La Cina ha bloccato Gmail

Sotto accusa la censura operata dal governo, che pare voler ostacolare la crescita di Google.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-12-2014]

cina gmail

La Cina ha deciso di bloccare completamente l'accesso a Gmail, impedendendo agli utenti di utilizzare il servizio di posta di Google anche attraverso servizi di terze parti.

Al momento non vi sono conferme ufficiali da parte delle autorità cinesi, ma tutti i segni puntano nella stessa direzione.

Già da giugno l'accesso diretto al sito di Gmail è bloccato: la censura era scattata proprio in occasione del venticinquesimo anniversario della protesta di piazza Tienanmen, ma si poteva comunque accedere alle caselle tramite servizi di posta alternativi, come Outlook di Microsoft.

Ora anche questa possibilità è svanita. Il 26 dicembre il traffico dai server di Gmail in Cina è crollato di colpo dell'85%, e poi ha continuato a calare, arrivando ormai quasi a zero.

Un portavoce del sito Great Fire, che riporta la situazione del Great Firewall cinese, ha dichiarato a Reuters: «Credo che il governo stia tentando di eliminare ulteriormente la presenza di Google in Cina, e anche ridurre il suo mercato all'estero».

Sondaggio
Negli ultimi due anni, quante volte hai formattato l'hard disk del PC?
Nessuna
Una
Un paio
Quattro o cinque
Una decina
Di pi¨

Mostra i risultati (3706 voti)
Leggi i commenti (34)

Google, dal canto proprio, ha fatto sapere che non ci sono problemi tecnici; la causa quindi è da ricercare altrove, e la censura è il primo candidato della lista.

L'amministrazione cinese afferma però di non saperne niente, e anzi una portavoce del Ministero degli Esteri ha ribadito che il governo continua a fornire un ambiente adatto «agli investitori esteri che conducono affari legittimi».

Al momento, l'unico modo di accedere ai servizi di Gmail è usare una VPN, come già spiegavamo alcuni mesi fa.

Aggiornamento 30 dicembre

La situazione sta a poco a poco tornando alla normalità.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Google oscurato in Cina, ecco il vero diritto all'oblio
Una VPN per superare i firewall cinesi

Commenti all'articolo (1)

Quindi il governo cinese ci ha ripensato o che altro Ŕ successo? Leggi tutto
4-1-2015 18:12

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitÓ di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitÓ e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1218 voti)
Luglio 2019
Modalità incognito per i siti a luci rosse? Google e Facebook ti tracciano lo stesso
WhatsApp, la truffa passa attraverso i file multimediali
Galileo fuori uso da quattro giorni, forse è colpa di un guasto in Italia
Lo pneumatico senz'aria di Michelin e GM
Track This inganna gli algoritmi pubblicitari (aprendo 100 schede!)
L'app che spoglia nude le donne in pochi secondi
Giugno 2019
Quattordicenne crea malware che rende inutilizzabili i dispositivi IoT
Fusione TIM e Open Fiber, un'operazione senza alternative
Apple richiama i MacBook Pro: rischiano di prendere fuoco
Falla zero-day in Firefox, gli hacker la stanno già sfruttando
Libra, la criptovaluta di Facebook, ufficialmente al via con il wallet Calibra
Se anche Sky usa i sottotitoli pirata
Il CERN lascia Microsoft e passa all'open source
VLC, corrette 33 falle grazie alle ricompense UE
EmuParadise violato, rubati i dati di 1,1 milioni di utenti
Tutti gli Arretrati


web metrics