Shazam con 100 milioni di utenti è pronta per la Borsa

L'app per riconoscere i brani musicali tramite smartphone potrebbe sbarcare a Wall Street.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-08-2014]

Shazam 100 milioni utenti

Cento milioni di utenti e mezzo miliardo di download: sono questi i numeri che può vantare Shazam, la popolare applicazione nata per riconoscere i brani musicali.

L'utilizzo è semplice e immediata: si avvia l'app mentre si sta ascoltando da un altro dispositivo un brano che si vuole identificare, e Shazam adopera il microfono dello smartphone per catturare un campione, che poi confronta con il proprio database.

Se trova una corrispondenza, restituisce il titolo del brano e tutte le informazioni collegate, compresa la possibilità di acquistarlo tramite iTunes, Google Play e Amazon, oppure ascoltarlo in streaming con servizi quale Spotify.

Nel corso del tempo Shazam si è però evoluta al di là dei brani musicali, riuscendo a riconoscere anche show televisivi e film. Ora ha intenzione di andare oltre.

Forte della notevole crescita ottenuta soprattutto negli ultimi tempi (in un anno gli utenti sono aumentati del 34%), Shazam ha stretto accordi con partner come Apple - che ha integrato Shazam in Siri per iOS 8 - e adesso punta ad allargare il campo di ciò che può riconoscere.

Sondaggio
Qual è l'app che utilizzi di più?
Amazon - 1.6%
Angry Birds - 0.8%
Chrome - 10.8%
Facebook - 9.9%
Gmail - 19.6%
Instagram - 0.4%
Netflix - 0.3%
Opera - 2.5%
Pinterest - 0.5%
Safari - 8.5%
Skype - 3.8%
Twitter - 2.9%
WhatsApp - 26.2%
YouTube - 5.3%
Vorrei suggerirne un'altra - 7.0%
  Voti totali: 1327
 
Leggi i commenti (10)

«Stiamo prendendo in considerazione gli eventi dal vivo» racconta Rich Riley, CEO di Shazam. « Stiamo considerando le radio e come espandere l'universo delle cose che si possono "shazamare"».

Gli utenti ci sono e le entrate anche: si parla di decine di milioni di dollari, generati non più tanto dalle percentuali sui brani riconosciuti e acquistati ma soprattutto dalla pubblicità, cui Riley ha dato sempre maggior importanza da quando ha preso il timone dell'azienda, nell'aprile del 2013.

Ci si aspetta ora che Shazam faccia il grande passo e si faccia quotare in Borsa, operazione che è sempre stata un obiettivo di Andrew Fisher, ex CEO e attuale presidente.

Riley non lo esclude e anzi è convinto che la possibilità possa concretizzarsi nei prossimi anni anche se «qualora sembri meglio farsi acquisire, allora certamente valuteremo anche questa scelta», una frase che sembra un invito ai colossi con cui già ora Shazam collabora.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

A livello di riconoscimento è sicuramente valido... ci sono alternative che funzionano a dovere ma in caso di brani 'precisi' cioè suonati in originale, senza disturbi.....gli algoritmi di shazam invece riescono anche in casi 'canticchiati' o diturbati (tipo una canzone in un film dove magari c'è anche altro sonoro)
22-8-2014 18:57

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'uomo presto ritornerà sulla Luna, ci si prepara all'esplorazione umana di Marte, la stazione spaziale internazionale sta per essere completata. Cosa pensi degli elevati costi che tale tipo di ricerca comporta?
La natura umana ci spinge a conoscere ed esplorare. Non ci sono costi troppo alti quando questi sono gli obiettivi.
L'esplorazione spaziale (come ogni altra forma di ricerca scientifica) ha i suoi costi, ma le ricadute tecnologiche e quindi i benefici di tali investimenti possono essere enormi.
Può certamente essere interessante sapere se qualche millennio fa c'erano forme di vita unicellulare su Marte, ma la Terra e i suoi abitanti hanno problemi ben più seri che necessitano di tutta l'attenzione e i fondi possibili.
Secondo me non siamo neanche stati sulla Luna, quindi...

Mostra i risultati (3866 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics