Netflix arriva in Italia con Vodafone

Serie TV, film in alta definizione e produzioni originali per tutti gli utenti fibra ottica e 4G.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-09-2015]

netflix vodafone

Dopo Telecom Italia, anche Vodafone rivela i propri piani per portare in Italia Netflix, il popolare servizio di video in streaming on demand: l'operatore telefonico ha annunciato la conclusione dell'accordo, che prevede l'attivazione del servizio durante il mese di ottobre.

I due colossi sono peraltro già partner in altre nazioni, come il Regno Unito, la Germania, l'Irlanda, i Paesi Bassi e la Nuova Zelanda: con il lancio in Italia hanno quindi semplicemente deciso di ampliare la propria collaborazione.

Vodafone lancerà dei nuovi piani tariffari che includeranno l'accesso a Netflix per i clienti che acquisteranno i pacchetti di connettività in fibra ottica o 4G; inoltre il pagamento dell'abbonamento al servizio di streaming potrà avvenire tramite la normale bolletta.

Al momento la data più probabile per l'inizio dei servizi di Netflix via Vodafone in Italia è il 16 ottobre, sebbene una decisione definitiva ancora non sia stata presa. I contenuti disponibili comprendono serie TV, film anche in alta definizione Ultra HD (4K) e produzioni originali Netflix, come l'acclamata Marvel's Daredevil.

Sondaggio
Sim o Wi-Fi?
Con Sim e piano dati attivo.
Con Sim ma senza piano dati.
Ho Sim e piano dati ma uso soprattutto il Wi-Fi.
Solo Wi-Fi.

Mostra i risultati (1358 voti)
Leggi i commenti (4)

Ricordiamo che l'accordo con Telecom Italia prevede l'accesso ai contenuti di Netflix tramite il set-top box TIMVision, disponibile per gli utenti che dispongono di una connessione ADSL o in fibra ottica.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Netflix sbarca in Italia ma non teme i pirati
Il primo film di Netflix boicottato dai cinema
Amazon, arriva la Kindle TV
Netflix prepara il lancio in Italia

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2475 voti)
Gennaio 2020
Cooler Master: addio siringhe, ma la pasta termica non è una droga
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Tutti gli Arretrati


web metrics