WD Red, i benchmark

In prova: WD Red 4 TB.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-10-2013]

WD Red open image

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
In prova: WD Red 4 TB

Abbiamo testato due hard disk WD Red da 4 Tbyte (due esemplari del modello WD40EFRX, in vendita a 219,90 euro) allo scopo di verificarne le prestazioni.

I risultati dei test, condotti adoperando il benchmark CrystalDiksMark e che pubblichiamo qui sotto, parlano da soli. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Ora che la musica è soprattutto digitale, che cosa farai dei vecchi CD audio che non ascolti più?
Li butto via
Li vendo
Li regalo
Li "rippo" sul Pc
Li metto sul lunotto dell'auto per evitare gli autovelox
Ci tappezzo la stanza o ne faccio sottobicchieri

Mostra i risultati (2260 voti)
Leggi i commenti (43)
Gli hard disk sono stati collegati adoperando l'interfaccia SATA III (che permette di raggiungere una velocità massima di trasferimento teorica pari a 6 Gbit/s).

Le prove hanno compreso prima la lettura e la scrittura in modalità sequenziale (dove, ovviamente, i dischi hanno ottenuto le prestazioni migliori, viaggiando tra i 140 e i 150 Mbyte/s sia in lettura che in scrittura e confermando sostanzialmente le indicazioni di WD); quindi le stesse opeazioni sono state compiute con blocchi casuali da 512 Kbyte, poi con blocchi da 4 Kbyte e infine ancora con blocchi da 4 Kbyte e una QD (Queue Depth, ossia operazioni di lettura/scrittura in attesa di venire eseguite) pari a 32.

Da notare come i due dischi abbiano fatto rilevare una differenza significativa di prestazioni tra loro: uno dei due si è mostrato meno efficiente (anche ripetendo i test più volte) nelle operazioni di lettura/scrittura sequenziale, riguadagnando però qualche punto in quelle casuali.

hd01g 03
hd02h 03

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
WD Red, le specifiche tecniche

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Hard disk da 18 TB a registrazione magnetica assistita da energia
Western Digital, l'hard disk da 5mm è arrivato
In prova: WD My Net N900
Western Digital conclude l'acquisizione di Hitachi
Sony, WD e Seagate patiscono l'alluvione in Thailandia

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

La prova riguarda la serie RED non quella GREEN, sono dischi diversi pensati per usi diversi e di conseguenza non paragonabili. Insinuare che il sito sia pagato per far fare bella figura al produttore, se non si hanno prove concrete e pubblicabili, è poco ... elegante. :? Leggi tutto
8-11-2013 19:34

Hai perfettamente ragione, ma sai com'e' quando uno si brucia con l'acqua calda rimane arrabbiato anche con l'acqua fredda per un po'. Leggi tutto
24-10-2013 19:24

@Krane Un episodio negativo non significa necessariamente scarsa qualità. Ad esempio, un vecchio articolo di Zeus News (Google ordina 1 Petabyte in sei ore) del 2008 riporta la notizia che Google ha dovuto usare hard disk in configurazione raid per eseguire l'esperimento perché ogni volta che avviava il test almeno un disco si rompeva.... Leggi tutto
24-10-2013 16:46

A me un green da 4Tb si e' rotto dopo meno di 9 mesi, diffidate dello sponsor.
24-10-2013 16:08

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (2433 voti)
Settembre 2021
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Due parole sull’attacco informatico “terroristico” alla Regione Lazio
Windows 365 è già disponibile e costa meno di 30 euro al mese
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 settembre


web metrics