Lo smartphone Jolla arriva in Italia a prezzo ridotto

Compatibile con le app Android, si può usare comodamente con una mano sola.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-11-2014]

jolla sailfish os ui t

È arrivato finalmente anche in Italia Jolla, lo smartphone finlandese ideato da un gruppo di ex dipendenti di Nokia.

Jolla raccoglie l'eredità di MeeGo, sistema operativo per smartphone basato su Linux, e la traduce in Sailfish OS, creato per distinguersi dai concorrenti.

Sailfish vuole rappresentare un paradigma nuovo nel panorama dei sistemi per smartphone: all'utente non offre pulsanti né fisici né virtuali ma ogni funzione si attiva tramite delle apposite gesture, una soluzione che - come sottolinea l'azienda - permette di adoperare il dispositivo anche con una sola mano.

Per esempio, facendo scorrere il dito sul lato si attiva la pagina Home, metre facendolo scorrere dal fondo si apre la finestra delle notifiche.

Un sistema operativo nuovo, per quanto interessante, non ha speranza di sopravvivere senza un ecosistema di app che attraggano gli utenti: ecco perché Sailfish supporta le app per Android (ma non, ovviamente, il Google Play Store), così da facilitare la transizione per gli utenti che provengano da quel mondo.

Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2455 voti)
Leggi i commenti (15)

Dal punto di vista dell'hardware, Jolla non offre caratteristiche particolarmente avanzate.

Si basa su un processore dual core Qualcomm Snapdragon 400 a 1,4 GHz, accompagnato da 1 Gbyte di RAM e 16 Gbyte di memoria interna (espandibile via microSD). Lo schermo ha una diagonale lunga 4,5 pollici e offre una risoluzione di 960x540 pixel.

Non mancano poi fotocamera posteriora da 8 megapixel con flash a LED, fotocamera anteriore da 2 megapixel, tutta la dotazione di sensori ormai standard, batteria da 2.100 mAh e il supporto alla connettività LTE.

Jolla è distribuito in Italia da RCH Importazioni e la mappa dei rivenditori è disponibile sul sito di questa; il prezzo consigliato è di 299 euro, 50 euro in meno di quanto inizialmente era stato annunciato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
In prova: Jolla SailFish
Samsung rimanda il lancio dello smartphone con Tizen
Jolla, lo smartphone camaleonte
Intel e Nokia insieme per MeeGo

Commenti all'articolo (3)

{gpacchia}
CI SONO UNA BARCA DI MOTIVI PER CUI NON E' COSA FATTIBILE, NE' AUSPICABILE, dal costo x le famiglie, al fatto che non ci si fa molto, se non usarlo per poche cose, salvo essere esperti e molto elastici nell'utilizzazione. inoltre lo vedo con molti limiti dal punto di vista didattico, la vecchia sana scuola come l'ho... Leggi tutto
26-11-2014 18:18

Per essere una new entry nel mercato e considerata la dotazione hardware che definirei non proprio di alto livello mi sembra che venga offerto ad un prezzo assai poco aggressivo...
23-11-2014 13:50

{tryrespa}
Non avere pulsanti (che però vedo nella foto) è una idea troppo radicale e costringe l'utente a usare gesture che spesso non ha la minima voglia di imparare, a meno che non sia un ragazzino. Questi ex dipendenti devono avere un mucchio di soldi da buttare, per rischiare tanto quando avrebbero potuto fare un sistema che... Leggi tutto
21-11-2014 15:50

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te come stanno cambiando gli attacchi informatici?
Ci sono sempre più attacchi automatizzati verso i server anziché verso gli individui.
Gli attacchi sono più globali, dall'Europa all'America all'Asia all'Australia.
L'impatto maggiore è sui conti aziendali e sui patrimoni medio alti.
Gli attacchi colpiscono istituzioni finanziarie di tutte le dimensioni.
Gli hacker sono sempre più veloci.
I tentativi di transazioni sono più estesi e più elevati.
Gli attacchi sono più difficili da rilevare.
E' aumentata la sopravvivenza dei server.

Mostra i risultati (1496 voti)
Novembre 2019
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Omessa custodia del cellulare, sanzionata l'insegnante del post anti-Arma
Smartphone e batteria, con la modalità scura si risparmia davvero
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics