Tetraplegico muove di nuovo la mano grazie a impianto neurale

Può muovere le dita a una a una, afferrare oggetti grandi e piccoli e riesce perfino a giocare a Guitar Hero.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-04-2016]

paralizzato muove mano

I progressi compiuti dalla medicina ci hanno permesso di vedere persone paralizzate in grado di controllare con il pensiero arti robotici, ma alcuni ricercatori dell'Istituto Feinstein per la ricerca medica sono andati oltre.

Come spiega lo studio pubblicato su Nature, sono stati in grado di permettere a un uomo paralizzato di muovere nuovamente la propria mano grazie a un "bypass neurale".

L'impianto consiste in un microelettrodo impiantato nel cervello del paziente - il ventiquattrenne Ian Burkhart, costretto all'immobilità da un incidente - che capta l'attività in zone specifiche della corteccia motoria sinistra, identificate grazie alla risonanza magnetica come le aree che servono per controllare la mano.

Il segnale catturato dall'elettrodo viene poi passato al sistema di bypass neurale vero e proprio, che provvede a tradurlo in maniera tale che sia utilizzabile dalla speciale "manica" indossata da Burkhart e dotata di 130 elettrodi il cui compito è stimolare i muscoli.

Dopo 15 mesi di lavori, durante i quali Burkhart si è sottoposto a tre sessioni di allenamento a settimana, l'uomo è stato in grado di controllare nuovamente la propria mano con buona precisione, tanto da riuscire a muovere le singole dita, afferrare oggetti singoli e grandi, "strisciare" una carta di credito e persino giocare a Guitar Hero.

Sondaggio
Quali vantaggi ti motivano a investire in prodotti per la smart home?
Prepararsi per quando si arriva a casa dal lavoro
Sicurezza per la casa
Essere pronto ad andare a letto (temperatura, illuminazione, chiusura delle tapparelle)
Intrattenimento accessibile
Cura dei miei parenti anziani

Mostra i risultati (493 voti)
Leggi i commenti (3)

«Non eravamo sicuri che sarebbe stato capace di muovere le singole dita» spiega il primo autore dello sutdio, Chad Bouton. «Il risultato ottenuto è andato al di là delle nostre aspettative».

Gli studiosi ritengono di aver posto una pietra miliare sul cammino verso il ripristino delle funzionalità nei pazienti paralizzati, anche se sono coscienti che il lavoro da fare è ancora parecchio: ora stanno studiando come fare in modo che il sistema si possa adattare a diversi pazienti e possa essere fatto funzionare al di fuori delle strutture cliniche.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Un chip nel cervello: stavolta non è un delirio complottista
Paralizzati muovono gambe e braccia via Bluetooth
Un esoscheletro per tornare a camminare
Legge e Tecnologia al servizio dei disabili

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanto Ť importante la fotocamera in un tablet?
La fotocamera nel tablet? Ma a che serve?
E' importante ma non essenziale, potrei farne tranquillamente a meno.
E' fondamentale: non comprerei mai un tablet senza una buona fotocamera, o meglio ancora due.
Non ho un tablet e non mi sono mai posto il problema.

Mostra i risultati (2161 voti)
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 novembre


web metrics