Gli SmartEyeglass di Sony

I ''Google Glass'' cinesi di Baidu e quelli di Sony.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-11-2014]

smarteyeglass

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
I ''Google Glass'' cinesi di Baidu e quelli di Sony

Sempre in Oriente, ma questa volta in Giappone, c'è un'altra azienda al lavoro sugli smartglass: Sony.

La versione di Sony si chiama SmartEyeglass e, esteticamente, ricorda da vicino un paio di occhiali per la visione 3D.

Gli SmartEyeglass integrano una videocamera da 3 megapixel, un accelerometro, un giroscopio, una bussola, un sensore di luminosità, un microfono e una batteria dalle dimensioni non indifferenti.

Anche questa invenzione si trova allo stadio di prototipo ma è già in grado - spiega Sony - di connettersi a diversi smartphone equipaggiati con Android 4.1 e versioni successive.

Le lenti hanno uno spessore di 3 millimetri, hanno una trasparenza dell'85% e forniscono un display monocromatico, a tutto vantaggio della durata della batteria.

Sondaggio
Quale di queste tecnologie obsolete utilizzi di pi?
Autoradio con mangianastri
Carta carbone
Ciclostile
Fax
Floppy disk
Lavagna luminosa a lucidi
Lettore di compact disc
Macchina fotografica a pellicola
Macchina per scrivere
Proiettore di diapositive
Registratore a cassette
Segreteria telefonica a nastro
Stampante ad aghi
Telefono a rotella
Videoregistratore VHS
Videotel
Walkie talkie
Walkman

Mostra i risultati (4359 voti)
Leggi i commenti (22)

Per quanto riguarda l'app per smartphone che permette di gestire gli occhiali, Sony afferma di essere ancora al lavoro e, a questo scopo, fornisce pubblicamente un kit di sviluppo perché chiunque possa creare una propria versione.

Il colosso giapponese prevede di mettere in vendita il prototipo, con un programma simile a quello che Google ha rivolto agli sviluppatori per i Google Glass, entro la fine del prossimo marzo; successivamente i SmartEyeglass diventeranno disponibili per tutti.

Qui sotto, il video di presentazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la pi pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non ci che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finch questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (2567 voti)
Maggio 2024
Google infila la IA dappertutto
Dentro la sede dei criminali
Windows 11 24H2 cripta tutti i drive all'insaputa dell'utente
L'app per snellire Windows 11 rimuove anche la pubblicità
Netflix, utenti obbligati a passare agli abbonamenti più costosi
Aprile 2024
MS-DOS 4.00 diventa open source
Enel nel mirino dell'Antitrust per le bollette esagerate
TIM, altre ''rimodulazioni'' in arrivo
L'algoritmo di ricarica che raddoppia la vita utile delle batterie
Hype e Banca Sella, disservizi a profusione
Falla nei NAS D-Link, ma la patch non arriverà mai
La navigazione in incognito non è in incognito
Le tre stimmate della posta elettronica
Amazon abbandona i negozi coi cassieri a distanza
Marzo 2024
Buone azioni e serrature ridicole
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 maggio


web metrics