Miniere su Marte, gli USA mettono le mani avanti

Il Congresso approva unanime lo Space Act, che garantisce ai cittadini USA i diritti di sfruttamento. In barba agli accordi internazionali.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-11-2015]

space act miniere marte

Sin dal 1967 il Trattato sullo spazio extra-atmosferico impedisce agli Stati firmatari di rivendicare le risorse eventualmente scoperte nello spazio: nessun Paese può insomma considerare proprio un pezzo di territorio lunare o marziano e iniziare a sfruttarlo.

Gli Stati Uniti, che a suo tempo firmarono il trattato, ora hanno cambiato idea. Non hanno formalmente disconosciuto l'accordo ma il Congresso, con un mirabile esempio di unità tra maggioranza e opposizione, ha dato una prima approvazione allo Space Act 2015, all'interno del quale si trovano affermazioni completamente opposto a quelle del documento del 1967.

Tale legge, che prima di arrivare sulla scrivania del presidente degli USA per la firma definitiva deve ancora ricevere un'ulteriore approvazione dalla Camera dei Rappresentanti, garantisce diritti minerari nonché sulle «risorse spaziali» e su quelle presenti sugli asteroidi ai privati cittadini statunitensi che riescano a raggiungerle.

In altre parole, in base allo Space Act, se Elon Musk volesse impiantare una miniera su Marte, qualora riuscisse a farvi arrivare una squadra grazie agli sforzi della sua SpaceX, avrebbe pronta una legge che gli garantirebbe i diritti di sfruttamento.

Lo scenario appena descritto è esclusivamente teorico, ma soltanto per il momento. La Nasa sta lavorando per mettere a punto nuovi sistemi volti a studiare le vene di minerali presenti su Marte: quindi a separarci da quella possibilità sono soltanto il tempo e la fattibilità tecnica.

Sondaggio
Hai ricevuto un messaggio da un amico su un social network. Il tuo amico ti invita a fare click su un link e a mettere ''mi piace'' ad alcune foto. Cosa fai?
Certo! Me lo chiede un amico
Gli chiedo di darmi qualche informazione in più sulle foto. Se mi risponde, faccio click sul link
Sposto il messaggio nella cartella spam e blocco il mio amico

Mostra i risultati (1097 voti)
Leggi i commenti (12)

L'approvazione preliminare di questa legge è già stata festeggiata dalla Planetary Resources, azienda finanziata anche da Google e dal regista James Cameron, come «il diritto dei cittadini USA di possedere le risorse presenti sugli asteroidi» e come autrice di un grande impulso all'economia, ora su scala interplanetaria.

Ovviamente, il fatto che lo Space Act (che riguarda non soltanto lo sfruttamento di minerali, ma anche di eventuale acqua) contraddica il Trattato del 1967 pone un problema interessante dal punto di vista del diritto internazionale. Anche perché il Senato s'è premurato di aggiungere che i diritti sulle risorse spaziali sono garantiti soltanto a quei cittadini in regola con la legge «compresi gli obblighi internazionali degli Stati Uniti» e che gli USA in quanto nazione non pretendono di avanzar alcun diritto «su nessun corpo celeste», creando quindi una situazione complicata.

Ma è soprattutto sconsolante vedere come, mentre si programmano le prime missioni che porteranno l'uomo su Marte, ci sia già un governo pronto a mettere le mani sulle risorse naturali che si dovessero scoprire, sia pure attraverso l'iniziativa privata e non direttamente, nel tentativo di salvare la faccia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Larry Page e le miniere sugli asteroidi, primo lancio a luglio
La Cina interessata alle miniere sulla Luna

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Gli americani sono comunque assai pragmatici e, se hanno formulato questa legge e stanno per approvarla definitivamente significa che ci credono e che pensano che la cosa sia possibile, sicuramente non nel breve ma, forse, neppure in un futuro troppo remoto se non ci autodistruggiamo prima come siamo sempre più impegnati a fare. ... Leggi tutto
21-11-2015 18:28

Lo so. Purtroppo lo so bene, e purtroppo hai tristemente ragione. Io ragionavo in termini di raziocinio, non in termini di mera sete di potere... Leggi tutto
20-11-2015 21:42

Non gli interessa minimamente. E' l'esercizio del Potere l'unica cosa che conta per loro. Godono di aver approvato un atto che garantisce ipotetici diritti, che poi non sia praticamente sfruttabile è un dettaglio marginale. Leggi tutto
20-11-2015 14:17

Perché questa notizia? Il trattato dice che non si puo' possedere un pianeta per esempio ma se un privato spende 10miliardi per andare su marte o un asteroide, sfrutta e preleva materiale in quel posto. Un'altra societa' non puo' andare allo stesso posto e rubare quello preso dal primo. Ma comunque puo' andare su quel pianeta e... Leggi tutto
19-11-2015 09:01

Esattamente. Come lo è stato a suo tempo per il sogno di estrarre l'oro dall'acqua di mare. Leggi tutto
18-11-2015 22:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A Milano l'Ecopass si è trasformato in congestion charge: si paga per accedere al centro anche se si ha un'auto poco inquinante. Sei d'accordo?
Sono favorevole a questo modello, per le grandi città: bisogna usare meno l'auto.
Sono contrario in generale: non serve, è solo una tassa per spillare quattrini ai cittadini.
Era meglio il vecchio modello, in cui le auto meno inquinanti non pagavano (o pagavano di meno).
Il problema non mi tocca: non vivo e non vado mai né a Milano né in altre grandi città.

Mostra i risultati (2250 voti)
Novembre 2019
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Omessa custodia del cellulare, sanzionata l'insegnante del post anti-Arma
Smartphone e batteria, con la modalità scura si risparmia davvero
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics