Attacco informatico planetario nel weekend?

Moltissimi siti Web e organi di informazione hanno pubblicato una notizia secondo la quale in questo fine settimana si scatenerà la fine del mondo in Rete a causa di una sorta di "gara" fra deficienti a chi devasta il maggior numero di siti Web.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-07-2003]

L'origine della notizia dovrebbe essere un comunicato del sito Zone H, che è uno dei tanti dedicati ai "defacement", ossia agli attacchi consistenti nel cambiare il contenuto delle pagine Web di un sito.

Il comunicato parla di una disfida lanciata da un sito, che invita ad eseguire il maggior numero possibile di defacement il 6 luglio, in un intervallo che durerà sei ore.

Ovviamente, come al solito i media ci hanno ricamato sopra, generando allarmi totalmente inutili. Chiarisco brevemente alcuni concetti per scremare le stupidaggini che ho sentito dire fin qui dagli esperti improvvisati.

Primo, l'utente Internet medio non ha assolutamente nulla da temere. L'attacco, ammesso che avvenga, colpirà i siti Web, non i singoli utenti. Ovviamente, se un utente possiede o gestisce le pagine del proprio sito Web, quelle pagine possono essere a rischio, ed e' quindi il caso di farne una copia di scorta; ma questa e' una cosa che qualunque utente diligente fa gia'.

Secondo, le regole di questa patetica disfida indicano che i bersagli più probabili dell'attacco saranno i server dei grandi fornitori di spazio Web, quelli sui quali coabitano tanti siti; i server Web dei singoli utenti o aziende sono bersagli meno appetibili.

Se avete un piccolo server aziendale, non è il caso di mettersi le mani nei capelli: avete fatto il vostro dovere finora, tenendo correttamente aggiornato il software ed eseguendo test anti-intrusione? Allora non avete motivo di preoccuparvi durante questo fine settimana più di quanto facciate normalmente.

Terzo, l'attacco non causerà il collasso di Internet per eccesso di traffico. Un defacement, per definizione, richiede un traffico di dati estremamente modesto: qualche comando digitato accedendo per qualche istante al sito da attaccare, tutto qui. Sapeste com'e' facile.

L'unico effetto negativo possibile e' che i siti attaccati non saranno piu' accessibili finche' i loro amministratori di sistema non si schioderanno dalla poltrona e li rimetteranno a posto, configurandoli come si deve in modo che l'attacco non possa ripetersi. Cosa che in realta' avrebbero dovuto fare prima.

Fra l'altro, i defacement avvengono tutti i santi giorni, anche al di fuori di queste disfide, che sanno tanto di gara a chi piscia piu' lontano e dimostrano esattamente allo stesso modo il livello mentale dei partecipanti.

Pertanto non è proprio il caso, come avvisano alcuni appelli che circolano in Rete, di restare scollegati da Internet per tutto il fine settimana. Non servirebbe assolutamente a nulla, perche' tanto gli aggressori non sono a caccia di utenti, ma di siti.

Io resto online per tutti il week-end, e con me il mio sito. Staremo a vedere.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Alessandro Pani
Lamers Leggi tutto
7-7-2003 09:21

Umberto
finalmente un po' di buonsenso Leggi tutto
6-7-2003 14:39

dragheno
Cognome_Attivissimo_ _Nome_Informatissimo Leggi tutto
6-7-2003 10:44

Anna
Blackout informatico????? Leggi tutto
6-7-2003 08:59

Thapsos
Sono più idioti loro o i giornalisti? Leggi tutto
6-7-2003 08:46

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi non ha pagato l'assicurazione auto verr individuato grazie a una serie di controlli incrociati con videocamere stradali e dati del Ministero. Che cosa ne pensi?
L'uso della tecnologia diventato troppo invadente. Ogni giorno ci viene sottratta un'ulteriore fetta di privacy.
Ben vengano i controlli, se servono a diminuire le tasse (o i premi di assicurazione) di quelli che onestamente le pagano.
Il provvedimento va a colpire soltanto i disperati, che con la crisi cercano di arrangiarsi.
I veri evasori non si faranno certo acchiappare con questi mezzucci.
Prima di tutto bisognerebbe abbassare i costi delle assicurazioni.
Io non pago n l'assicurazione auto, n il canone Rai, n niente!
Viaggio solo in autobus o in bicicletta, non mi riguarda.

Mostra i risultati (2304 voti)
Aprile 2020
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Tutti gli Arretrati


web metrics