Wikipedia contro il diritto all'oblio

Anche Vallanzasca e la banda della Comasina ne usufruiscono.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-08-2014]

vallanzasca

«Credo che sia profondamente immorale»: così Jimmy Wales, il fondatore di Wikipedia, liquida quello che l'Unione Europea definisce "diritto all'oblio".

Sono ormai alcuni mesi che, a seguito delle imposizioni della Corte di Giustizia Europea, Google provvede a rimuovere i link segnalati da coloro che ritengono violati i propri dati sensibili dai risultati restituiti dal motore di ricerca.

Tra i risultati censurati - non c'è da meravigliarsi - vi sono anche circa 50 pagine delle diverse edizioni di Wikipedia, tra cui anche quella italiana: due segnalazioni riguardano infatti la pagina su Renato Vallanzasca e sulla Banda della Comasina.

Le pagine, va da sé, sono tuttora presenti in Wikipedia ma non appaiono più nei risultati di Google se vengono cercate determinate parole chiave: si tratta probabilmente dei nomi di alcune persone che non vogliono più essere collegate alle vicende di quel periodo.

Tutto ciò a Jimmy Wales non sta per niente bene. Durante la conferenza annuale Wikimania, tenutasi a Londra, ha spiegato il perché.

«La storia è un diritto umano e una delle cose peggiori che qualcuno possa fare è cercare di usare la forza per ridurre al silenzio qualcun altro» ha dichiarato il fondatore dell'enciclopedia libera.

«Io sono un personaggio pubblico da un certo tempo; alcuni dicono di me cose buone, altri dicono cose cattive. Questa è storia, e non utilizzerei mai alcun tipo di procedimento legale come questo [il "diritto all'oblio", NdR] per cancellare la verità. Penso che sia profondamente immorale».

Sondaggio
Se il telefonino è generalmente personale, spesso il tablet è condiviso in casa. E' così?
Ho un tablet e lo uso solo io.
Ho un tablet e lo condivido con i miei familiari.
Non ho un tablet ma utilizzo quello di un mio familiare.
Non ho un tablet.

Mostra i risultati (1786 voti)
Leggi i commenti (20)

Ad aggiungersi alle posizioni di Wales c'è l'intera Wikimedia Foundation, preoccupata di quello che può succedere alla libertà della Rete a causa di questa decisione dell'Europa.

«La corte europea ha abbandonato la propria responsabilità di proteggere uno dei diritti più importanti e universali: il diritto di cercare, ricevere e fornire informazioni» ha dichiarato Lila Tretikov, direttore esecutivo della fondazione.

«Come conseguenza di ciò» - ha continuato Lila Tretikov - «i risultati corretti delle ricerche in Europa stanno sparendo senza alcuna spiegazione pubblica, senza alcuna prova reale, senza alcun controllo giudiziario e senza alcun processo d'appello. Il risultato è una Internet crivellata da ciò che Orwell chiamava "buchi della memoria": casi in cui le informazioni scomode semplicemente scompaiono».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il servizio che rivela cosa è stato rimosso da Google
Google e diritto oblio, oltre 6.000 richieste dall'Italia
Google oscurato in Cina, ecco il vero diritto all'oblio
Belen Rodriguez fa causa a Google e Yahoo per i link
Diritto all'oblio, ecco come cancellarsi da Google
UE, Google è responsabile del diritto all'oblio

Commenti all'articolo (5)

Quoto entrambi. Fa parte dell'opera sistematica di demolizione della democrazia e dello stato di diritto pubblico per tornare allo stato di proprietà del Re, o comunque di pochi detentori di tutto il potere. :cry: Non sono capaci di capire che è solo questione di tempo e gli si torcerà tutto contro. Credono in una inspiegabile immunità... Leggi tutto
20-8-2014 15:05

Quoto gomez. A dimostrazione del fatto che i politici sia italiani che europei, quando si presenta l'occasione di fare il proprio interesse, sono sempre tutti pronti, allineati e compatti.
20-8-2014 10:18

Il cosiddetto "diritto all'oblio" è un'aberrazione, come riscrivere i libri di Storia eliminando gli episodi "scomodi". Non c'è da stupirsi che i politici l'abbiano approvato con tanta sollecitudine, sono quelli che guadagneranno di più a nascondere le proprie malafede, corruzione, condanne, complicità e connivenze.... Leggi tutto
9-8-2014 16:47

La Svizzera infatti non fa parte dell'UE. Vedi la news: http://www.zeusnews.it/n.php?c=21053
9-8-2014 16:28

{togn}
deve esere a livello nazionale , o comunque roba da UE, perchè qui in Svizzera la ricerca su vallanzasca da i suoi frutti , citando in primis Wikipwdia.segu- ono poi vari articoli relazionati all'oblio
9-8-2014 15:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste minacce all'ambiente ritieni che sia quella da affrontare con maggiore urgenza?
La drastica riduzione della biodiversità: alcune stime ritengono che oltre cento specie ogni giorno si estinguano, compromettendo l'ecosistema in maniera irreversibile.
L'assottigliamento della fascia dell'ozono che protegge dagli ultravioletti dannosi: l'utilizzo di certi materiali (come i CFC) assottiglia lo strato di ozono mettendo in pericolo l'intero pianeta.
I cambiamenti climatici: l'aumento della temperatura causato dai gas serra può portare all'innalzamento dei mari e ad altre catastrofi, come inondazioni, siccità e tempeste.
I rifiuti tossici: dai pesticidi agli erbicidi fino alle scorie nucleari, tutti questi scarti hanno effetti dannosi sull'ambiente per molti anni dopo la loro produzione, contaminando acqua, aria e terra (e tutto quanto vi cresce).
L'impoverimento degli oceani: la pesca eccessiva ha decimato la fauna ittica, colpendo in particolare i grandi pesci predatori. A questa si aggiungono i rifiuti (specialmente in plastica) scaricati negli oceani e l'aumento dell'acidità dei mari.

Mostra i risultati (1717 voti)
Agosto 2020
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics