Carbyne, più resistente del grafene (e del diamante)

È il materiale più duro che esista e appare proprio quando il grafene viene accusato di essere pericoloso.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-08-2013]

grafene

Se c'era un candidato a essere considerato il "materiale del futuro", questo era il grafene, almeno fino a oggi.

È infatti spuntato un serio concorrente: una supermateriale basato sul carbonio e chiamato carbyne, più resistente del già citato grafene e più duro del diamante.

Descritto in uno studio pubblicato su Arxiv, questo materiale è formato da una catena di atomi di carbonio congiunti alternativamente da legami tripli e singoli o da legami doppi consecutivi.

Secondo i ricercatori che hanno scritto lo studio, per spezzare una singola catena atomica all'interno della struttura molecolare del materiale occorre una forza di circa 10 nanoNewton, superiore a quella richiesta da qualunque altro materiale.

Un'altra caratteristica interessante è il comportamento, che cambia a seconda del materiale con cui il carbyne interagisce: per esempio, se si aggiunge una molecola di metilene a una sostanza altrimenti dura, essa diventa malleabile.

Le applicazioni ipotizzate sono molteplici: ci si aspetta che il carbyne e le nanostrutture basate su di esso rivoluzionino la nanotecnologia in tutti i suoi campi, ma anche i dispositivi opto-elettromeccanici (come le microlenti o i sensori) grazie alle doti di resistenza e leggerezza.

La notizia di questa scoperta potrebbe essere ancora migliore di quanto sembri poiché qualcuno sta intanto lanciando l'allarme circa la pericolosità del grafene.

Sondaggio
L'uomo presto ritornerà sulla Luna, ci si prepara all'esplorazione umana di Marte, la stazione spaziale internazionale sta per essere completata. Cosa pensi degli elevati costi che tale tipo di ricerca comporta?
La natura umana ci spinge a conoscere ed esplorare. Non ci sono costi troppo alti quando questi sono gli obiettivi.
L'esplorazione spaziale (come ogni altra forma di ricerca scientifica) ha i suoi costi, ma le ricadute tecnologiche e quindi i benefici di tali investimenti possono essere enormi.
Può certamente essere interessante sapere se qualche millennio fa c'erano forme di vita unicellulare su Marte, ma la Terra e i suoi abitanti hanno problemi ben più seri che necessitano di tutta l'attenzione e i fondi possibili.
Secondo me non siamo neanche stati sulla Luna, quindi...

Mostra i risultati (3840 voti)
Leggi i commenti (53)

Una ricerca condotta presso la Brown University ha infatti dimostrato come il grafene sia in grado di perforare con estrema facilità le membrane cellulari.

Ciò significa, in pratica, che «questi materiali possono essere inalati involontariamente, oppure potrebbero essere iniettati o impiantati intenzionalmente come componenti di nuove tecnologie biomediche»: è possibile insomma che tale caratteristica possa essere molto positiva, ma anche molto negativa.

È stata quindi avviata una serie di studi per comprendere al meglio l'interazione del grafene con le cellule: solo quando tutto ciò sarà chiaro si potrà assolvere o condannare il grafene e progettare i nanomateriali in maniera sicura.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La batteria al grafene che ricarica l'auto in pochi minuti
La stampante 3D per modellare il grafene
Il vetro più sottile del mondo è spesso solo due atomi
Graphene Aerogel, il materiale più leggero del mondo
Il sensore al grafene per sniffare gli esplosivi
Goldrake e Jeeg Robot oggi sarebbero di grafene, non di acciaio
Le batterie flessibili al grafene
Ecco perché il grafene è valso il Nobel per la fisica

Commenti all'articolo (4)


Questa situazione che la vita costa niente sarà di durata molto breve. Tra non molto la popolazione mondiale calerà ed il valore delle persone e della loro salute salirà. A meno che non le sostituiscano radicalmente con dei siloni. Poi, però...
28-8-2013 00:23

Il grafene serve per delle cose e questo materiale per altro! Poi nessuno mangia il grafene! :lol: :lol: :lol: Negli Stati Uniti già cerano leggi negli anni 70' sia sulla tutela della produzione che uso. Questo è il motivo che spostarono (costava meno) la produzione in Europa e in special modo in Italia. Si dovrebbe punire tutti... Leggi tutto
27-8-2013 11:36

{pipino}
@zievatron Sicuramente le industrie non vorranno usarlo per rendere più duraturi i beni diretti ai "consumatori", però potranno usarlo per rendere più robuste le macchine che produrranno i beni citati, e potranno vendere roba più robusta a forze armate di mezzo mondo, ai produttori aerospaziali e... Leggi tutto
25-8-2013 10:23

Favoloso! Ma le industrie lo vorranno usare? E come lo vorranno usare? Se prima non si realizzano grossi cambiamenti, dubito che vorranno produrre cose più durevoli. :?
24-8-2013 23:37

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai inserito username e password della tua webmail. Il browser ti chiede se desideri salvare le credenziali di accesso per il futuro. Cosa fai?
Uso questa opzione perché è comoda, così non devo inserire ogni volta username e password
Clicco su No e disattivo l'opzione “Resta collegato”
Non accedo alla mail attraverso siti di webmail ma solo attraverso applicazioni installate sul dispositivo

Mostra i risultati (1636 voti)
Dicembre 2019
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Tutti gli Arretrati


web metrics