Multe alla Microsoft dall'UE

Il Commissario Europeo per la concorrenza avvisa il colosso di Redmond: o cambia politica o saranno multe. Non è forse troppo tardi?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-08-2003]

E' ufficiale: la Commissione Europea avvisa la Microsoft che potrebbe infliggerle una multa per comportamento teso a soffocare la concorrenza a danno dei consumatori. Si tratta di manovre per conquistare il mercato dei server di fascia bassa (la casa di Redmond si rifiuta di rivelare importanti informazioni sull'interfaccia con i pc di rete, equipaggiati nella stragrande maggioranza con Windows) e dell'ingombrante presenza di un sempre più potente Media Player all'interno del sistema precaricato nei PC, che scoraggerebbe l'acquisto di analoghi programmi di lettura multimediale.

Dopo un'indagine che ormai dura da circa tre anni, la Commissione Europea per la Concorrenza, per bocca del suo portavoce Tilman Lueder, ha deciso di chiedere formalmente una serie di rimedi per porre fine agli abusi di Microsoft ed ha preannunciato, udite udite, una multa che rischia di essere molto pesante, fino a 2,8 miliardi di euro.

La Commissione sembra dare per scontato l'esito dell'inchiesta: "Abbiamo raccolto così tante prove - ha detto Lueder - da non avere più dubbi in proposito".

Sarà. L'impressione è che si tratti comunque dell'ennesimo buco nell'acqua. A prescindere dall'importo effettivo della multa, che attendiamo di conoscere, pensiamo che imporre adesso un comportamento corretto alla Microsoft non potrà rivitalizzare una concorrenza già uccisa da tempo.

D'altro canto, sono sempre più numerosi gli utenti che si rivolgono con soddisfazione ai programmi Open Source: è questo il vero concorrente di Microsoft, perchè non è possibile strangolarlo.

Come dire: poniamo molta più fiducia in questo tipo di iniziative "dal basso", che nelle farraginose manovre di un'autorità lenta ed ancorata a schemi economici non più attuali. Quando tutti i buoi sono scappati, chiudere il recinto è forse la manovra più sbagliata.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

luca
perchè sarebbe troppo tardi? Leggi tutto
18-8-2003 18:49

Beppe Grimaldi
E' INDECENTE!! CI PRENDONO SOLO IN GIRO.. Leggi tutto
11-8-2003 22:53

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Di quale generazione fai parte?
Generazione silenziosa: i nati tra gli anni '20 e gli anni '40 del XX secolo
Baby boomers: i nati tra gli anni '40 e l'inizio degli anni '60 del XX secolo
Generazione X: i nati tra gli anni '60 e l'inizio degli anni '80 del XX secolo
Generazione Y (o Millennials): i nati tra gli anni '80 del XX secolo e il 2000
Generazione Z: i nati dal 2000
Generazione Alpha (o Screenagers): i nati dal 2010

Mostra i risultati (2300 voti)
Dicembre 2019
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Tutti gli Arretrati


web metrics