Metti in casa i pannelli solari di Google

Prezzi agevolati per chi vuole darsi all'energia pulita.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-05-2014]

pannelli solari google

Anche se negli ultimi tempi i prezzi sono un po' scesi, dotare la propria casa di pannelli solari non è un'operazione che si possa affrontare a cuor leggero, dal punto di vista economico.

Google si è resa conto della situazione e ha deciso di darsi da fare: dopo aver investito 5 milioni in un impianto solare tedesco, ha stretto un accordo con il produttore di celle solari SunPower Corporation.

In base all'accordo è stato creato un fondo da 250 milioni di dollari per acquistare migliaia di pannelli solari da cedere in affitto a proprietari di case americani che vogliano passare all'energia pulita.

Il programma prevede che gli affittuari dei pannelli possano acquistare l'impianto installato sulla loro abitazione dopo sei anni, oppure allo scadere del contratto.

Per tutta la durata di questo contratto la manutenzione e le riparazioni saranno completamente a carico dell'azienda, senza spese aggiuntive per i clienti.

Google afferma che in questo modo si può avere accesso all'energia solare «a costi generalmente inferiori a quelli della normale bolletta elettrica».

Sondaggio
Cosa pensi della domotica?
Se ne parla da almeno dieci anni ma di applicazioni pratiche ne ho viste ben poche.
I prodotti disponibili sono troppo costosi, non hanno mercato.
E' il futuro ma qualcosa si vede già oggi.
Si possono ottenere dei discreti risultati senza svenarsi: basta la propensione al "fai da te" e un po' di hacking.
Prima che io finisca di rispondere a questo sondaggio... il frigorifero avrà fatto la spesa on line da solo e il forno avrà deciso la mia cena sulla base dei miei gusti e degli ingredienti che ho in casa, mentre sullo smartphone mi sarà apparsa l'immagine di un venditore di aspirapolveri che ha appena suonato al citofono. Ma ovviamente a pulire i pavimenti ci pensa il robottino.

Mostra i risultati (1547 voti)
Leggi i commenti (16)

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Convertire al solare gli edifici esistenti si può
Il primo cherosene solare
La stampante 3D modella la sabbia e funziona a energia solare
Google si lancia nel mercato dei droni
Trasmettere a terra l'energia solare accumulata in orbita
La centrale solare coi pannelli autopulenti
Girasole, la casa che ruota
Sole e biomasse per produrre calore ed elettricità

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Forse negli USA. Qui siamo in Europa, con un mercato dell'elettricità ben diverso.
18-5-2014 13:56

Che in USA il prezzo della corrente è bassissimo! :shock: Il servizio può comprendere anche batterie che servono in caso notte e molto-nuvoloso. Il servizio da noi è già presente da diverse compagnie, ma se ci si mette Google o altro colosso i prezzi scendono di moltissimo. Ciao Leggi tutto
18-5-2014 13:44

{Tiziano}
Peppe - L'utente paga un canone che è più basso dei consumi che ha in bolletta, solo che non sarà solo quello, dato che quando non c'è sole (di notte o nuvoloso) l'energia la paga come prima..........
11-5-2014 13:36

In Italia compagnie elettriche e altri, anche lo spellafili locale fa condizioni migliori. Con meno di 8000 neuri, mutuabili su più anni, ti porti a casa un impianto, chiavi in mano, compreso l'allacciamento alla rete. In qualche caso è la compagnia elettrica che finanzia, costo zero per l'utente, l'impianto in cambio di un contratto... Leggi tutto
11-5-2014 13:18

{Maurizio}
I prezzi dei pannelli fotovoltaici sono scesi sensibilmente da 7000 euro a m/q a circa 1500-2000. Forse qualcuno saprà dirmi qual'è la produzione attuale in gigawatt del fotovoltaico e quante corrispondenti centrali nucleari ci siamo evitati. Parlando dell'Italia mi auguro di non dover aspettare Google che ci dica... Leggi tutto
11-5-2014 12:00

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (2095 voti)
Gennaio 2022
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 gennaio


web metrics