La bomba atomica ci insegna la ricrescita dei neuroni

Gli effetti dei test nucleari mostrano che il cervello non smette mai di produrre nuove cellule.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-06-2013]

M neuroni crescita nucleare

Sono decenni che non si effettuano più test nucleari nell'atmosfera, eppure gli isotopi prodotti negli anni in cui erano pratica comune sono con noi ancora oggi.

Si tratta di particelle per lo più innocue che si possono trovare all'interno dei nostri corpi, sui quali si ritiene non abbiano effetto.

Un gruppo di scienziati dello svedese Karolinska Instututet ha ora trovato loro un'utilità: utilizzarli per capire finalmente se negli adulti la crescita di nuovi neuroni sia definitivamente cessata o se, al contrario, anche nel cervello adulto continui la produzione di nuove cellule.

I ricercatori hanno cercato il carbonio-14 generato dai test in campioni di tessuto cerebrali prelevato dall'ippocampo di diversi adulti.

«Per molto tempo si è pensato che nasciamo con un certo numero di neuroni e che sia impossibile acquisire nuovi neuroni dopo la nascita» spiega Jonas Frisén, uno dei ricercatori.

Sondaggio
Recenti scoperte genetiche affermano che l'invecchiamento è controllabile e quindi potremo vivere tutti più a lungo. Cosa ne pensi?
E' una grande scoperta, sono contento di vivere più a lungo.
L'importante è poter vivere bene e in salute.
Trovo che la genetica si stia spingendo oltre i limiti umani.
Significa che dovremo tutti lavorare più a lungo e andare in pensione più tardi.
Questo contribuirà al sovraffollamento del pianeta.

Mostra i risultati (5930 voti)
Leggi i commenti (12)

«Poi, per diversi anni, si è capito che in realtà esiste una certa produzione di nuovi neuroni nel cervello umano adulto, ma non era chiaro quali fossero la sua estensione e la sua importanza per le funzioni cerebrali» continua lo scienziato. «In questo studio forniamo le prove che c'è una neurogenesi sostanziale nell'ippocampo umano nel corso della vita, il che suggerisce che i nuovi neuroni possano contribuire alle funzioni cerebrali umane».

Lo studio mostra che più di un terzo dei neuroni dell'ippocampo sono vengono rinnovati regolarmente nel corso della vita; ogni giorno nascono circa 1.400 nuovi neuroni nel cervello umano adulto (circa 700 per ogni ippocampo), un tasso che cala leggermente con l'avanzare dell'età.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)


@mda Sono d'accordo.
6-7-2013 11:48

@Gladiator È un problema informatico! Anche di A.I. (intelligenza artificiale). Qualsiasi programma con il tempo tende ad essere obsoleto secondo la realtà del tempo in cui è. Inoltre i piccoli errori insignificanti d'elaborazione inoltre aumentano esponenzialmente il loro danno dato che pian piano si sommano. Diventa poi uno... Leggi tutto
1-7-2013 20:26

@mda Allora il "programma" che gira si sta corrompendo progressivamente sempre di più... :cry:
1-7-2013 19:13

@ant_villani :lol: :lol: :lol: Bella battuta! Il fatto è che non sono i neuroni ma nel cervello, come nel computer, è il "programma" che gira quello che conta sul serio! :cry: Ciao
1-7-2013 10:21

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te quale di queste previsioni si realizzerà per prima?
La maggior parte degli acquisti avverrà attraverso il web.
Ci sarà in media uno smartphone per ogni abitante del pianeta.
Le aziende utilizzeranno Facebook e Twitter come mezzo principale di assistenza ai clienti.
La maggior parte dei nostri dati saranno sul cloud, non sui nostri Pc.
La maggior parte degli utenti accederanno al web tramite rete mobile.

Mostra i risultati (2241 voti)
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 1 luglio


web metrics