Parlamento Europeo considera depenalizzazione file sharing

Non si può riformare il copyright senza garantire l'accesso libero alla cultura.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-11-2013]

M ue copyright

Nel dicembre dello scorso anno un gruppo di parlamentari europei inviò una lettera al presidente della Commissione Europea, José Barroso, affinché promuovesse una riforma del diritto d'autore.

La normativa in vigore nell'Unione, l'Infosoc, ha infatti più di 10 anni e si riferisce a un mondo profondamente cambiato, specialmente per quanto riguarda Internet.

In questi ultimi 12 mesi nulla s'è mosso, e i firmatari della lettera si sono stancati di aspettare. Così, con un occhio alle elezioni dell'anno prossimo, lo scorso 12 novembre alcuni di essi hanno illustrato come intendono riformare il copyright europeo.

L'occasione è stata l'evento The Case of Text and Data Mining in chiusura del quale i deputati Amelia Andersdotter, Marietje Schaake e Pawel Zalewski hanno avuto modo di presentare la proposta.

«L'Infosoc ha creato un orribile incubo di licenze che nessuno è in grado di penetrare. Coloro che utilizzano la cultura - i condivisori di file, i DJ, le biblioteche, le scuole - vivono in uno stato di incertezza costante» ha spiegato Amelia Andersdotter, per poi continuare: «È davvero difficile capire quali siano le libertà e i diritti. Che cosa è permesso e che cosa non lo è? Quando si rischia di venire denunciati? la legge deve essere più chiara».

La deputata svedese ha chiare in mente quali siano le priorità per una riforma del copyright in Europa.

Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (367 voti)
Leggi i commenti

«Vogliamo una riforma che garantisca una maggiore certezza legale per coloro che utilizzano le opere culturali. Ci vuole più flessibilità nel sistema per allargare l'accesso alla cultura da parte di biblioteche, archivi online, ricercatori, persone con problemi di vista ed educatori».

Un altro punto importante è la «depenalizzazione del file sharing. Ciò farebbe decrescere di molto la pressione negativa nei confronti dei nuovi modelli di business online e sull'uso non commerciale delle opere».

L'idea alla base dell'iniziativa è creare collaborazione tra tutti i parlamentari europei che condividono l'idea secondo la quale una riforma del copyright è necessaria, in modo da presentare una proposta già all'inizio della prossima legislatura.

«Sono convinta che dobbiamo coordinarci subito per assicurare una maggiore certezza legale, e affinché l'uso più libero della cultura venga tutelato da una norma. Più che mai oggi, nella storia di Internet, è importante costruire piattaforme comuni e condivise per lo scambio culturale e il dialogo».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
BitTorrent al Parlamento Europeo. Per scaricare film
Da AT&T una tecnologia per impedire il filesharing
Il plugin del browser che fa la spia
Google rimuove otto link pirata al secondo
Arrestati al cinema, piratavano Gravity
BitTorrent e il dilemma del pirata
Studente condivide 30 canzoni, multato per 675.000 dollari
Napster (ri)sbarca in Italia, ma adesso è legale

Commenti all'articolo (4)

Infatti, siamo nella "post-democrazia" italiana, europea ed occidentale. Questa europa è solo uno sforzo di imporre all'europa una grottesca imitazione degli stati uniti d'america, sognando gli stati uniti dell'occidente allargato. Il chè è solo una fantasia malata, perchè crollerà tutto prima che si possa arrivare a metà... Leggi tutto
21-11-2013 23:55

Non capisco cosa c'entrino (solo stavolta) i parlamentari italiani, quando la "mozione" arriva dal parlamento europeo? Non credo di aver capito male, ma l'articolo fa' riferimento a 3 europarlamentari Amelia Andersdotter, Marietje Schaake e Pawel Zalewski rispettavamente svedese, olandese e polacco. Tra l'altro tra i relatori... Leggi tutto
15-11-2013 09:25

Questa è l'Europa che ci siamo dati. Un dinosauro incapace persino di allacciarsi le scarpe, perennemente in ritardo rispetto alla società, ai popoli, ai bisogni veri della gente. Con questa benedetta (maledetta) Commissione Europea, che non si sa che cos'è, a cosa serve, chi l'ha eletta, si sa solo che comanda e decide, e quasi mai a... Leggi tutto
15-11-2013 06:51

{W3C_PDB}
Questa volta mi incazzo.... Come possono dire che è difficile interpretare le licenze ? A) Per prima cosa in Italia venne Lawrence Lessig, a tenere la "Lectio Magistralis" per i politici itlaiani. B) Come seconda cosa, oltre ad avere persone con una certa importanza, non mi risulta che le abbiano consultate vedasi: Lawrence ... Leggi tutto
15-11-2013 05:59

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Dove guardi le tue serie Tv preferite?
Alla TV
Sul PC
Sul tablet
Sullo smartphone

Mostra i risultati (2376 voti)
Novembre 2020
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
Tutti gli Arretrati


web metrics