Morgan Freeman: ''I pirati ce l'hanno piccolo''

La nuova campagna antipirateria è decisamente sopra le righe.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-12-2014]

morgan freeman pirati

Per il vecchio slogan degli spot antipirateria «Non ruberesti mai un'auto» è giunta l'ora della pensione.

Dopo anni di parodie, Creative Future ha deciso che è tempo di rinnovare l'arsenale se si vogliono convincere le generazione della malvagità dei download pirata.

Zeus News ha visto in anteprima alcuni script degli spot che presto saranno realizzati negli USA e che, se tutto andrà come è già andata in precedenza, presto arriveranno anche da noi.

Ce n'è per tutti i gusti. Uno spot, per esempio, è incentrato intorno a un personaggio chiamato Torrent, un giovane tra i 20 e i 30 anni che non si vergogna di scaricare, anzi è «sicuro di sé e impenitente»; rappresenta «la comunità Bittorrent» di cui «riporta le opinioni parola per parola».

Tali opinioni sono sulla linea del «se è online, è mio», oppure «supporto l'arte ma non voglio dare i miei soldi alle multinazionali».

Sondaggio
Pericolosi malware per computer come Uroburos, spyware su smartphone Android e un numero costantemente in crescita di casi di malware con attacchi a dispositivi mobili. Quale di queste previsioni ti sembra più attendibile?
I "Quantified Self Data" sono protetti in modo inadeguato. - 8.8%
Multi-target malware: door-openers nei computer aziendali. - 8.4%
Più dispositivi mobili con malware pre-installato. - 27.7%
Nuovo record per i Trojan bancari. - 17.8%
Adware sempre sulla breccia. - 10.2%
Spyware in aumento. - 27.0%
  Voti totali: 488
 
Leggi i commenti

Più interessante è la campagna Dont't be an asshole, che fin dal titolo - Non essere uno str... - si presenta come aggressiva e sopra le righe.

Protagonisti di questa serie di spot saranno attori famosi come Sandra Bullock, Morgan Freeman, Mark Wahlberg e Seth MacFarlane.

In uno degli spot, gli ultimi due (il secondo nei panni della sua creatura Ted) si confessano l'un l'altro di aver compiuto tutta una serie di azioni illegali rese palesemente assurde («Una volta ho dato un pungo in faccia a un cieco perché sapevo che non avrebbe potuto identificarmi», «Io ho fatto sesso con una bambola del cane Clifford... e non era consensuale») finché uno dei due chiede «Non hai mai scaricato illegalmente un film?» e l'altro risponde «Eh? No. Non sono uno str...».

Una campagna antipirateria di questo tipo forse riuscirà nell'intento di non farsi odiare nemmeno dai pirati, ma il momento più interessante sarà quando potremo vedere Morgan Freeman recitare una delle battute scritte per lui: «Se scaricate illegalmente film da Internet, allora avete un pene piccolo e inutile, e dovreste vergognarvi di essere vivi».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 20)

Sempre peggio. Sì. :evil: Ma dovrà pur venire il giorno del Norimberga delle Major e delle SIAE ed affini! :twisted:
26-12-2014 02:24

@dragoz Già, si può sottintendere anche questo messaggio, sempre peggio... :roll:
22-12-2014 15:23

A dire il vero, porta anche il tristissimo messaggio: "chi ha il pene piccolo, dovrebbe morire, perchè inutile" e questo al di là della pirateria o meno...qui si sta raggiungendo la follia.... Leggi tutto
22-12-2014 15:13

Ahahahahaha...che mito !!!! Leggi tutto
22-12-2014 15:08

Concordo con rey, rispondevo alla provocazione di Freeman per dire che meglio avere un attributo sessuale piccolo(a parte la provocazione da basso livello) e essere libero che viceversa. Le major accusano di vigliaccheria quelli che scaricano abusivamente ma non dicono che una minima parte di quanto viene pagato poi ritorna all'autore,... Leggi tutto
22-12-2014 09:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (414 voti)
Gennaio 2023
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Disorganizzazione informatica fa desistere i cybercriminali
Windows 7 e Windows 8: Microsoft annuncia la fine del supporto
Telefonia, inizia l'era degli aumenti infiniti
La settimana lavorativa di quattro giorni è un successo
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 27 gennaio


web metrics