''Il mio gioco è stato censurato, vi invito a piratarlo''

Così lo sviluppatore di Hotline Miami 2 reagisce alla censura.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-01-2015]

hotline miami 2 censura

Hotline Miami 2: Wrong Number è il seguito di Hotline Miami, un videogioco che ha ottenuto un buon successo anche grazie alle scene di intensa violenza che lo caratterizzavano.

Wrong Number non è da meno; anzi, alla violenza si uniscono le scene di sesso e, stando a quanto riporta il sito Kotaku, c'è anche una scena in cui uccisioni sono accoppiate alla rappresentazione di uno stupro.

Tutto ciò ha portato l'Australian Classification Board, l'ente che ha il compito di giudicare i contenuti dei vari titoli che vogliono apparire sul mercato australiano e garantire l'obbligatorio visto censura, a ritenere il videogioco eccessivo.

In particolare, l'ACB ha ritenuto che non fosse possibile assegnare al videogioco una classificazione (per esempio, destinandolo unicamente ai maggiorenni), facendolo quindi ricadere tra i prodotti «inclassificabili».

La normativa locale prevede che in questa particolare categoria rientrino quei prodotti che «raffigurino, esprimano o altrimenti abbiano a che fare con scene di sesso, abuso di droghe, dipendenza da droghe, crimine, crudeltà, violenza o fenomeni disgustosi o ripugnanti in modo tale da offendere gli standard di moralità, decenza e decoro generalmente accettati da adulti ragionevoli».

Tali prodotti non possono essere venduti, affittati o riprodotti in pubblico. Però non è illegale possederli, a meno che non contengano materiale illegale, come per esempio scene pedopornografiche.

A questo punto, però, entra in gioco un fan di Hotline Miami che aspettava con ansia il seguito. Questi ha scritto a Jonatan Söderström, uno dei creatori del gioco, spiegandogli la situazione ed esprimendo tutta la propria delusione.

Sondaggio
In Parlamento una proposta di legge vorrebbe obbligare i nuovi esercizi pubblici (ristoranti, negozi e via dicendo) a mettere a disposizione gratis degli utenti la possibilità di navigare col Wi-Fi in Internet. Secondo te...
È una novità giusta e moderna.
È un obbligo (costoso) in più, da evitare.
Ottimo, ma si dovrebbero prevedere degli sconti fiscali per l'esercente.
La connessione sarà lenta, e poi con gli smartphone il Wi-Fi chi lo usa oggi?
Non mi interessa.
Non saprei.

Mostra i risultati (2455 voti)
Leggi i commenti (24)

«Come certamente saprai, a Hotline Miami 2 è stata rifiutata la classificazione in Australia. Questa cosa mi ha ucciso, sapere che non c'è alcun modo legale di acquistare uno dei giochi che aspettavo di più».

Il fan deluso si è però spinto oltre, sino a chiedere: «Come preferiresti, tu che sei lo sviluppatore, che io ottenessi il gioco? Pensavo che potrei scaricarlo via torrent e farti una donazione direttamente, ma non sono un fan del download dei giochi tramite torrent e non voglio avere problemi legali».

La risposta di Söderström è probabilmente andata oltre le più rosee aspettative: «Se non sarà rilasciato in Australia, piratalo dopo l'uscita. Non c'è bisogno che ci mandi dei soldi, goditi il gioco!».

L'email, che sembra proprio autentica, ha finito col creare una situazione paradossale: il titolare dei diritti ha in pratica autorizzato la pirateria, consentendo così ai fan del gioco di aggirare la censura, dato che il possesso del materiale inclassificabile non è vietato.

L'intera vicenda si trova in una sorta di "zona grigia legale" perché, sebbene ottenere il gioco tramite un download di questo tipo non paia propriamente regolare, non è chiaro se si possa tecnicamente parlare di pirateria, dato che il gioco in sé non viene distribuito.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'ex dittatore Noriega fa causa all'Activision
Video(giochi)dipendenza: è giusto vietarli per legge?
In tribunale per un cheat a un videogioco
Le parole sono importanti, quelle dei pirati di più
Quando i pirati si lamentano della pirateria
Ubisoft: pirati il 95% dei giocatori

Commenti all'articolo (5)

{aldolo}
se fosse possibile piratare tranquillamente tutto ciò che non è più in vendita anche windows7 sarebbe un ottimo candidato.
8-2-2015 06:00

Lo stesso, in toto. :D Concordo anche con Mattakkione ed Unto. E concordo anche con l'Australian Classification Board, con lo sviluppatore del gioco ed il suo fan. :D Trovo che la situazione sia buffa, ma le diverse posizioni sono giuste. Anzi, forse, è proprio questo a rendere buffa la situazione. :lol: Leggi tutto
2-2-2015 00:02

{unto}
Si dice che i film e i videogiochi violenti siano catartici per chi li gioca, che evita così di sfogare la propria aggressività nel sociale. Nel mio piccolo penso che chi è violento abbia delle ragioni che è meglio valuti con un terapista, e non che sfoghi, ma implicitamente rafforzi, nel giocare. Quanto a chi... Leggi tutto
29-1-2015 16:42

Ho il dubbio che se lo sviluppatore non è anche il detentore dei diritti d'autore forse il suo benestare potrebbe non essere sufficiente a tutelarsi da noie legali.
26-1-2015 12:22

Secondo me è da considerare come il caso in cui l'opera originale non sia più reperibile legalmente: se non posso acquistarlo non vedo che danno provoco a scaricarlo da Internet. Poi in questo caso c'è addirittura il benestare del produttore. :D Nobile la rinuncia alla donazione, ma potrebbe essere anche un modo per evitare eventuali... Leggi tutto
25-1-2015 15:42

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai mai acceduto a una rete Wi-Fi di qualcuno senza il suo permesso?
No, mai.
No, ma lo farei se ne avessi la possibilità.
Sì, ma era una rete Wi-Fi pubblica approntata appositamente.
Sì, ma era una rete Wi-Fi lasciata aperta e quindi ci potevo entrare anche senza le credenziali necessarie.
Sì, una rete Wi-Fi privata di cui ho hackerato la password (o di cui ho conosciuto la password).

Mostra i risultati (1879 voti)
Aprile 2020
5G e coronavirus, cittadini danno fuoco alle torri della telefonia
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Tutti gli Arretrati


web metrics