Facebook cambia le regole su terrorismo, violenza e nudo

Il social network spiega quali sono i contenuti vietati, a partire da bullismo, violenza e pornografia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-03-2015]

facebook policy community standard

A pochi giorni dalla presa di posizione di Twitter contro il revenge porn, Facebook interviene apertamente per fare chiarezza sui contenuti ammessi all'interno del social network.

Con un intervento affidato a Monicka Bickert, Facebook richiama gli Standard della Comunità da tempo esistenti e li chiarisce meglio, aggiornandoli in parte.

La continua espansione della base di utenti e il comportamento di alcuni hanno reso infatti necessario l'intervento chiarificatore: da un lato, il sito vuole evitare le accuse di censura; dall'altro cerca di tutelare le diverse sensibilità dell'oltre miliardo di persone che lo frequentano.

L'intervento di Monika Bickert si concentra in particolare su alcuni tipi di contenuti: quelli relativi «all'autolesionismo, alle organizzazioni pericolose, al bullismo, alle attività criminali, alla violenza sessuale, alla nudità, ai discorsi che incitano all'odio e ai contenuti violenti ed espliciti».

Sono quattro gli obiettivi che il social network si pone con questo intervento, e corrispondono alle aree in cui sono divisi gli Standard della Comunità: contribuire a mantenere la sicurezza, incoraggiare un comportamento rispettoso, tenere al sicuro il proprio account e le proprie informazioni personali, proteggere la proprietà intellettuale.

Sondaggio
Completa la frase con quella che ritieni più opportuna, oppure aggiungi una risposta nei commenti. Secondo te, il networking online attraverso i siti social...
Serve a costruirsi un'efficiente rete professionale.
E' particolarmente utile per cercare opportunità di lavoro.
Serve a comunicare la qualità di saper lavorare in team.
E' un'opportunità che sfruttano soprattutto i più giovani.
Elimina le barriere geografiche.
Accorcia le distanze tra amici e famigliari.
Serve a tenersi sempre aggiornati.
Permette di stabilire relazioni rilevanti.
E' lo strumento per eccellenza per creare solide relazioni professionali.
Consente di comunicare i propri successi lavorativi.
E' utile per chiedere una raccomandazione.

Mostra i risultati (823 voti)
Leggi i commenti (13)

Così, Facebook cerca di spiegare agli utenti come comportarsi nel caso in cui si apprestino a inserire contenuti che potrebbero suscitare controversie. Per esempio, la politica per quanto riguarda le immagini di nudo - che tanti problemi ha già causato in passato - ricorda che i contenuti pornografici ed esplicitamente sessuali sono banditi dal sito, ma anche che «Imponiamo anche delle limitazioni alla pubblicazione di immagini di nudità. È nostra intenzione rispettare il diritto delle persone di condividere contenuti importanti per loro, siano essi fotografie di una scultura come il David di Michelangelo o foto di famiglia di una madre che allatta al seno il figlio».

Monika Bickert spiega ulteriormente: «Rimuoviamo le foto di persone che mostrano i genitali o si concentrano su glutei completamente esposti. Limitiamo anche alcune immagini del seno femminile se sono inclusi i capezzoli, ma permettiamo sempre le foto di donne che allattano o che mostrano il seno con le cicatrici conseguenti a una mastectomia. Permettiamo anche le foto di pitture, sculture e altre forme di arte che rappresentano figure nude».

In un periodo in cui le organizzazioni terroristiche fanno sempre più affidamento su Internet per diffondere i propri messaggi, Facebook cerca di porre dei paletti: «Alle organizzazioni con precedenti di terrorismo o attività criminali violente non è consentito mantenere una presenza sul nostro sito». L'articolo continua dopo il video.

«Rimuoviamo i contenuti che esprimono supporto a quei gruppi che sono coinvolti nei comportamenti violenti, criminali o pieni d'odio già menzionati. Supportare o lodare i capi di queste stesse organizzazioni, o legittimare le loro attività violente, non è permesso».

Particolarmente delicato è il trattamento riservato ai «contenuti che incitano all'odio»: il problema è distinguere tra un discorso serio ed effettivamente carico d'odio e un contenuto meno serio. «Facebook non consente i contenuti che incitano all'odio, ma attua una distinzione tra contenuti seri e meno seri» spiega il social network. «Se da un lato incoraggiamo gli utenti a mettere in discussione idee, eventi e linee di condotta, non consentiamo la discriminazione di persone in base a razza, etnia, nazionalità, religione, sesso, orientamento sessuale, disabilità o malattia».

«Alle volte gli utenti condividono discorsi altrui di incitamento all'odio allo scopo di aumentare la consapevolezza. In questo caso, ci aspettiamo che gli utenti indichino chiaramente il proprio scopo» precisa ancora Monika Bickert.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Manderesti le tue foto osé a Facebook per prevenire il revenge porn?
Google blocca le vendette osé
Facebook, i governi vogliono i dati degli utenti
Twitter prende posizione contro il revenge porn
Facebook non gradisce le mamme che allattano

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Solo Danielix riesce a essere quotato ... senza scrivere! :mrgreen:
29-8-2015 08:54

:shock: :shock: :shock: :shock: :shock: :popcorn: :popcorn: :popcorn: Leggi tutto
28-8-2015 23:30

Certo, FB giustamente decide le regole per accedere al proprio sito e fruirne entro il limiti stabiliti, sta agli utenti decidere se restare o meno in funzione del gradimento che hanno di queste regole. Se le regole non ti stanno bene chiudi l'account - se ci riesci - e te ne vai, io invece manco l'ho mai aperto ma per altre ragioni.
21-3-2015 14:30

E perchè dovrebbero peggiorare le cose? Fanno bene a predere le distanze e a limitare certi comportamenti. Il sito è loro, e loro possono dettare le regole, ne va della loro immagine. Si può parlare di qualsiasi cosa senza offendere nessuno, anche di nazismo Paolo, anche di terrorismo e violenza, senza però lodare questi comportamenti.... Leggi tutto
20-3-2015 17:12

Chissà poi perché questo tipo di sondaggi non prevedono risposte negative... Allora quoto al 100% la risposta di Danielix!
18-3-2015 16:50

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il flop di Windows 8 sembra replicare tristemente quello di Vista e c'è chi comincia a sostenere che Microsoft sia ormai sulla via del declino, dopo aver mancato clamorosamente il successo anche nei telefonini, nei tablet e nei dispositivi embedded.
Windows 8 è perfettamente stabile, facile da usare e non richiede hardware particolare: non è affatto un flop e Microsoft non è in declino.
La qualità del software Microsoft è in calo da anni: mancano soprattutto in visione e in integrazione. Stanno spingendo su troppi fronti, perdendo di vista la qualità complessiva.
Ognuno deve fare bene il proprio mestiere e basta. Microsoft si concentri su Windows, lasciando perdere Zune e tutto il resto; Google insista sui motori di ricerca, non sui social network, la mail o gli occhialini.

Mostra i risultati (6341 voti)
Ottobre 2019
Omessa custodia del cellulare, sanzionata l'insegnante del post anti-Arma
Smartphone e batteria, con la modalità scura si risparmia davvero
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
Tutti gli Arretrati


web metrics