi tutto
16-6-2013 16:16

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste tecnologie ti sembra la più rivoluzionaria?
1. Stampa 3D: le piccole stampanti possono sostituire le grandi fabbriche, risparmiando anche sui materiali.
2. Macchine CNC: lavori di qualità, un tempo appalto degli artigiani, ora sono disponibili a tutti.
3. Genomica avanzata: conoscere il genoma significa avere medicine più efficaci e comprendere meglio il mondo.
4. Controllare i dispositivi col cervello: una nuova speranza per quanti hanno perso la mobilità, parzialmente o completamente.
5. Robotica avanzata: automatizzare i lavori pericolosi o che richiedono attenzione costante aumenta la sicurezza.

Mostra i risultati (1269 voti)
Agosto 2020
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics