Usare TOR e i proxy

Gli strumenti per visitare i siti bloccati



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-12-2013]

M contenuti bloccati

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
Gli strumenti per visitare i siti bloccati

3. TOR

The Onion Router non dovrebbe aver bisogno di presentazioni: è probabilmente il primo alleato a saltare in mente quando si parla di privacy e anonimato in Rete.

TOR è ampiamente usato da attivisti, che magari hanno la necessità di mantenere segreta la propria identità, ma anche da giornalisti e dagli autori di quelle rivelazioni che hanno fatto la fortuna di Wikileaks e simili; è piuttosto ironico il fatto che TOR sia stato inizialmente sviluppato dallo US Naval Research Laboratory per proteggere le comunicazioni del governo USA.

Naturalmente, TOR funziona egualmente bene per aggirare i blocchi imposti ai siti.

4. Proxy web

Un proxy è un server che funge da intermediario tra il client che fa la richiesta (il browser che da un PC richiede una pagina web, per esempio) e il server che ospita la risorsa.

In questo modo è il server che deve fornire la risorsa riceve la richiesta dal proxy, e non dal client: se quindi per esempio un sito blocca l'accesso a tutti gli indirizzi IP provenienti dall'Italia ma il proxy adoperato si trova in qualunque altra nazione, il server fornirà la pagina, che il proxy provvederà a fornire il client italiano che non potrebbe accedere direttamente.

Sondaggio
Qual č l'ambiente Linux che preferisci?
Gnome
Kde
Unity
Xfce
Lxde
Cinnamon
Mate
Un altro
Non uso Linux

Mostra i risultati (5453 voti)
Leggi i commenti (25)

L'apparizione dei web proxy (siti che offrono i servizi di un proxy tramite un'interfaccia web, come Hide My Ass) ha fatto sì che il loro uso diventasse facile e diffuso: una semplice ricerca con Google permette di trovare un'infinità di web proxy.

Per utilizzarli tutto quello che bisogna fare è inserire l'indirizzo del sito che si intende visitare nell'interfaccia fornita. Alcuni proxy sono accessibili anche tramite estensioni per i browser.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Proxy inversi e DNS alternativi

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)


Oppure FoolDNS, che uso ormai da tempo! Veloci e anche "anti-traccianti". :wink:
2-12-2013 19:07

Uso OpenDNS da una vita... :wink:
30-11-2013 15:03

{Marco Antonio}
se non vedi direttamente la buca allora usa la sponda ;) link
29-11-2013 16:18

Come giā commentato qui sul forum, non servono TOR o VPN (che rallentano la connessione o richiedono un pagamento extra, nel caso delle VPN) per accedere ai siti "oscurati" dalla temibile censura italiana č sufficiente cambiare i server dns (impostando, ad esempio 208.67.222.222 e 208.67.220.220) nelle impostazioni della... Leggi tutto
29-11-2013 14:45

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitā di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitā e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1334 voti)
Febbraio 2023
L'Internet Archive adesso ospita anche le calcolatrici scientifiche
Facebook e Messenger scaricano intenzionalmente la batteria dello smartphone
Gennaio 2023
Windows 11, tre metodi per aggirare l'account Microsoft
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Disorganizzazione informatica fa desistere i cybercriminali
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 6 febbraio


web metrics