Controllare le luci di casa con Siri dall'iPhone

Grazie a Philips non dobbiamo più nemmeno fare la fatica di aprire l'app dedicata.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-11-2015]

philips hue bridge

L'olandese Philips è impegnata da diverso tempo nelle realizzazione di sistemi di illuminazione intelligenti, che possono essere controllati dallo smartphone, e a questo scopo ha realizzato la serie di prodotti Philips Hue.

Ora che Apple ha lanciato iOS 9, che integra il framework HomeKit per il controllo dei dispositivi domestici, Philips ha rilasciato una nuova versione delle lampadine e degli hub Hue, compatibile con HomeKit e controllabile via Siri.

Chi per 60 euro acquista il nuovo Hue Bridge 2.0 quadrato (o compra il kit di aggiornamento di quello vecchio, rotondo, per 40 dollari) non deve più aprire l'apposita app di controllo per regolare l'intensità della luce ma può limitarsi a dire all'iPhone qualcosa del tipo «Siri, abbassa la luminosità della lampada del 50%».

Ogni lampadina della serie Hue, venduta a 15 dollari, è indipendente dalle altre: ciò significa che è possibile controllarle tutte insieme ma anche ciascuna individualmente, per esempio dicendo «Siri, spegni la luce sopra al divano».

Sondaggio
Quali autorizzazioni hai concesso alle applicazioni presenti sul tuo dispositivo mobile?
Non limito l'accesso alle app sul mio dispositivo
Di solito concedo le autorizzazioni su richiesta e non ci penso pi¨
Concedo le autorizzazioni a seconda dell'applicazione e delle sue funzionalitÓ
Non posso modificare le autorizzazioni delle applicazioni

Mostra i risultati (1092 voti)
Leggi i commenti (8)

Lo Hue Bridge 2.0 non si limita però a essere compatibile con l'Apple HomeKit, ma funziona anche con il framework Nest di Google e l'altoparlante intelligente Amazon Echo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Come spegnere le luci ''intelligenti'' usando un drone
Le lampadine intelligenti che escludono quelle della concorrenza
La lampadina intelligente ma anche economica
La smart lampadina... veramente intelligente
Vulnerabilità nelle lampadine intelligenti
Le lampadine smart che si controllano in remoto
La lampadina a LED di Philips perde il bulbo e diventa piatta

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual Ŕ il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google Ŕ veramente brutta! Pi¨ che un auto Ŕ un'ovovia.
Ci toglierÓ il piacere di guidare e la nostra vita sarÓ un po' pi¨ triste.
AvrÓ un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarÓ maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi pi¨ lunghi o pi¨ lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non Ŕ chiaro di chi sarÓ la responsabilitÓ civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
SarÓ esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocitÓ o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno pi¨: giÓ immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (2028 voti)
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 novembre


web metrics