Una vita da social, la Polizia contro i pericoli del web

Al via la campagna di informazione che toccherà 33 piazze italiane per spiegare soprattutto ai più giovani come utilizzare i social network in modo sicuro.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-01-2014]

una vita da social

Periodicamente la Polizia di Stato dà vita - assieme a qualche grande azienda attiva nel web - a campagne di sensibilizzazione verso i pericoli presenti in Rete.

Per esempio, l'aveva fatto nel 2009 alleandosi con YouTube e ancora nel 2011 insieme a MSN.

Ora è la volta di Telecom che, insieme alla Polizia Postale, ha dato il via alla campagna di comunicazione Una vita da social.

La presentazione è avvenuta a Roma ma l'evento è itinerante e organizzato in 33 diverse tappe (l'elenco è disponibile in formato PDF) che toccheranno altrettante città italiane, fermandosi nelle piazze.

Come ha spiegato il prefetto Alessandro Pansa, il progetto è «ovviamente indirizzato ai giovani, che sono i principali consumatori della Rete. L'iniziativa vuole fare in modo che Internet possa essere vissuto da tutti, a partire dai banchi di scuola, come un'opportunità e non come un pericolo».

Sondaggio
Sei mai stato escluso da una bacheca Facebook di un amico?
No, mai.
Sì, da un mio ex partner.
Sì, da una donna o da un uomo che ho corteggiato insistentemente.
Sì, per le mie idee in politica.
Sì, per un commento relativo al calcio.
Sì, per una critica.
Sì, senza un motivo apparente.
Non uso Facebook.

Mostra i risultati (1758 voti)
Leggi i commenti (28)

È il fenomeno del cyberbullismo l'elemento che ha dato lo spunto per l'iniziativa, ma il prefetto Pansa accenna anche ad altri pericoli da non sottovalutare come l'adescamento (a fini commerciali, economici, di truffa o anche sessuali).

Ovviamente il tutto riguarda in maniera particolare i social network con la possibilità che offrono di mettere in piazza informazioni personali, video e foto, spesso nell'errata convinzione che ciò che si condivide non resti per sempre, o non corra il rischio di finire nelle mani sbagliate.

Per mettere in guardia i ragazzi, oltre alla collaborazione con il Ministero dell'Istruzione, la polizia ha preparato anche un opuscolo contenente i consigli per una navigazione sicura, che sarà illustrato dagli esperti nel corso delle varie tappe.

Una vita da social dispone anche di una propria pagina Facebook e gode dell'appoggio di Fiorello, che per l'occasione ha preparato un "videocontributo", che riportiamo qui sotto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Londra, la polizia compra banner sui siti pirata
Arriva il codice di autoregolamentazione contro il cyberbullismo
Quattordicenne arrestata per cyberbullismo su Facebook
Facebook, accesso ai minori
Condannato l'autore del Forza Chiara made in USA
Genitori impreparati di fronte a pedofilia e cyberbullismo
Zuckerberg: Lasciate che i bambini vengano a Facebook
Polizia e Msn insieme per la sicurezza in Rete
Polizia e YouTube a scuola per spiegare la Rete

Commenti all'articolo (1)

La campagna è buona. Ma c'è una profonda contraddizione. Invece di combattere il fenomeno al vertice, si tampona cercando di adattarsi al fenomeno con meno danni possibili. Insomma, come se fosse un male al quale rassegnarci. [-X AldoWeb
31-1-2014 08:30

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai una carta fedeltà o di raccolta punti?
Ebbene sì, ne ho diverse. E non ci trovo niente di male.
Mi sono lasciato infinocchiare. Ne ho qualcuna e mi vergogno un po'.
Lungi da me!

Mostra i risultati (2448 voti)
Agosto 2020
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics