E se Microsoft rilasciasse NT come Open Source?

Come noto, Microsoft ha cessato il supporto per Windows NT. Ciò comporta notevoli problemi per chi ancora utilizza questo sistema operativo. Ma cosa succederebbe se Microsoft rilasciasse il codice di NT come Open Source?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-07-2003]

Partendo da questa provocazione, lanciata da Munir Kotadia su ZDNET, secondo me potremmo esaminare uno scenario di fantainformatica in cui NT davvero viene rilasciato come Open Source. Cosa accadrebbe a Linux e a tutto l'Open Source Software in generale? Secondo la mia umile opinione... proprio nulla!

Vediamo perché: innanzitutto la portata del rilascio di NT sarebbe molto limitata: pochissimi ancora usano questo sistema operativo (Io lavoro in un posto dove lo fanno... ma questo è un altro discorso). Secondo: nonostante quello che dicano in Microsoft, Linux ha raggiunto una sua stabilità, e quindi ben difficilmente un grosso numero di sviluppatori si lancierebbe nella titanica impresa di aggiornare e mantenere un sistema operativo nuovo.

La documentazione tecnica che Microsoft fornirebbe è poi un'altra incognita non trascurabile. Il codice sorgente da solo sarebbe quasi del tutto incomprensibile, e richiederebbe alcuni mesi solo per essere compreso, se non anni.

Non dimentichiamo poi che la tecnologia NT è stata acquistata da Microsoft ed il discorso dei diritti e dei copyright in questi casi (vedo SCO contro IBM) è sempre molto fumosa. Sarebbe da ridere vedere Microsoft condannata per aver contribuito alla causa Open Source. A meno che, mossa diabolica, non sia un sistema per far inserire codice protetto in Linux, per poi autodenunciarsi e fare avere problemi legali a Linux. Ma qui oltre che nella fantainformatica sconfiniamo nella paranoia pura.

Non dimentichiamo infine il motivo ultimo per cui Microsoft ha dismeso NT: non certo per motivi tecnici, ma semplicemente per forzare la migrazione degli ultimi utenti residui verso Windows 2003 Server. E soprattutto mettere in condizione tutti gli utenti di Windows 2000 di sapere che un bel giorno anche la loro versione sarà dismessa, e quindi convincere anche loro a migrare al più presto verso il 2003 Server. In questa prospettiva, anche se affascinante, la propettiva di vedere NT rilasciato come Open Source è secondo me molto improbabile, ma con Microsoft non si può mai sapere. Come al solito la vostra opinione è caldamente incoraggiata.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

Spaceice
non è poi così tanto fantainformatica Leggi tutto
14-7-2003 12:25

Enrico
Ne dubito Leggi tutto
7-7-2003 17:09

Stefano Barni
windows e le banche Leggi tutto
7-7-2003 09:27

karlo
Ma davvero WinNT e' "dismesso"? Leggi tutto
6-7-2003 11:22

Nico
Macchè... Leggi tutto
5-7-2003 21:45

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te quale diventerÓ realtÓ per prima?
Le aule intelligenti: conosceranno gli alunni e offriranno un'esperienza di apprendimento personalizzata ed efficace.
Torneremo a fare la spesa sotto casa: i negozi uniranno la varietÓ degli acquisti online al piacere di fare acquisti direttamente in un posto conosciuto.
Useremo il DNA per stabilire terapie su misura: cloud computing e computer congnitivi rendereanno l'esame del DNA veloce ed economico.
Un guardiano digitale sostituirÓ le password: conoscerÓ le nostre abitudini e individuare i tentativi di furto d'identitÓ.
Smart City: le cittÓ faranno arrivare sugli smartphone dei cittadini informazioni personalizzate basate sulle abitudini e le preferenze degli abitanti stessi.

Mostra i risultati (1187 voti)
Aprile 2020
Violata Email.it: sottratti dati di 600.000 utenti, password comprese
5G e coronavirus, cittadini danno fuoco alle torri della telefonia
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Tutti gli Arretrati


web metrics