Siti Https di Visa vulnerabili al ''forbidden attack''

Il problema riguarda oltre 70.000 server.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-06-2016]

forbidden attack

Oltre 70.000 server web appartenenti a Visa e 184 server (tra i quali ce ne sono alcuni appartenenti alla Deutsche Börse e all'associazione bancaria polacca Zwizek Banków Polskich) sono vulnerabili e possono cadere di fronte a un attacco vecchio ormai di decenni.

La minaccia è stata rilevata da un gruppo di ricercatori, che hanno battezzato l'attacco forbidden attack, ossia attacco proibito per via di ciò che lo rende possibile.

Il cuore del problema sta nel fatto che, contravvenendo alle specifiche del protocollo TLS, i server in pericolo riutilizzano il nonce crittografico. Ciò che rende i server vulnerabili è quindi l'aver attuato una pratica proibita: di qui il nome.

A causa di questa implementazione scorretta diventa possibile, se c'è modi di monitorare la connessione per esempio attraverso una rete Wi-Fi non sicura, di manipolare le trasmissioni di dati senza che alcuno se ne accorga.

«Ciò porta a un fallimento catastrofico della sicurezza, anche se il nonce è riadoperato una sola volta, e consente di portare un attacco contro HTTP» scrivono i ricercatori.

Sondaggio
Per quale servizio collegato a un prodotto per la smart home saresti pi¨ disposto a pagare fino a 15 euro al mese?
Lo scongiurare dei guasti dei prodotti smart, per esempio lavastoviglie, connettendoli ai fabbricanti, in modo da identificarli e anticiparne qualsiasi problema.
Collegamento alla compagnia assicuratrice che interviene in caso di allagamento, intrusione o allarme quando non sono in casa.
Assistenza nella vita di tutti i giorni per gli anziani.
Collegamento dei dati relativi alla salute al medico o al reparto ospedaliero per il monitoraggio dei parametri vitali chiave.
Collegamento alla societÓ di sicurezza che intervenga quando l'allarme si spegne.
Nessuno di questi

Mostra i risultati (1143 voti)
Leggi i commenti (8)

Fortunatamente, riuscire a violare i 70.000 server web indicati come vulnerabili non è banale. I ricercatori infatti sostengono che, per far sì che il server riutilizzi un nonce su più connessioni, è necessario inviargli terabyte di dati: il rischio, dunque, sembra essere «più teorico che pratico», anche se l'ovvia raccomandazione è non ignorare alcuna possibilità, per quanto remota.

Dal momento in cui i ricercatori hanno fatto la loro scansione, individuando i server vulnerabili, gli amministratori di sistema hanno avuto modo di intervenire applicando le patch su alcune delle macchine.

Tuttavia, Aaron Zauner, uno degli autori della ricerca, ritiene che il pericolo venga preso troppo alla leggera e che gli interventi correttivi non siano abbastanza celeri: «Sono piuttosto sicuro che, se rifaremo la scansione tra un anno o giù di lì, i numeri non saranno cambiati di molto».

Qui sotto, un video che dimostra come sia possibile attuare il forbidden attack.

Visa sostiene che il problema è stato risolto e segnala che i sistemi di pagamento non hanno subito alcuna implicazione. In una nota dell'azienda si legge: "I siti interessati da questo problema sono stati i siti di marketing di Visa. Ciò significa che i sistemi di pagamento Visa non sono stati colpiti da questa anomalia, né tantomeno i dati sensibili di alcun titolare Visa."

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Https e OpenVpn sotto attacco
Il keylogger travestito da caricabatterie Usb
Bug di SAP corretto anni fa, ma vulnerabilità ancora diffusa

Commenti all'articolo (1)

Forse, una volta tanto, gli amministratori avranno fatto un conto rischio/beneficio e, trattandosi di rischio "pi¨ teorico che pratico" avranno deciso di non investire soldi per mettere in sicurezza questi server. Solo il futuro ci dirÓ se a torto o a ragione...
12-6-2016 16:50

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual Ŕ il tuo approccio con la tecnologia?
La ostacolo con tutte le mie forze: porta solo guai, inquinamento, distruzione e guerra. Il mio stile di vita ideale e' quello degli Amish della Pennsylvania.
Sono poco interessato, uso le macchine al minimo indispensabile, e solo per l'utilizzo pratico. Per esempio, uso il telefono per comunicare, l'auto per muovermi sulle lunghe distanze e il computer per fare strani calcoli elaborati.
La tecnologia non e' buona o cattiva, essa si limita a fornirci degli strumenti piu' potenti. Se vengono usati a fin di bene o male, il merito o la colpa sono solo nostri.
Amo circondarmi di macchinette che fanno cose fino a ieri impensabili. Essere aggiornato e' per me un sottile godimento, per certi versi una piacevole dipendenza.

Mostra i risultati (4037 voti)
Luglio 2021
Nuovo digitale terrestre, tutto rimandato
Rinunciare allo smartphone
Windows 10, svelato l'aggiornamento 21H2
Zitto zitto, il Parlamento Europeo vara la sorveglianza di massa di tutte le email
La UE ci riprova col caricabatterie unico
Stuxnet, il virus informatico più distruttivo della storia
Windows 11, niente update da Windows 7 e 8.1
Falla critica nel sistema di stampa di Windows, e la patch ancora non c'è
Un assaggio del nuovo Office, riprogettato per Windows 11
Giugno 2021
Windows 11, il mio PC riuscirà a eseguirlo?
Windows 11, non abbiate fretta di installarlo
Un blackout informatico molto, molto canadese
Windows 11 sarà più veloce di Windows 10
Windows 11, l'update da Windows 7 e 8 sarà gratis
Windows 11, l'ISO del sistema finisce in Rete
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 3 agosto


web metrics