Per rubare le impronte digitali basta una foto

Una nuova tecnica, rapida e semplice, fa crollare il mito della sicurezza biometrica.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-01-2015]

impronte digitali foto CCC

La pretesa inviolabilità dell'identifica-
zione biometrica ha subito un altro duro colpo.

In occasione del Chaos Communication Congress, evento organizzato dall'associazione di hacker europei Chaos Computer Club, è stato mostrato come sia facile ricostruire un'impronta digitale partendo da delle semplifici fotografie.

La dimostrazione è stata fatta dall'hacker Jan Krissler (membro del CCC e noto anche come Starbug). Krissler afferma di aver adoperato «una fotocamera standard», di quelle normalmente in commercio, per scattare foto al ministro della difesa tedesco Ursula von der Leyen in occasione di eventi pubblici.

In questo modo è riuscito a ottenere un primo piano del pollice, foto che poi ha integrato con altre scattate da diverse angolazioni usando normali software di ritocco fotografico.

Il risultato di questo lavoro è un'immagine dell'impronta digitale che potrebbe tranquillamente essere usata per sbloccare i sistemi di identificazione biometrica come il TouchID dell'iPhone.

Sondaggio
Pericolosi malware per computer come Uroburos, spyware su smartphone Android e un numero costantemente in crescita di casi di malware con attacchi a dispositivi mobili. Quale di queste previsioni ti sembra più attendibile?
I "Quantified Self Data" sono protetti in modo inadeguato. - 8.8%
Multi-target malware: door-openers nei computer aziendali. - 8.4%
Più dispositivi mobili con malware pre-installato. - 27.7%
Nuovo record per i Trojan bancari. - 17.8%
Adware sempre sulla breccia. - 10.2%
Spyware in aumento. - 27.0%
  Voti totali: 488
 
Leggi i commenti

L'affermazione non è stata messa alla prova ma, considerando come già in passato sia stato dimostrato che è tutt'altro che impossibile ingannare i lettori di impronte, si può prenderla per buona con un certo grado di fiducia.

Krissler ha quindi suggerito che in futuro «i politici probabilmente vorranno indossare dei guanti durante i discorsi pubblici».

Come dicevamo, la sicurezza di questi sistemi di identificazione è da tempo in discussione. Per questo motivo, come segnala la BBC, la ricerca si sta muovendo verso sistemi biometrici che non si basino su dati statici, come il riconoscimento facciale o quello delle impronte digitali.

«Stiamo iniziando a cercare alternative in cui il dato biometrico è vivo - come il riconoscimento delle vene nelle dita, l'analisi della camminata - che vengono scelte perché la persona deve possedere questi dati ed esibirli "dal vivo"» afferma il professor Alan Woodward, della Surrey University.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Galaxy S10, lettore di impronte ingannato da una stampa 3D
Sbloccare lo smartphone stampando l'impronta digitale
Identificazione biometrica anche attraverso i batteri
Garante privacy, nuove regole per i dati biometrici
Già scavalcato il lettore d'impronte digitali
Sbloccare l'iPhone col battito cardiaco
FBI crea database per riconoscimento facciale più grande al mondo

Commenti all'articolo (4)

{fake_fingerprint}
link[/url] del (26 October 2004) [url=http://forum.zeusnews.com/link/154609]link[/url] del (21 September 2013) [url=http://forum.zeusnews.com/link/154610]link[/url] del (27 December 2014) [url=http://forum.zeusnews.com/link/154611]link[/url] [url=http://forum.zeusnews.com/link/154612]link[/url] ... Leggi tutto
4-1-2015 17:10

Il riconoscimento biometrico è una stronzata, ma è fortemente voluto :roll: dagli USA perchè da loro non si può (per legge) obbligare qualcuno a consegnare le password di sblocco, ma è perfettamente legale obbligarlo a posare il pollice (occhio, naso, pisello...) sul sensore, avendo così accesso a tutto il contenuto dello smarthone o... Leggi tutto
1-1-2015 03:10

giusto...ma credo che per la tua amica come per tutti noi, l'impronta digitale per sbloccare lo smartphone (tanto per dire) sia sufficiente..sia in termini di sicurezza (lascio il telefonino incustodito e non ci guardano dentro) che di praticità (lo sblocco comodamente e velocemente) Se invece l'impronta serve a garantire situazioni... Leggi tutto
31-12-2014 16:12

{umby}
..."l'analisi della camminata"... Alcuni giorni fa, una mia amica che stava sciando, nell'affrontare una curva, si é procurata (purtroppo) la rottura di un legamento del ginocchio... Voglio vedere come avrebbe fatto a sbloccare il cello e chiamare i suoi genitori per andarla a prendere...
31-12-2014 11:59

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2486 voti)
Febbraio 2020
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Tutti gli Arretrati


web metrics