Letta: Italia in ritardo sul digitale

Al convegno di Confindustria Digitale Letta ammette il ritardo, implicitamente dà il consenso a Telefonica ma non risponde nel merito alle richieste degli imprenditori.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-10-2013]

Enrico Letta

A Enrico Letta non manca l'onesta intellettuale quando dichiara, come oggi, all'assemblea di Confindustria Digitale (la federazione di Confindustria che raggruppa associazione come Asstel, Assintel e Assinform, che riuniscono le principali aziende italiane dell'ICT e delle Telco): "È evidente che l'Italia è un Paese è in ritardo sul tema dell'agenda digitale. Dobbiamo partire da questa consapevolezza e sapere che c'è la possibilità di recuperare". L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Secondo te quale di questi scienziati avrebbe meritato il premio Nobel?
Andrew Benson, per la scoperta del Ciclo di Calvin della fotosintesi clorofilliana.
Dmitri Mendeleev, per l'ideazione della tavola periodica degli elementi.
Fred Hoyle, per gli studi sulla nucleosintesi stellare.
Jocelyn Bell Burnell, per la scoperta delle pulsar.
Nikola Tesla, per i suoi lavori sulla trasmissione delle onde radio.
Albert Schatz, per la scoperta della streptomicina (rimedio contro la tubercolosi).
Chien-Shiung Wu, per i lavori sulla legge di conservazione della parit.
Oswald Avery, per gli studi sulla trasmissione dei caratteri ereditari tramite DNA.
Douglas Prasher, per la scoperta della proteina fluorescente verde.
Lise Meitner, per il contributo ai lavori sulla fissione nucleare.

Mostra i risultati (1743 voti)
Leggi i commenti (2)
Sempre il premier si schiera a favore del mercato europeo comune delle Tlc: senza nominarla, è un chiaro via libero alla spagnola Telefonica, che può prendere il controllo di Telecom Italia anche se è attesa alla prova dei fatti per quanto riguarda gli investimenti in innovazione.

Il premier non entra invece nel merito della proposta forte di Stefano Parisi, già presidente di Fastweb e presidente di Confindustria Digitale: fare gli investimenti pubblici nell'innovazione delle reti senza considerare i limiti imposti dall'Europa in fatto di pareggio di bilancio.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Telecom Italia e lo scorporo della rete dopo Telefónica
Telecom Italia: bye bye, Italia
Lo scandalo Telecom-Fastweb sarà la fortuna di Bernabè

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Oserei quasi dire che morto ma non se n' ancora reso conto... :cry:
8-11-2013 18:58

Il malato sembra irrecuperabile. :(
8-11-2013 14:34

Si c' differenza nei nomi e nei dettagli ma, nella sostanza, direi che continuiamo a buttare soldi come ed in modo assai analogo a come abbiamo fatto negli ultimi 40 anni e credo di stare pure scarso... :twisted:
26-10-2013 18:47

Oddio un minimo di variante c': Comperiamo degli inutili F32 invece del pi potente e economico Eurofighter o ancora pi economici SU Russo/Cinese, come accadde per lo scandalo Lockheed e quello dei F14 (insabbiato) e altri. Parte il fatto che non ci servono proprio dei nuovi aerei!!! Notare che siamo il 5 Paese del mondo come spesa... Leggi tutto
26-10-2013 16:19

Mi pare che anche stavolta li vogliamo sprecare sempre al solito modo... o no? :wink:
26-10-2013 14:52

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una ricerca dell'Universit di Lund (Svezia) mostra che avere un bambino costa al Pianeta l'emissione di 58,6 tonnellate di CO2 l'anno. In proporzione, si tenga conto che non avere l'auto fa risparmiare 2,4 tonnellate di CO2, l'essere vegani 0,8 tonnellate ed evitare un viaggio aereo 1,6 tonnellate. Lo studio conclude che una famiglia che sceglie di avere un bambino in meno contribuisce alla riduzione di emissioni di CO2 quanto 684 teenager che decidono di adottare un comportamento ecologista per il resto della vita. Cosa ne pensi?
corretto. Far meno figli.
Sono pazzi questi svedesi.

Mostra i risultati (1359 voti)
Ottobre 2021
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 18 ottobre


web metrics