L'Europa vuole abolire i blocchi regionali del copyright

Le restrizioni verranno eliminate entro il 2017.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-05-2015]

europa blocchi regionali abolizione

Che la globalizzazione non sia poi così globale, nemmeno all'interno di quello che dovrebbe essere un mercato unico, è evidente a chiunque abbia mai usato un PC connesso a Internet.

Capita, infatti, che YouTube non mostri un dato video perché non disponibile in quella certa regione geografica, o che Netflix presenti un catalogo diverso da Paese a Paese, anche se l'utente è sempre lo stesso e magari si trova in viaggio di lavoro o di piacere: le restrizioni geografiche la fanno da padrone.

Ma c'è di più: nonostante la Rete permetta in teoria di fare acquisti in ogni parte del mondo, potendo così scegliere il negozio online più conveniente, in realtà molte aziende che operano in diverse nazioni non consentono l'utilizzo delle versioni estere del proprio sito. Un italiano dovrà fare acquisti sulla versione italiana, e pazienza se quella tedesca offre il medesimo prodotto a un prezzo inferiore.

Per eliminare tutte queste recinzioni, con gli svantaggi che comportano per i consumatori, la Commissione Europea ha lanciato il progetto Un mercato unico digitale per l'Europa, articolato in diverse iniziative.

Gli effetti dei blocchi regionali, infatti, sono deleteri per l'economia europea nel suo complesso: la Commissione sottolinea come soltanto il 15% degli acquirenti europei faccia acquisti online da uno Stato membro diverso da quello in cui risiede e come soltanto il 7% delle PMI venda all'estero, fermata da tutti gli steccati in cui si imbatte.

Sondaggio
Qual è il motivo principale che ti può far desistere (oppure no) dal compiere un acquisto online?
La scarsa accessibilità del sito di ecommerce.
I tempi di consegna non certi.
La scomodità di dover rimanere a casa o di dover concordare la consegna con il corriere.
La possibilità che il pacco vada perso, se la spedizione non è tracciata.
La poca fiducia riposta nel negozio online.
Il prezzo maggiore del prodotto.
Le spese di spedizione elevate.
Il sovrapprezzo applicato per la spedizione contrassegno.
La scomodità di dover rispedire il pacco qualora la merce ricevuta sia danneggiata o difettosa.
La maggior difficoltà a far valere le condizioni di garanzia.
L'impossibilità di trattare sul prezzo o di chiedere uno sconto.
La poca fiducia riposta nei sistemi di pagamento online disponibili.

Mostra i risultati (2254 voti)
Leggi i commenti (10)

Avere un unico mercato creerebbe migliaia di nuovi posti di lavoro e apporterebbe all'economia dell'Unione, secondo i calcoli di Bruxelles, 415 miliardi di euro l'anno.

La Commissione intende agire entro la fine dell'anno prossimo lungo tre direttrici, definite i pilastri su cui costruire il mercato unico digitale: migliorare l'accesso ai beni e servizi digitali in tutta Europa per i consumatori e le imprese; creare un contesto favorevole e parità di condizioni affinché le reti digitali e i servizi innovativi possano svilupparsi; massimizzare il potenziale di crescita dell'economia digitale.

Oltre a poter fare acquisti in libertà, i cittadini europei potranno godere dei servizi cui sono iscritti in ogni Stato dell'Unione.

Così, un cittadino britannico che da casa propria può liberamente utilizzare il servizio di streaming della BBC iPlayer poiché paga il canone televisivo potrà fare lo stesso anche qualora dovesse trovarsi all'estero, mentre oggi ciò non è possibile.

Allo stesso modo, un utente di Netflix si vedrà proporre sempre il medesimo catalogo di contenuti indipendentemente dal luogo in cui si trova, invece di trovarsi con un catalogo diverso o menomato se decide di viaggiare.

Qui sotto, il video di presentazione del progetto realizzato dalla Commissione Europea.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
UE, addio ai blocchi regionali per Netflix e soci
L'Europa rinuncia a combattere il geoblocking nei video
L'UE vuole mettere al bando le restrizioni geografiche online
Così si aggira la censura, anche da smartphone
Usare TOR e i proxy

Commenti all'articolo (3)

Non centra niente la contraffazione alimentare con questo articolo... Leggi tutto
8-5-2015 16:49

{W3C_Freedom}
si installa Orbot su Android, e poi il client FireFox che si va a cercare Orbot. per quel che riguarda gli altri sistemi operativi non si fa altro che installare TOR sul proprio computer ed accedere a Youtube, e quando dice che un video non è disponibile, in basso basta cambiare il paese ed il video diventa disponibile. per quel che... Leggi tutto
8-5-2015 04:30

traduzione: tedeschi, slavi & Co. venderanno di più nel Belpaese, che già a da fare con Usa e associati per la questione vino e altre derrate alimentari, e da ora con tutto il mondo per via dell'olio d'oliva.
7-5-2015 14:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
iPad/iPhone, Android, Windows Phone hanno servizi che localizzano gli utenti. La privacy è violata?
Sì, almeno potenzialmente.
No, è tutta una bolla di sapone.
Non so.

Mostra i risultati (3126 voti)
Luglio 2020
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Tutti gli Arretrati


web metrics