Google cambi le regole sulla privacy

Mentre il Garante italiano continua le indagini, l'Autorità francese già minaccia sanzioni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-06-2013]

google privacy garanti

Mentre i Garanti per la privacy di diversi Stati - riuniti nel GPEN - esternano le loro preoccupazioni circa i Google Glass, l'Autorità francese arriva a un punto di svolta nella battaglia contro l'attuale policy di Google sulla privacy.

La CNIL ha infatti riscontrato una violazione delle leggi francesi in materia di protezione dei dati personali da parte dell'azienda di Mountain View, e le ha concesso tre mesi di tempo per rimettersi in regola. Se non lo farà, sarà multata.

È sin dalla sua introduzione che la policy di Google desta preoccupazione nelle varie Autorità Garanti, ma è la prima volta che una di esse ravvisa una violazione concreta. Google, dal canto proprio, afferma di essere in regola con la legge europea e di aver adottato le norme in questione poiché le consentono di «fornire servizi più semplici e più efficaci».

Anche in Italia, in realtà, le cose non sono esattamente tranquille per Google, sebbene ancora non si sia arrivati a minacciare una multa. Il nostro Garante sta conducendo l'istruttoria e vuole dalla Grande G «maggiori e più puntuali dettagli su specifici aspetti delle modalità di trattamento dei dati degli utenti italiani», in particolare «riguardo all'informativa e al consenso all'uso dei dati, alla loro conservazione e al loro possibile incrocio, anche tra prodotti e servizi diversi».

Anche le Autorità di altri Paesi europei - come il Regno Unito, i Paesi Bassi, la Germania, la Spagna - stanno portando avanti le proprie indagini, e tutte sembrano puntare verso una dichiarazione di non compatibilità delle regole circa la privacy con le varie leggi sulla protezione dei dati.

Sondaggio
Le proteste che hanno spinto Google a sospendere Street View in alcuni Paesi...
sono giuste: occorrono limiti più seri per salvaguardare la privacy.
sono ingiuste: Street View non danneggia affatto la privacy.

Mostra i risultati (2655 voti)
Leggi i commenti (7)

«Il procedimento avviato dall'Autorità per la privacy francese ha confermato la violazione delle disposizioni in materia di protezione dati: a Google sono state date indicazioni sui principi da rispettare e sulle misure da adottare per rendere i trattamenti conformi alla normativa nazionale» scrive il Garante italiano in un comunicato ufficiale, lasciando intendere che quanto accaduto in Francia potrebbe con facilità ripetersi altrove.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Google Glass, un pericolo per la privacy?
Il Garante Privacy contro lo strapotere dei colossi di Internet
La sicurezza online ancora prima dell'educazione sessuale
Privacy, i Garanti europei contro Google

Commenti all'articolo (4)


Ok, fate pure le indagini, ma con calma, mi raccomando. Aspettate che Google abbia un numero sufficiente di informazioni. Ma mi faccia il piacere! Il solito fumo negli occhi. :evil:
22-6-2013 17:05

Ma che domanda! La guerra che vincessi io, per me, sarebbe una guerra finita bene! :wink:
21-6-2013 13:26

Quale guerra può finire bene?
21-6-2013 13:03

E' vero che "finchè c'è guerra c'è speranza", ma sarebbe meglio se finisse e finisse bene. :roll:
21-6-2013 01:12

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hanno suscitato polemiche in Abruzzo alcuni manifesti pubblicitari con una ragazza in bikini e la scritta: "La diamo a tutti... l'Adsl dove non c'è". Alcuni hanno proposto di farli rimuovere perché lesivi della dignità della donna. Cosa ne pensi?
Sono contrario al ritiro dei manifesti perché sono incisivi e divertenti.
Li trovo volgari ma non credo che si possano proibire.
Bisogna farli rimuovere perché sono vergognosi.
Non penso che aumenteranno gli abbonamenti Adsl, anzi...
Altri gestori hanno fatto di peggio.

Mostra i risultati (4164 voti)
Gennaio 2022
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 gennaio


web metrics