Video(giochi)dipendenza: è giusto vietarli per legge?

Quando i videogame sono considerati alla stregua di alcool e droga.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-07-2014]

dipendenza videogiochi

I genitori che si lamentano del tempo eccessivo passato dai figli con i videogiochi non sono certo una rarità, ma questo stesso fenomeno in Corea del Sud pare aver raggiunto dimensioni preoccupanti.

A lasciarlo pensare è l'ultima proposta avanzata dal partito democratico sudcoreano, il quale vorrebbe una legge che i regolamenti l'uso dei videogame sul modello di quanto accade per l'alcool e per le droghe.

Secondo i promotori, infatti, i videogiochi causano dipendenza, proprio come certe sostanze, ed è pertanto necessario regolarne il "consumo" per evitare conseguenze spiacevoli per i giocatori stessi e per gli altri.

Non bisogna dimenticare che in Corea già esiste una norma che vieta il gioco online ai minori di 16 anni tra mezzanotte e le sei, una misura decisa proprio dopo aver constatato quanto tempo i ragazzi passino davanti allo schermo.

La proposta di legge ha sollevato un acceso dibattito tra quanti sostengono la tesi della dipendenza e quanti invece ritengono che se molti ragazzi non fanno altro che giocare il problema è culturale, non connaturato ai videogiochi.

Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (764 voti)
Leggi i commenti (5)

L'assenza dei genitori e lo stress causato dalla scuola - argomentano quanti sono contrari alla proposta - sono le vere cause per cui gli adolescenti cercano svago e rifugio nei mondi virtuali; pertanto, è su questi fenomeni che bisognerebbe intervenire.

Vi è poi chi considera i videogame come una forma d'arte: regolamentarli come le sostanze che danno dipendenza, in quest'ottica, sarebbe non soltanto un attentato alla libertà di espressione ma anche un danno alla crescita economica.

È giusto che un governo vari una legge per regolamentare l'uso dei videogiochi? Di' la tua nei commenti qui sotto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'OMS: la dipendenza da videogiochi è un disturbo mentale
La donna resa cieca da un videogioco
L'accademia tutta italiana che insegna a creare videogiochi
Videogiochi online, coprifuoco per i minorenni
Presi da un videogioco, lasciano morire di fame la figlia
Adolescenti, uno su dieci è ''drogato di videogiochi''

Commenti all'articolo (5)

E' il solito discorso: si mettono delle proibizioni sui piccoli problemi quando non si vogliono affrontare i problemi veri.
11-12-2015 11:33

Tutto è questione di educazione prima dei videogiochi dovrebbero regolamentare il gioco d'azzardo e vietarne la pubblicità come al tabacco,ma allo stato frutta e non gli importa se famiglie intere vengono rovinate da questo vizio. I miei figli son cresciuti a pane e videogame ma non hanno mai trascurato i loro doveri.
30-10-2015 18:05

Già mi immagino i corsi di gruppo tipo quelli che già fanno per gli ex alcolisti, drogati, giocatori d'azzardo. ..
10-8-2014 15:15

Serve a quello che servono una buona parte delle leggi in generale. Cioè a dire alla gente che si lamenta di un problema: "Ecco. Abbiamo fatto una legge per il tuo problema.Visto che ci preoccupiamo di te?" :roll:
10-8-2014 14:35

Ma io mi chiedo a cosa serva varare una legge per regolamentare l'uso dei videogiochi, e presumo che si parli di uso eccessivo, dipendenza. Per il semplice motivo che non possono sapere quante ore poi la persona ci passerà effettivamente a giocare. :roll:
22-7-2014 10:17

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole a tassare l'uso del denaro contante per diffondere l'uso della moneta elettronica?
Totalmente favorevole.
Favorevole, ma timoroso della sicurezza delle transazioni.
Favorevole, ma bisogna tutelare chi non vuole o non sa usare la moneta elettronica.
Totalmente contrario.
Basterebbe abolire i costi bancari sulle transazioni elettroniche.

Mostra i risultati (6032 voti)
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 30 novembre


web metrics