Microchip canino al ristorante cinese, denunciata

Aveva raccontato su Facebook di aver trovato nel cibo il microchip di un cane: denunciata per diffamazione aggravata.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-03-2014]

cane ristorante cinese

Una donna di 32 anni, abitante a Vigevano, aveva scritto sul suo profilo Facebook che un suo amico, mangiando in un ristorante cinese della città, si sarebbe trovato fra i denti un microchip canino e sarebbe dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso, subendo una lavanda gastrica.

La notizia era stata ripresa dalla stampa locale e, come è facile immaginare, aveva suscitato le vibranti proteste di gruppi animalisti. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3978 voti)
Leggi i commenti (20)
A questo punto il ristoratore cinese titolare del wok ha citato su Facebook ha sporto denuncia ai Carabinieri e questi hanno accertato che la notizia è infondata.

Infatti non è stato possibile scoprire chi fosse l'amico in questione e nessuno in quei giorni sarebbe ricorso all'ospedale locale per problemi di indigestione.

La donna, dopo aver cercato inizialmente di rendere credibile la storia raccontata sul social network, ha infine ammesso di essersi inventata tutto, con lo scopo di fare scalpore su Facebook.

La denuncia per diffamazione sarebbe aggravata anche dalle repliche scritte inizialmente dalla donna, sempre su Facebook, contro chi cercava di contraddirla.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 17)

Ok, adesso ho capito. Comunque Zievatron lo voleva aggratis invece, come giustamente dici tu, il libro non è free ma bisogna sganciare per leggerlo quindi, pee lui, che iTunes vada o meno su linux direi sia ininfluente...
30-3-2014 18:04

Certo Gladiator, era una delle mie battutaccie! Non ce l' ho con lo zio Bill, e neanche col defunto Jobs, dicevo solo che con linux non funziona quel sw... :wink: e zievatron mi pare non usi MS. E comunque mi sembra che l' opera sia protetta da copyright.
30-3-2014 16:25

Che sia "passato a miglior vita o no" non si sa, dipende dalle credenze e dal bilancio del bene/male fatto. :malol:
30-3-2014 13:00

@Maary79 Premesso che stiamo andando sempre più OT, però non mi è chiara una cosa, se iTunes non funziona su linux che colpa ne ha zio Bill? Semmai sarà una decisione di zio Steve o di chi per lui dal momento che ora è passato a miglior vita o no? :?
30-3-2014 10:29

Jerry, io accendo la seconda! =) Itunes su linux non funziona neanche se zievatron diventa un esperto di magia nera...la maledizione dello zio Bill colplisce ancora... :roll: E poco male...i contenuti sono a pagamento, il sw è gratuito, serve per far spendere i soldini agli utenti! Leggi tutto
30-3-2014 01:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior vantaggio? (vedi anche gli svantaggi)
Sarà più comodo viaggiare: non dovremo preoccuparci di guidare e avremo più tempo libero a disposizione.
Potranno spostarsi in auto anche i non vedenti, gli invalidi o in generale le persone non più in grado di guidare.
Si risparmierà carburante grazie all'ottimizzazione: niente accelerazioni o frenate brusche, rispetto dei limiti di velocità e così via.
Con il Gps incorporato ci si smarrirà di meno e non sarà necessario consultare mappe o chiedere indicazioni.
Ci sarà maggiore sicurezza e meno incidenti: niente ubriachi al volante o anziani non più in grado di guidare. Zero distrazioni, zero stanchezza, zero errori del conducente (causa del 90% degli incidenti).
Ci sarà meno traffico: potremo più facilmente condividere un'auto in car sharing che ci venga a prendere e ci porti dove desideriamo andare, trovando parcheggio da sola o rimettendosi a disposizione della comunità.
La casta dei tassisti non avrà più ragione di esistere e sarà finalmente azzerata.

Mostra i risultati (1794 voti)
Settembre 2022
Da Amazon un Kindle su cui si può anche scrivere
La “tanica di benzina” per le auto elettriche
La strana storia dell'utente HME2 di Arpanet
LibreOffice diventa a pagamento
2022, fuga dall'open source
Dati a spasso nel cloud
Di chi sono i tuoi dati quando muori?
Smartphone, l'UE vuole pezzi di ricambio disponibili per almeno 5 anni
Ex designer di Microsoft demolisce il menu Start di Windows 11
Auto Hyundai “hackerata”
Agosto 2022
Genitori indagati dopo aver mandato foto dei figli ai medici
DuckDuckGo, la protezione delle email è per tutti
Il computer portatile economico che fa a meno del monitor
Microsoft avvisa: attenzione all'aggiornamento KB501270
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 1 ottobre


web metrics