Tradita la legge Biagi?

Agenzie per il lavoro a caccia di dati personali



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-08-2014]

unemployed

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
Agenzie per il lavoro a caccia di dati personali

Il Decreto Legislativo di cui abbiamo parlato dà attuazione alla cosiddetta legge Biagi, liberamente ispirata al Libro Bianco di cui Marco Biagi stesso parlò alla Consulta per i problemi sociali e del lavoro della CEI.

Tale legge ha introdotto per la prima volta il passaggio dal monopolio pubblico dell'intermediazione di manodopera a una progressiva apertura a nuovi soggetti pubblici e privati.

Nel tempo, tuttavia, le cose non sono sembrate andare proprio secondo l'intento di chi, come Biagi, aveva pensato la riforma.

Navigando in Rete tra le centinaia di migliaia di posizioni disponibili e pubblicate dalle varie agenzie, ai meno distratti potrebbero saltare all'occhio cicliche ripetizioni di offerte, offerte sempre attive, offerte ai limiti dell'inverosimile.

A questo punto ci si potrebbe chiedere quale sia il motivo di tutto ciò; per avere una risposta basta considerare alcuni fatti.

Innanzitutto: come è calcolato il valore di un sito?

Un sito ha valore quando, in prima battuta, è visitato da molte persone; ciò implica una connessione diretta tra il numero di visite e i ricavi generati della pubblicità che lo stesso propone. In secondo luogo, il sito ha valore quando il tempo medio di permanenza sullo stesso è elevato.

Questi due elementi sono quelli in base ai quali spesso viene stimato il valore complessivo di un sito; tuttavia, nel contesto delle attività di una agenzia per il lavoro, non sono di certo sufficienti. Ciò che dà valore a questo tipo di siti è infatti un altro tipo di informazione, molto più delicata.

Come riportato comunemente nelle sezioni privacy e policy dei siti di ogni agenzia, vi è sempre una raccolta di informazioni personali nel momento in cui l'utente utilizza i servizi.

Sondaggio
A quali condizioni lavoreresti da casa anziché in ufficio?
Accetterei uno stipendio inferiore perché risparmierei sui trasporti e in tempo.
Vorrei uno stipendio maggiore perché l'azienda risparmierebbe su locali, strumenti, sicurezza.
Allo stesso stipendio.
Non rinuncerei al lavoro in ufficio per nulla al mondo.

Mostra i risultati (2437 voti)
Leggi i commenti (7)

Infatti l'agenzia per il lavoro raccoglie direttamente dagli utenti informazioni di vario tipo tra cui quelle relative ai contatti, ai CV e ai profili.

Essa inoltre raccoglie anche informazioni in modalità automatica, per esempio quelle relative all'utilizzo dei servizi stessi e all'interazione con le agenzie, i dati demografici e quelli che riguardano il computer o il dispositivo mobile utilizzato dell'utente, secondo una pratica peraltro diffusissima. Ed è proprio questo il nocciolo della questione.

La raccolta, l'analisi e l'eventuale cessione delle informazioni archiviate, unite al flusso di pubblicità che transita sul sito dell'agenzia, determinano una fetta importante del reddito prodotto dal sito stesso, una fetta che è tanto ingente da rendere minoritario il reddito ottenuto dalla prestazione dei servizi che in teoria costituiscono l'attività primaria dell'agenzia stessa.

Da tutto ciò si capisce perché diventi spesso irrilevante il contenuto delle posizioni offerte, mentre è rilevante la presenza dell'offerta in sé: essa genera valore perché porta acqua al mulino nelle forme sopra espresse (tutti i dati personali e i ricavi pubblicitari).

Questo meccanismo droga le reale bontà dell'attività svolta, in favore di altri e ben più profittevoli aspetti: è questo il motivo per cui sempre più spesso queste agenzie danno la possibilità di collegare i propri profili con i più comuni social network.

Acquisendo sempre più informazioni e organizzandole, esse creano un canale di redditività ben più ampio di quello prodotta dall'intermediazione: ciò comporta irreversibilmente una progressiva inefficienza del primario core business, ossia l'incontro tra la domanda e l'offerta nel mondo del lavoro.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3682 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics