La galassia più lontana mai osservata

Si trova a 13,1 miliardi di anni luce da noi e getta nuova luce sull'origine dell'universo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-05-2015]

farthest galaxy egs zs8 1

Un team di ricercatori della Yale University e dell'Università della California - Santa Cruz ha scoperto quella che attualmente è la più lontana galassia mai osservata, cancellando così il record precedente.

La scoperta si deve alle immagini catturate dal telescopio spaziale Hubble e dal telescopio spaziale Spitzer, mentre la distanza è stata calcolata usando la strumentazione presente nell'Osservatorio W.M. Keck, alle Hawaii.

La galassia si trova a 13,1 miliardi di anni luce di distanza, è localizzata nella costellazione di Boote ed è stata battezzata EGS-zs8-1; dato che l'Universo ha circa 13,8 miliardi di anni, EGS-zs8-1 è anche una delle prime galassie a essersi formate.

Osservare la luce di un oggetto così lontano significa guardare nel passato: essa è infatti stata emessa 13,1 miliardi di anni fa, quando l'universo aveva circa 700 milioni di anni. Si pensa che le prime stelle abbiano iniziato a formarsi tra i 200 e i 300 milioni di anni dopo il Big Bang.

«Ha già costituito più del 15% della massa attuale della nostra Via Lattea anche se ha avuto soltanto circa 670 milioni di anni per farlo. L'universo era molto giovane a quel tempo» ha commentato Pascal Oesch, astronomo di Yale e primo autore dello studio che tratta della scoperta.

Sondaggio
Un collaboratore di Zeus News ci ha posto il quesito: "Mio figlio ha ormai 8 anni, che grosso modo è l'età in cui io ho ricevuto il Commodore 16 (avevo 9 anni). Lui per Natale vorrebbe un tablet. Che cosa gli regalo?" Secondo voi, è meglio regalare...
Un tablet
Un notebook
Un Pc
Un Commodore 16
Qualcos'altro

Mostra i risultati (2271 voti)
Leggi i commenti (28)

Stando alle osservazioni condotte, la formazione delle stelle all'interno di EGS-zs8-1 avverrebbe 80 volte più velocemente di quanto accada nella nostra galassia.

I ricercatori hanno spiegato che l'epoca che possiamo osservare grazie a questa nuova scoperta era un periodo di importanti cambiamenti per l'universo, in cui l'idrogeno tra le galassie stava passando da uno stato neutro a uno ionizzato. «Sembra» - commenta Rychard Bouwens, uno degli autori dello studio - «che le antiche galassie come EGS-zs8-1 siano state le guide principali per questa transizione, che chiamiamo rionizzazione».

Parlando dell'utilità di scoperte come questa, Pascal Oesch ha spiegato che grazie all'osservazione di oggetti così lontani nel tempo «possiamo ricostruire la costituzione degli elementi pesanti che vediamo oggi intorno a noi e di cui noi stessi siamo costituiti. Le nuove osservazioni forniscono indicazioni di come le stelle si siano formate a queste distanze estreme, e sembra che si siano formate in modo diverso rispetto a questa zona dell'universo. Ogni scoperta dà vita a un'intera nuova serie di domande».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Hubble trova la galassia più vecchia finora conosciuta
La galassia più lontana mai scoperta

Commenti all'articolo (2)

{utente anonimo}
con la propulsione chimica non si va da nessuna parte, quindi ci rimane solo da "osservare"...bah !
9-5-2015 07:01

{Pino}
Secondo me è già tutto avvenuto. Stiamo ripercorrendo alla nostra velocità quello che è successo in un attimo al momento del Big Bang.
8-5-2015 10:48

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
La cosiddetta green economy genera nuova ricchezza e aumenta sempre di più. Secondo te:
E' un sintomo di vera innovazione.
Significa che bisogna ripensare il concetto di sviluppo.
Lo sviluppo economico non può fare a meno dello sfruttamento ambientale.
E' la prova che economia e ambiente possono andare di pari passo.
E' solo una speculazione temporanea.

Mostra i risultati (3817 voti)
Agosto 2020
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics